Terra, pietre, acqua e legno costituiscono da sempre i materiali principali usati per la costruzione della meizoun. Solo negli anni più recenti si acquistava a valle la calce che, mescolata alla sabbia raccolta nel bial più vicino, formava la malta. Queste semplici "materie prime" unite alla forza fisica dell'uomo, ma soprattutto al suo impegno, hanno prodotto risultati visibili tuttoggi: pareti perfette, con pietre legate a regola d'arte l'una con l'altra, angoli regolari e architravi da museo. Fortunatamente, molti muratori dei giorni nostri che ristrutturano queste case lavorano con occhio attento al recupero dell'architettura locale.

   Al riguardo, sulle facciate di alcune case, in borgate diverse, si notano ancora affreschi raffiguranti la Madonna o i Santi; a Santalart è visibile una meridiana, così come ad Oncino capoluogo, alla Ruà d'Aval, presso la casa Fantone.

   Il lavoro di un tempo, affrontato con sacrificio e ingegno, veniva svolto soprattutto durante gli inverni privi di neve quando giornate asciutte e soleggiate concedevano un po' di tregua dal freddo. Per i lavori più faticosi o di più lunga durata si faceva la reuido: uno o più membri delle famiglie di una borgata prestavano la loro manodopera che sarebbe poi stata ricambiata successivamente nello stesso modo. Le reuide rappresentavano sicuramente un impegno, ma erano anche gioiosi momenti di aggregazione, come risulta da questa testimonianza: "Ën viadze l'éro tout a reuide. Tuts qui dzouve anavën për bosc, pé lh'éro la paouzo aposto, i poouzavën tuts lei .feisine drëtsse e i së sëtavën filh e filhie achì ëngranhà a countià carqui balle o tsantà doue tsançoun. L'éro bel, anavës butate për troubase tuts ënsëmmou"(Ebacolo Sebastiano).

   Prima di iniziare la costruzione di una casa era importante individuare il luogo in cui erigerla, operazione che non era assolutamente casuale. Si cercava infatti un posto che non andasse a compromettere troppo la già piccola superficie di terra utilizzata dalla famiglia per la coltivazione, quindi in genere un terreno improduttivo con pietrisco, "përqué quël touquét 'd tèro l'ero mac gro coumà ën moutsé, ma l'éro presioù për lou fën, për l'ort. Ecco il motivo per cui alcune borgate sono posizionate in posti ripidi o poco comodi, ma comunque mai in luoghi a rischio valanghe.

   La costruzione della casa iniziava con i lavori di scavo, a pic e palo, per la fondazione: "Lei faundamënte, l'éro dur nou isù, dë peire...!" (Mattio Enrico Boudouiri). "Cani i faxìën lei .foundamënte i faxìën anà tout dë peiroun brut, riount, sëcount së lh'éro tanto tero" (Mattio Ignazio Sarét). Le pietre, se di notevole mole, venivano spaccate con burin e maço e poi messe da parte per la costruzione dei muri. Spesso non bastavano, quindi se ne preparavano altre cercando di reperirle nei dintorni o più in alta quota. Anche questo lavoro veniva svolto avvalendosi delle reuide: "Lh'an fai tante peire ën souchetà e lh'an mënà" (Ebacolo Sebastiano). Per evitare ulteriori fatiche, durante l'estate, mentre si sorvegliava il bestiame al pascolo, venivano raccolte le pietre più "belle" che, ammucchiate e accatastate più o meno regolarmente, formavano un chapìe (mucchio di pietre accatastate). Con la caduta della prima neve si faceva la liounà per poter trasportare le pietre nel luogo di costruzione. "Lei peire lh'anavën quèrle bë lhi bers, d'uvern. Içì ai Chot i soun toute anale quère outo chì për lhi Coulòou. Lh'à ëncà dë chapìe a Mourouzo" (Mattio Sebastiano Sarét).

   "Bën isù ënt lh'à lhi fàou, n'unvern lh'avën mënà quël chapìe quë lh'à lai dran dë Bounét: l'ero Chens 'd Marianno avìo fai la meizoun e soun barbo Chè lou guardio canal lh'avìo prëstà lei peire; alouro lour i vënìën ën pasturo i gavavën lei peire amoun achì qui sapavën e ai dzò mënà mi lei peire ilai a Bounét".(Allisio Giuseppe Pessi)

   La casa sorgeva sempre esposta ad est per sfruttare al massimo la luce del sole.

