Pubblichiamo con piacere questo articolo di considerazioni sul valore della lingua autoctona delle minoranze etniche in Italia, redatto da Aurelio Monaco, Consigliere del Comune di Valaurya (Valloriate) e Assessore nella Comunità Montana Valle Stura.

 

Jé d' sti jurn la nutisya ke la Rejun Sardegna a vutà 'n 'na manira 'n pau difisil da kapí (mak 'n vut a favur e tüch j'autri byank) na leje ke fae 'ntràa la lenga sarda 'n le skola d' l'izula.

L'é la prima granda kunkista d' una minuransa, d' na jent ke, 'ntal siu pais, parla 'na lenga ke jé diferenta d' la tenga italiana. Ma l'é d'ko la prima vira ke karkün di kunseiye serken almenu d' purtàa enan e d' disküte 'n argumen ke s' troba nin mak 'n la Kustitüsiun d' la Repüblica italiana ma 'n tüch i Regulament d' le Rejun italiane.

Per pugé rend-sne kunt, basta leze l' Regulament k'é stà fach da la Rejun Piemunt e k'é stà mandà a tute le Kumünità d' le nosta muntanha. L'atikul 3 dí propi ke ün di prim duver d' le Kumünità l'é akel d' fàa tut l'pusibu per veyre d'purtà eman 'n tute le manira, d' dràa la pi granda 'mpurtansa, d' difende 'n tüch i kas nin mak la tradisiun, la manira d' fàa e d' vive, ma d' ko la lenga di propri pais, d' la jent d' le nosta valada usitana.

L'é akel 'n prublema ke saben, 'nkamina a ese sentü 'n pau da tüch akich ke s'enteresen d' le minuransa ke viven 'n Italia. Ma saben d'ko, kuma nu è da ezempi la vutasyun 'n Sardegna (dun mak 'n kunseiye a agü l' kuraje d' vutà a favur) ke l'é 'na kestyun difisil per l' mutiv ke nin tüch j'ome pulitik di nosti pais s' senten d' purtà-la enan kuma anaria falu. Alura deven kuntinuà a parla-ne, a dra-se da fàa per truba-se e discut-ne kun la jent d' y autra valada per fàa 'n manira ke, 'ntrà tanti, s'aribe a falu kapí a tüch akich ke nu chamen l' vut l'jurn d' le vutasyun e ke apres s' dezmentien d' nuzautri e d' tüch i nostri prublema.

Per la nosta part s' pijen l'empenh d' cuntinuà l' dekurs e d' fàa tut l' pusibu per purta-lu enan a tüch i livel kun l'esperansa d'aribàa 'n jurn a pugé abée ne leje k'arkunuyse ke l' noste patuà, parech kuma l'é parlà 'n tute le noste valada, l'è 'na lenga d'la nosta minuransa, l'é 'na lenga pari a n'akella italiana.

 

 

A. MONACO

* * *

 

Articolo tratto da «La voüs d'la famija valouriana»- Bollettino d'informazione - Anno 7° marzo 1981 n. 20.

La grafia utilizzata sul nostro giornale non è quella dell'originale. Abbiamo avuto l'autorizzazione dell'autore a pubblicare lo scritto secondo la grafia fonematica che Ousitanio Vivo intende proporre e sperimentare per la scrittura dell'occitano al fine di collaborare alla ricerca di un semplice e corretto sistema di scrittura della nostra lingua.

Analizzeremo più diffusamente questa grafia su un prossimo numero del giornale. Qui vogliamo solamente aiutare la lettura con queste spiegazioni riguardanti i segni che si differenziano, nella lettura, dal sistema grafico dell'Italiano.

K e G sono sempre occlusive velari come in casa e in gatto

Ch e J sono sempre occlusive palatali come in cibo e in gioia

S è sempre sibilante dentale sorda come in sera

Z è sempre sibilante dentale sonora come in rosa

Ü indica la palatalizzazione (u francese)

NH utilizzato per rappresentare gn di gnomo

Y utilizzato per rappresentare la semivocale