Sul n. 66 (Novembre 1981) di Ousitanio Vivo abbiamo pubblicato un intervento di Pietro Dao (originario di Elvo in Val Mayro e abitante a Mezzolombardo (Trento) sul problema della grafia da usare per l'occitano.

Pietro Dao ci invia ora due dialoghi scritti nella grafia proposta nell'articolo precedente.

I lettori avranno notato che sul nostro giornale vengono usate sovente grafie diverse per la lingua occitana. Questo non è casuale perché, nel momento in cui si é alla ricerca del modo migliore e razionale per scrivere la nostra lingua, vogliamo mettere il nostro giornale a disposizione di tutti quanti sono impegnati in questa ricerca. Non riteniamo tuttavia che tutte le grafie si equivalgano e, in base agli obiettivi del nostro Movimento, intendiamo favorire i lavori che vanno verso l'elaborazione di una grafia fonematica in cui ogni suono sia rappresentato sempre nello stesso modo per facilitare la lettura, la scrittura e, cosa più importante, l'insegnamento delle nostra lingua.

(Per le regole di grafia dello scritto che segue, rimandiamo il lettore all'articolo di 3.a pag. «A proposito di grafia» Pietro Dao - Ousitanio Vivo n. 66 Novembre 1981). Ricordiamo qui solamente che in base a questa proposta:

û = u francese

u = u italiana

ñ = gn di gnomo

j è sempre palatale es.: jo, ja,Jwan (gio, gia, Giacu)
c è sempre palatale es.: carju, corñ (ciargiu, ciorgn).

 

Aûro q'ai vist en alfabet qumplèt sqric e stampà, m'ez vengû vweyo d'esqrive qarqozo anqe mi per ren lisà perde qo qe m'quntavun i myei. Aqesti sun dûi dyalog qe m'quntavo mun payre, qe vento d'Elvo.

 

* *

Dyalog bu'n corñ (qe vulio ren ese ajwà).

•-Bon jurn, barbo Jwan!

•-Oh, siu isì qe carju na carjà d'lyam

•-Qe lu bun Diu v'ajûte!

•-Oh, la carjarey forse ren tuto.

•-Ai da divus qe syé 'n corñ!

•Oh grasye, fai pa da bzuñ.

 

**

 

Dyalog d'en fransès bu'n venditùr dez ulañes (qe sabio ren lu fransès e maq nestìs de talyàn)

•-Comment s'appelle ça?

•-Qé? Acuysì s'pelo pa, s'qaso!

•-Comment?

•-Eh, nu! Pa bu le man! Bu na peyro, bu 'n martlét.

•-Comprend pas !

•-Fai ren; pasun pe d'awti qe catarèn.

 

Peyre d'Lizàn (Pietro Dao)