La «pìstoulo» è l'epiteto burlesco col quale vengono etichettati gli abitanti di una determinata zona. Si tratta di appellativi che sovente intendono sottolineare l'elemento caratterizzante (caratteri somatici. Attività, abitudini ecc.) di una popolazione.

Sul piano nazionale i Piemontesi vengono chiamati «I bôgia nen».

Nell'ambito regionale quella di Cuneo viene definita «La prôvincia dal gavàs». Scendendo a livello di comune, quei di Pradleves vengono soprannominati «I bouissét d'Pradiévi». Ed infine abbiamo la «pìstoulo» delle frazioni, che è quella che più ci interessa. Quest'ultima veniva recitata o, meglio ancora, cantata con la cadenza monotona dei testi liturgici, in occasione dei ritrovi (le veglie a stalla o i convegni all'osteria). Intonare la «pìstoulo» era un lavoro per pochi addetti, per lo più buontemponi semplici e gioviali. Oggi più nessuno è in grado di farlo. Spigolando qua e là dai più anziani del paese, abbiamo ricomposto il testo seguente, con alcune varianti tra parentesi e la traduzione (quando ne siamo stati in grado!) a lato.

 

«Pìstoulo pistoulòrou

pàsso daréi' dal còrou:

i signourìn dla Vìlo,

i papassìe d'Runìe,

i stubà di Foùnze,

i stinà d' Rouséc,

(i culìe d' Rouséc)

(i tìro-pét d' Rouséc)

i pùmo-gài di' Ubài,

i pélo-chat di Garàch,

i gabàire di Schouliére,

i recucàl dal Téch,

i poulentìe d' en Pencheniéro,

(Pencheniéro trìpo niéro)

(i piànto-pal di Soutàn,

i mànjo-pan di Soubiràn)

i charbounìe dl' Eschaléto,

(i rabassìe di' Eschaléto)

(i paìe di' Eschaléto)

i pàpo-crùo dla Moutrùo,

(a la Moutrùo màngen la pàpo crùo)

i mànjo-pàte dla Foulìo,

i janavèl dla Chalàncho,

(i brizaròt dla Chalàncho)

(i gratamuzìe dla Chalàncho)

(i mànjo-linguéte dla Chalàncho)

i pouinìe d' en Fougiroùs,

(i ganassìe d' en Fougiroùs)

(i peteroùs d' en Fougiroùs)

i canounìe di Grànge,

i studiént dal Cumùn,

i segretàri dla Prézo,

i fuzilìe d'en Gerp,

(i litigàire d'en Gèrp)

i fourmagìe dal Coùgn,

i calandrìn (galabrìn) dal Tiié,

i miniàire dal Valoùn.