Enti in rete L.482/99   

Paisana pais occitan

Il grande fiume divide o unisce?

Lo grand flum partatja o unis?

Il grande fiume divide o unisce?
italiano Il Po, il maggior fiume italiano, nasce ai piedi del Monviso, bagna Torino, attraversa o lambisce quattro regioni, raccoglie i contributi di numerosi corsi d'acqua e finalmente, dopo un corso di 652 km., sfocia nel Mare Adriatico con un ramificato Delta. Alla sua sorgente, al Pian del Re (2020 m.), le sue acque limpide, fresche e tranquille non lasciano per nulla immaginare quale "gigante" diventerà nello scendere a valle ed in pianura.
Paesana sorge a cavallo del Po ed è articolata su due distinti borghi: Santa Margherita a destra e Santa Maria a sinistra del fiume.
Il fiume inteso come una via di umana comunicazione e di cultura, luogo di lavoro e di fatica, di crescita sociale, ma soprattutto spazio naturale di biodiversità, simbolo della vita stessa, di un infinito ripetersi e metafora della nascita, della crescita e della morte: dalla naturale purezza e impetuosa irruenza del tratto montano alla complessa controversa maturità che fluisce attraverso la pianura, per inarrestabile destino, verso una meta che disperde, diffonde, amalgama e ricostruisce il ciclo eterno della materia della vita.
occitan Lo Po, lo major flum italian, nais a lhi pes dal Vísol, banha Turin e d'autras importantas vilas, atravèrsa o fai da bòina a quatre regions recuelhent las aigas de numeroses flums e finalment, après un cors de 652 km., se campa dis lo mar Adriàtic en formant un gròs Delta. Las aigas claras, freschas e tranquilas de la sorsa, al Plan dal Rei (2020 m.) laisson ren imaginar qual "gigant" deveneré dins son chamin a val e vers la planura.
Paisana se tròba a caval dal Po e es dividua en doas parts: lo borg de Santa Margarida a drecha e Santa Maria a manchina dal cors d'aiga.
Lo flum que divid e unís, via de comunicacion e de cultura, sorgent de vita e luec de trabalh e de fatiga, de creissua sociala, espaci natural de biodiversitat, símbol de la vita mesma, d'un devenir sensa fins e metàfora de la naissença, de la creissua e de la mòrt: da la naturala puressa e vivacitat dal pichòt riu a la complèxa controvèrsa maturitat que abeura la plana, per inarestable destin, vèrs una fins que despèrd, diffond e reforma lo cicle etèrn de la matèria de la vita.
Amic, lhi nòstri parlats son tuti dui romans;
poem dir-se fraires e tocar-se la man:
lo tiu Po, la mia Durança
naissuts tuti da un sol mont
van abeurar un lo Piemont
e l'autre la Provença.
Frédéric Mistral, premi Nòbel per la Literatura 1904