   I muratori. Molto spesso erano gli stessi membri delle famiglie ad improvvisarsi muratori e posatori di pietre. Tuttavia, sovente venivano affidati i lavori ad artigiani muratori di Oncino e ad altri provenienti dalla pianura. "I muravën scaze tuts. Lhi muròou pi bon lh'é stà Jacou 'd Nassiou, lhi Lavarin, lhi Sarét e lhi Calìe. A la Coumbo lh'éro lhi Suquéo. Pé lh'éro Pin Janno". (Ebacolo Sebastiano)

   "Jan Dzoulì al.faxìo bën cubert, quést ar l'à fai él" (Mattio Domenico Pergrò).

   "Lh'éro moun barbo Pier Martin. Steve dë Lavarin arlà ëmparà da chì él e moun frairi. S'éro co butà Pèttou a fa cubert e alh' avìo fai bastanso bën. Lh'éro co Chè Fort ma l'ai pa couneisù, Pin 'd Pin Janno e Chens 'd Luis. Moun pare n'à fai diverse meizoun al Sere, al s'éro butà ënsëmmou Pin di Calìe, Chè dë Cristofou e mi quë pourtavou lhi bouieul dë maouto e dë peirëtte. Lh'avìën fai quëlo lai dë Pervilosto e dë Cuzotsabbre, un avìo ën pian e l'aout l'aoute. Nh'éro co da quilhi 'd Peizano qui lhi dixìën Marileu" (Mattio Ignazio Sarét).

   "Muròou lh'é co stà Chens 'd Saouze e Jan Tonni. Lei meizoun pi vièlhe dë la Ruà l'é quële isu ent lh' à Jaquin e lhi Barreri. Apré lhi Barreri lh'an fai quëlo meizoun aouto ilen bë lei peire bianque dë la Fuxino. Jacou dë Mëlin ar l'avìo fatsso fa për n'ëscoumësso, al nëgouçiavo ënt lei vatsse e ar l'avio dë piè. Lh'ero Jan dë Dzoulì quë travalhavo e d'aouti muròou, ma lh'é schoupà la gouero e lh'an feinìo dal 1925".(Peirasso Battista Tano)

   "Më rëcordou quë dal '34 o '35 lhi Mourin dë Criçol lh'an fai lou cubert dë la geizo e lh'éro doun Bianc quë lhi gavavo no liro o ën soldi për bëstëmmio qui dixìën. Mi faxìou lou fën ënt al pra dal fourn". (Ferrero Renato Sësquin)

   Terra e acqua. La terra, che dopo essere stata setacciata veniva messa da parte per fare la malta, si utilizzava con parsimonia vista la difficoltà di reperirne ad alta quota.

   L'approvvigionamento dell'acqua, necessaria per formare la malta, avveniva presso la più vicina fountano, con il tradizionale metodo dei due secchi appesi alle estremità della pertica di legno che poggiava sulla spalla. Se la sorgente era distante si provvedeva a realizzare una bialhéro che conducesse l'acqua nelle vicinanze. A tal proposito basti pensare che per la costruzione del santuario della Madonno dal Bel Fò, caro a tutti gli oncinesi,  venne usata l'acqua del rio dell'Alpetto. L'acqua arrivava fino alla cappella per mezzo di una bialhéro appositamente realizzata, denominata ora nel suo primo tratto la Vio Lardzo poiché, non scorrendo più acqua, viene usata come passaggio per il bestiame.

   La casa ovviamente era costruita in seguito a libera iniziativa del costruttore proprietario, iniziativa dettata in genere dalla necessità. Solitamente troviamo case a due piani, ma al Pasquìe e alle Meizounëtte molte sono a tre piani, "Mi n'ai uno a lei Meizounëtte qui n'à catre, quëlo dal Pot, da soulo isù ënt al pra, lh'an fatsso novo pé i soun anà ën Franço, moun pare l' à tsatà dal '53" (Mattio Ignazio Sarét). Non sempre l'abitazione era di un solo proprietario, poichè avendo contribuito più persone alla costruzione, "un përnìo dësout e l'aoute su, lh'érën pa parënt, ma un à butà la tero e l'aoute n'aouto cozo, ënsoummo i së ranjavën tra lour" (Ebacolo Sebastiano)

In genere la casa era composta di vòouto, cuzino, stançio, fëniéro e crotto".

