Enti in rete L.482/99   

Paeasaggi di Pietra

Architetture pedemontane di Gabetti e Isola

Arquitecturas de bassa valada de Gabetti e Isola

Architetture pedemontane di Gabetti e Isola
italiano Lungo la fascia pedemontana compresa tra Bagnolo e Barge, Roberto Gabetti e Aimaro Isola – due architetti di fama nazionale e internazionale – hanno realizzato nel corso dell’ultimo mezzo secolo una serie di opere che sono state pubblicate su libri e riviste di architettura italiane e straniere.
Si tratta di una collezione di edifici pubblici e religiosi, residenziali e produttivi, che se riuniti potrebbero formare un piccolo borgo: la Chiesa di Montoso degli anni sessanta; il Municipio, il bellissimo caseificio La Tuminera e la casa Paire a Bagnolo realizzati a cavallo tra anni settanta e ottanta; la casa Marchetti a Barge e l’ala pubblica in piazza S. Pietro a Bagnolo degli anni novanta.
Tutte queste architetture sono caratterizzate dall’uso misto di pietra, legno e mattone, come a ricordare che quest’area pedemontana rappresenta una terra di confine e di frontiera tra le culture costruttive di pianura e quelle di montagna.
La pietra utilizzata in queste costruzioni è proprio quella estratta nelle cave sopra Bagnolo; un materiale molto amato da Gabetti e Isola –va ricordato che quest’ultimo è nativo di Bagnolo –, e praticamente reinventato e riportato alla contemporaneità per mezzo dei loro progetti.
Dietro questo ciclo pedemontano di opere si può cogliere un’idea di architettura dove i concetti di luogo e di paesaggio giocano un ruolo centrale.
Una concezione di luogo non limitata però ai soli aspetti formali e morfologici del contesto e del sito, ma aperta anche alla storia e alle culture materiali, ai savoir faire e alle tecnologie locali, che fa intravedere l’importanza di una architettura contemporanea di qualità.
occitan Dins las bassas valadas entre Banhòl e Barge, Roberto Gabetti e Aimaro Isola – dui arquitects de fama nacionala e internacionala – an realizat dins lhi darriers cinquant’ans d’òbras que son estaas publicaas sus libres e revistas d’arquitectura italianas e estrangieras.
Son d’edificis públics e religiós, residencials e productius que butats ensem formarien un quartier: la Gleisa de Montós de lhi ans sessanta; a Banhòl dins lhi ans ’70-’80 la Casa d’la comuna, lo bèl cason La Tuminera e la casa Paire; la casa Marchetti a Barge e l’ala en plaça Sant Peire a Banhòl dins lhi ans novanta.
Totas aquestas arquitecturas se caracterizen per l’utilizacion a l’estés temp de la peira, lo bòsc e lhi mons per navisar qu’aquela zòna representa una tèrra de bòina entre culturas de la montanha e de la plana.
Naturalment la peira adobraa es aquela de las gavas de Banhòl que tant plai a Gabetti e Isola – aqueste darrier es de Banhòl – e que l’an valorizaa e reportaa en premier plan pròpi embe lors projects.
Ent’aquesti projects dins aquela zòna salh fòra un’idea d’arquitectura ente lo pòst e lo païsatge son ben importants. Una maniera de veire lo pòst que ten compte ren mec de la morfologia dal sit, mas de l’estòria e de la cultura d’aquí, de las abilitats e las tecnologias localas, que fai salhir l’importança d’una arquitectura modèrna de qualitat.