Enti in rete L.482/99   

Paisana pais occitan

Dove vai Giors Bonetto?

Ente vas Jòrs Bonet?

Dove vai Giors Bonetto?
italiano Si a le mari logo. (Questo è un posto ingrato!)
Così scrisse Giors Boneto sotto il San Bartolomeo dipinto nel 1790 a Marilö, borgata di Paesana, dove venne ospitato e retribuito per il suo lavoro di pittore itinerante. Non si riferiva Giors al paesaggio della sua valle, ma alle condizioni di un popolo alpino che ha sempre integrato la sua economia con l'emigrazione. In quegli anni si trovava vicino a casa; nacque infatti a Prato Guglielmo, Parrocchia di Santa Margherita, il 10 febbraio 1746, ma la sua opera conobbe una diffusione molto più ampia sia per il numero degli affreschi che per le valli attraversate: Po, Varaita, Maira, Grana e Stura.
Tutte queste opere (si pensa circa 300 ancora visibili nei territori delle diverse Comunità Montane cuneesi) testimoniano la devozione di un mondo contadino alla ricerca di speranza e forza per affrontare le frequenti carestie ed epidemie.
San Chiaffredo, Santa Caterina, la Madonna dei Sette Dolori, San Cristoforo, ma anche draghi, colombe e aquile abitano alla Ghisola, a Subilia, al Brichet, alla Gignosa; scene corali della vita di Cristo si svolgono all'Eretta, così come in molte delle cento borgate di Paesana.
Da Paesana si snodano verso la valle molti percorsi di arte popolare che svelano l'opera di oltre venti artisti con periodi pittorici che vanno dal tardo Quattrocento al Duemila tra cui evidenziamo Pietro da Saluzzo, Hans Clemer, Giacomo Mattio, Giovanni "Neto" Borgna, Giuseppe Gauteri, Matteo Olivero, Tommaso Margaria detto "Tomà d'le Madone", Alberto Germano e Paolo Panero.
occitan Si a le mari logo.(Aicí al es un marrit pòst)
Son aquestas las paraulas que Jòrs Bonet escrivec dessot lo Sant Bartolomeu pinturat ental 1790 a Marilö, ruaa de Paisana, ente venec ospitat e pagat per son trabalh de pintre itinerant. L'escricha de Jòrs se riferia ren al païsatge de sa valada, mas a las pauras condicions d'un pòple que a totjorn degut integrar son economia embe l'imigracion. L'òbra d'aqueste pintre, naissut a Prat Gulhèlm, Parròquia de Santa Margarida, lo 10 de febrier dal 1746, conoissec una larja difusion sia per lo numre de lhi afrèscs que per las valadas interessaas: Po, Varacha, Maira, Grana e Estura. Las pinturas (se pensa a pauc près 300 encara visiblas dins lo territòri de montanha dal cuneés) testimònion la devocion d'un mond rural a la recèrcha d'esperança e fòrça per afrontar la pauretat, las carestias e las epidemias, frequèntas dins aquel temp.
Sant Chafré, Santa Talina, la Madòna di sèt dolors, Sant Cristòfor mas decò bèstias allegòricas, drags, colombas e àiglas demoron a La Guisòla, a Subília, al Briquet, a la Ginhosa; scenas coralas de la vita dal Crist son rafiguraas a L'Ereta, parelh coma dins ben de las cent ruaas de Paisana.
Dal vilatge parton vèrs la valada numerós percors d'art popolara que rivelon l'òbra de mai que vint artistas dal tard Quatrecent al Duimila, entre lhi quals mèriton d'èsser nomats: Pietro da Saluzzo, Hans Clemer, Giacomo Mattio, Giovanni "Neto" Borgna, Giuseppe Gauteri, Matteo Olivero, Tommaso Margaria dich "Tomà d'las Madònas", Alberto Germano e Paolo Panero.