Enti in rete L.482/99   

Paisana pais occitan

Chi siamo stati?

Qui sem estats?

Chi siamo stati?
italiano Antonio Picha fu Ludovico, Gioanni Bartolomeo Guigonetto, Caterina di Gianni Alberto,... vivevano alla Ghisola nel 1633, concittadini, sebbene a distanza di 900 anni, del Re dei Longobardi.
Secondo una testimonianza scritta tra il XII e il XIII secolo da Frate Jacopo da Acqui, Re Desiderio, sconfitto da Carlo Magno dopo l'assedio di Pavia nel 744 ed esiliato in Francia nel Monastero di Corbie, non morì confinato in questa struttura, ma ottenne la concessione di tornare in Italia e di stabilirsi in un bellissimo edificio ad archi tuttora esistente situato proprio nella Borgata Ghisola. Sempre secondo questa testimonianza, qui morì e la sua salma, dopo aver riposato nella chiesa di Santa Margherita, fu trafugata e portata a Pavia, antica capitale del regno longobardo.
Giacobino Mainer, Antonio Lanfré, Gienet Julian, Gienet Maria e Viglielmo Maria furono gli "eretici" valdesi arrestati a Paesana nel 1510 dai duecento fanti inviati dall'Inquisizione e dalla Marchesa Margherita di Foix.
Prato Guglielmo, Croesio, Biatonet, Bioletto sicuramente conobbero la predicazione dei Catari fuggiaschi dopo la caduta del castello di Montségur avvenuta nel 1244; anche queste borgate furono così condannate a conoscere i saccheggi, le confische, le violenze e i roghi delle Crociate che per secoli furono perpetrate in tutta Europa.
occitan Antonio Picha foguec Ludovico, Gioanni Bartolomeo Guigonetto, Caterina di Gianni Alberto,... vivion a La Guisòla ental 1633, conpaïsans, ben se a distança de 900 ans, dal Rei di Longobards.
Second una testimoniança escricha entre lo XII e lo XIII sècle da Fra Jacopo da Aqui, Rei Desideri, batut da Carlo Magno après l'assedi de Pavia ental 744 e esiliat en França dins lo Monasteri de Corbie, muerec ren dins aquela estructura, mas obtenec la concession de retornar en Itàlia e de s'estabilir dins un magnific edifici a arcs, encara existent, situat pròpi dins la ruaa Guisòla. Sempre second aquesta testimoniança, aicí muerec e sa salma, après aver repausat dins la gleisa de Santa Margarida, foguec trafugaa e portaa a Pavia, antica capitala dal renh longobard.
Giacobino Mainer, Antonio Lanfré, Gienet Julian, Gienet Maria e Viglielmo Maria fogueron lhi erètics valdés arrestats a Paisana ental 1510 da lhi dui cents fants mandats da l'Inquisicion e da la Marquesa Margarida de Foish.
Prat Gulhèlm, Croés, Blatonet, Biolet segurament coneisseron la predicacion di Càtars escapats après las persecucions e la chaüta dal chastèl de Montsegur ental 1244; decò aquestas ruaas coneisseron parelh las violenças, lhi robalicis e la mòrt que per sècles las crosadas an portat en tota Euròpa.