NINO - NANO

Layso a mamo i say sagrin

fe la nano bel bambin!

tè la nano 'nt' la tuo küno

kun ta mère isì d'akant!

Pà è parti a serkar furtüno

e tü aluro as piurà tant!

y aven dit, kuro é partì

k'al türnés lu pü garì.

Ma ke d' jent kalo a la pyano

par ganharse 'n tok ed pan:

e nuzawti a la kabano

a spetar fin k'i ribran

Par jütar la suo famiyo

skayze tüti sun partì

ma se d'awtre an purtà vio

àn laisà lu kör isì!

E da lönh nu penso inkar

kun i moti a pastürar.

E parey, kò tü purass

far la nano 'nti say brass !

Pà vol ben a suo muntanho

k'al a may pugü skurdar

e la nustaljio lu ganho

a sentir da lönh parlar

da kaykün lu bel patwà

ke sa mère y'a mustrà !

forsi al fé na vito düro

e a la fin d'la suo jurnà

penso ankar a la pastüro

'enték suvens t'aven purtà!

Ben k'alé la jent lu swanho

e k'y syo 'n barun d'amis

kyel regreto suo muntanho

e la jent del sé pais!

Speto mak lu bel mument

par turnar kun la suo jent.

 

Si tratta di una ninna nanna, fra l'altro molto dolce, cantata dalle mamme valdieresi fino a 60 anni fa circa. Il testo è stato ritrovato durante una ricerca, tuttora in corso, sulle tradizioni orali della zona da parte della scuola media di Valdieri in collaborazione con l'associazione culturale «Akyamunt» di S.Anna.

È stata ritrovata pure la musica, scritta da ignoto, basandosi probabilmente sulla diretta fonte orale.