Enti in rete L.482/99   

Pagno

Panh

Pagno
italiano Pagno, piccolo comune nel cuore della valle Bronda, sorge a 370 metri di quota e conta quasi 600 residenti: sino al X secolo gli edifici sorgevano più a monte rispetto all’attuale insediamento, accanto all’antica abbazia dei santi Pietro e Colombano a cui è legata la storia del paese che ha visto la dominazione prima dei marchesi di Busca ed in seguito di quelli di Saluzzo.
L’abbazia, costruita da monaci del monastero di San Colombano di Bobbio a metà dell’VIII secolo per volere del re longobardo Astolfo, venne annessa nel 825 all’abbazia della Novalesa, perdendo così l’autonomia di cui godeva, e distrutta nel 906 dai saraceni; nell’XI secolo venne ricostruita per volere della marchesa di Susa e divenne uno dei più grandi centri religiosi dell’Italia del nord. Il suo declino ebbe inizio a partire dal XV secolo.
L’edificio nei secoli ha subito alterazioni, rimaneggiamenti e modifiche che, nel Settecento, hanno addirittura visto cambiare l’orientamento stesso della chiesa. All’interno dell’abbazia si trova l’affresco di San Michele Arcangelo, attribuito alla bottega del pittore fiammingo Hans Clemer, divenuto, dopo le opere di restauro, l’immagine simbolo del progetto Mistà che dall’anno 2000 ha visto l’apertura di numerosi beni artistici nelle valli Po, Bronda, Infernotto, Varaita, Maira e Grana del periodo romanico e gotico.
Nell’abitato sono presenti altri interessanti beni artistici: la cappella della Confraternita di epoca settecentesca, Casa Cosa, villa cinquecentesca di campagna, Casa Lingua dove si può osservare un affresco del 1479, e la nuova parrocchiale che, sebbene conservi l’antica torre campanaria, è stata costruita nel 1967.
Il paese è anche rinomato per il vino Pelaverga, introdotto dai frati seguaci di San Colombano, per i ramassin, susine di origine siriaca molto diffuse in zona, e per la mela della Valle Bronda.
occitan Panh, pichòta comuna ental còr de la val Bronda, se tròba a 370 metres d’autessa e conta 600 residents: fins al X secle lhi edificis se trobavon pus amont qu’encuei, dapè a l’antica abadia di sants Peire e Colomban, al centre de l’istòria del paìs, qu’a vist la dominacion drant di marqués de Busca e aprés d’aqueli de Saluces.
L’abadia, construia da monges del monasteri de Sant Colomban de Buebi a metat de l’VIII secle per voler del rei longobard Astolfo, ven estachaa ental 825 a l’abadia de la Novalesa, perdent parelh la sia autonomia, e destrucha ental 906 dai sarrasins; ental secle XI ven mai edificaa per voler de la marquesa de Susa e deven un di pus grands centres religiós de l’Italia del nòrd. Lo siu declin comença despuei lo XV secle.
L’edifici ven retruchat e modificat en lhi secles, e ental Set Cents ven fin chambiat l’orientament de la gleisa. Dedins l’abadia se tròba lo fresc de Sant Michel Arcangel, de la botega del pintre flamand Hans Clemer, devengut, aprés lo restaure, lo simbol del projèct Mistà que despuei lo 2000 a vist la dubertura de nombrosas gleisas romanicas e gòticas en las valadas Pò, Bronda, Enfernòt, Varacha, Maira e Grana.
En paìs son presents autres enteressants monuments: la chapèla de la Confraternita del Set Cents, Casa Cosa, villa de campanha del Cinq Cents, Casa Lingua ente se tròba un fresc del 1479, e la nòva parroquiala realizaa ental 1967, que garda l’antic cloquier.
Lo paìs es decò famós per lo vin Pelaverga, portat dai monges de Sant Colomban, per lhi ramassins, pichòtas brinhas d’origina siriaca, e per lo pom d’la Val Bronda.