Enti in rete L.482/99   

Paeasaggi di Pietra

La montagna come paesaggio costruito

La montanha coma païsatge construit

La montagna come paesaggio costruito
italiano Nella nostra mente, il paesaggio alpino è uno spazio essenzialmente naturale.
In realtà il paesaggio delle vallate occitane che noi oggi vediamo è il risultato di una continua e incessante opera di modificazione dell’ambiente naturale da parte dell’uomo che ha inizio nel periodo medievale. Un territorio quindi fortemente antropizzato, che per molti versi ha forti caratteri di specificità e unicità rispetto ad altri luoghi delle Alpi.
Rispetto ai territori della pianura, la verticalità della montagna introduce fattori come l’altimetria, l’esposizione, la pendenza del terreno, il variare della temperatura e delle precipitazioni in relazione alla quota, tutti elementi che a loro volta si riflettono sulla diversificazione vegetazionale e dei suoli, determinando una infinità di situazioni e contesti ambientali differenti, spesso avversi alla presenza dell’uomo.
Questa varietà fisica, moltiplicata inoltre dal mutare delle stagioni, da ostacolo e impedimento si trasforma invece – nell’interpretazione data dalle comunità alpine – in opportunità positiva.
I montanari – muovendosi nell’arco dei dodici mesi lungo i versanti vallivi –assecondavano e utilizzavano questa naturale configurazione del territorio per fasce altimetriche, interpretando e modificando ininterrottamente la natura dei luoghi ai fini dell’insediamento e dello sfruttamento umano.
Oggi, quando noi guardiamo questo paesaggio, spesso facciamo fatica a coglierne le logiche. Ne osserviamo le tracce fisiche (borgate, mulattiere, alpeggi, ecc.), ma non riusciamo a comprendere il meccanismo di “funzionamento” di quel paesaggio. Anzi, sovente rischiamo di darne una lettura semplificata o idealizzata.
Il paesaggio storico delle valli occitane è invece una “macchina complessa”. Insediamenti, architetture, coltivi, terrazzamenti, alpeggi, boschi, canali, mulattiere, rappresentano singoli elementi interdipendenti di un unico sistema integrato, dove centrale era appunto il movimento – la “micromobilità” – lungo le fasce altimetriche al variare delle stagioni.
In definitiva un gigantesco paesaggio costruito, abbracciante tutte le vallate occitane, che storicamente fungeva da vera e propria “infrastruttura ecologica” per la vita e il lavoro degli abitanti.
occitan Segond nòstra idea, lo païsatge alpin es un espaci mai que tot natural.
A dir lo ver lo païsatge de las valadas occitanas qu’encuei nosautri veiem es la resulta de tota na partia de chambiaments de l’ambient natural que l’òme a fach a partir da l’atge mesan. Un territòri donc ben antropizat, un territòri fortement caracterizat e particular en rapòrt a d’autras zònas de las Alps. Respèct ai territòris de la plana, la riba de la montanha pòrta a tenir còmpte de l’altimetria, de l’exposicion, de la pendença dal terren, dal chambiament de temperatura e de las precipitacions en relacion a l’altitud. Tot aquò vai pesar sus la variacion de vegetacion e de la tèrra, crea de situacions d’ambient ben diferentas e sovent da mal viure per l’òme.
Aquesta varietat física, afortia dal chambiament de las sasons, es estaa viraa da la gent alpina da obstacle e dificultat a oportunitat positiva.
Lhi montanars an esfruchat aquesta conformacion naturala dal territòri en se meirant al lòng de l’an a d’autessas diferentas, se son adaptats e an modificat la natura de contuni per poler abitar e ne’n tirar profit.
Encuei, quora garem aqueste païsatge, sovent trebulem a capir lo sens d’aquò que veiem. Las ruaas, las draias, las meiras, lhi pasturals,... mas qual es lo mecanisme de foncionament de tot aquò? L’idea que se fasem es sovent limitaa e idealizaa.
Lo païsatge istòric de las valadas occitanas es al contrari una “màquina complicaa”. Insediaments, arquitecturas, coltivacions, planets, montanhas, bòscs, canals, mulatieras, representen d’elements interdipendents d’un solet sistema integrat, ente fondamental era lo moviment – la”micromobilitat” – a autessa diferenta conforme a la sason.
En fin finala un gigantesc païsatge construït, qu’embraçava totas las valadas occitanas, qu’ental passat foncionava pròpi coma una vera “infrastructura ecològica” per la vita e lo trabalh de lhi abitants.