   La stalla. È curioso il fatto che la stalla in alcune borgate viene chiamata vòouto e in altre ëstabi. La vòouto, per sua natura è quella fatta a volta, mentre l'ëstabi ha il soffitto piano, ovviamente con assi e travi di ambourn. Tuttavia, quando si parla di ëstabi si intende la vòouto, cioè il ricovero per le mucche. Solitamente la vòouto o l'ëstabi, aveva almeno una parete che appoggiava alla terra: era questo un sistema per isolare maggiormente il locale dal freddo, considerato che non esistevano impianti di riscaldamento e gran parte del calore era garantito dalla presenza di quelle due o tre vacche che ogni famiglia possedeva. "Ëht l'ëstabi l'ero tsaout, së stsaoudaian, përqué anaian durmì a lei làouze, l'ero freit!" (Bonardo Domenica Pergrò)". Durante i lunghi inverni la stalla era il

locale più frequentato: al suo interno si riunivano giovani e anziani della borgata per la tradizionale vëlhà; alcuni giovanotti, pur di incontrare le ragazze, affrontavano a piedi lunghi percorsi anche innevati, come ad esempio dalle Meizounëtte al Sere, dal Pasquìe a la Coumbo, da Narlonc a Boudouiri, dai Chot alle Bigorie e da Oncino a Ostana, attraversando interi valloni.

   Non di rado si andava nella stalla per consumare il pasto "al caldo". "D'uvern a qui qu'avìën la cuzino dapè lh'anavën mindzà ënt l'ëstabi, la faxìo freit! " (Mattio Sebastiano Sarét). Naturalmente, durante le veglie le nonne filavano e le ragazze "faxìën tsaouço për fase veiri qu'érën vërtiouze. Cant érian tanti anarian ënt la vòouto dë Martinot, érian dë baroun!" (Aimar Maria Patrissi). Quando c'era un ammalato in famiglia, soprattutto se anziano, "i butavën no chéo ënt l'ëstabi, no palhaçà dë fièlhe dë fàou e pré lhi linçol", per permettergli di dormire al caldo. "D'uven la bono part i muriën tuts ënt l'ëstabi; moun ché é mort ënt ëstabi" (Mattio Sebastiano Sarét). Anche il parto, durante la stagione fredda, avveniva nella stalla: "Ma fëmno lhi neisùo achì; mi më rëcordou përqué ma mare i m'avìo mënà veiri la filho, avìou sét ann. Lh'éro ma manho Nin quë anavo fa tout, i faxìo la lëvatris" (Mattio Sebastiano Sarét).

   La stalla era anche il luogo in cui ci si radunava per pregare: "Ma mare i nou dëmandavo «alé vënè l'é ouro», vënarian ënt la vòouto e i nou faxìo di lou bën tulhi séro,mac nouziaouti dë la familho, dixìën lou rouzari" (Odetto Rosa Pessi).

   In ogni stalla, dotata di quërpio e ëscoulòou", c'era il palhoun dove era bello adagiarsi nei lunghi inverni quando dalla finestra si vedevano alti mucchi di neve. Solitamente era occupato dai maschi, perché durante le veglie "finquë lh'ero lei mare lëvà, lei filhe sal palhoun lh'anavën pa e pé pasiënço" (Ferrero Renato Sësquìn). Spesso era presente anche lou dzouquìe sul quale le galline si appollaiavano, presenziando anch'esse alle veglie invernali.

   Molte vòoute purtroppo sono in disfacimento, tuttavia alcune sono veri e propri esemplari architettonici, ancora ben conservati nonostante già parecchi anni or sono se ne temesse la caduta. Al riguardo è significativa questa testimonianza: "Dëgarlou chì lou vòoutòt, coumà ar l'ero çincantan fai ar l'é ëncà euiro! I nou dixìën «anà pa dëdin quë la vai aval»35".(Aimar Maria Patrissi e Allisio Giuseppe Pessi).

   La cucina. La cuzino, solitamente al pian terreno e fatta anch'essa a volta, serviva esclusivamente per cucinare. Il pavimento era fatto in pietre posate semplicemente sulla terra battuta. "Ën cuzino lh'ero lou fouìe  për fa  lou mindzà e fa  stsoudà l'aigo a lei vatsse; a stsooudase lh'ero lei vòoute" (Aimar Maria Patrissi). Durante la costruzione della casa e quindi del fouìe, si posizionava nella canna fumaria, in prossimità della cappa, una sbarra di legno di ambourn che sarebbe servita ad appendere la tsèino. Infatti, per la cottura degli alimenti si usava il peirol che era agganciato alla tsèino. Sulla peiro dal fouìe c'era anche il trepè. Per fare la polenta si utilizzava il coup. L'arredo della cucina era costituito da tavolo, a volte sostituito con la mait o con l'erco (dove si riponeva il pane), quërdenso, dove a volte c'era la cucharéro e le panche; non tutti avevano le sedie. Vicino al fouìe, appesi c'erano la caç e il caçul. "Carcun aviën doue o tré carée ëmpalhà a palho o a lëvërtin: moun pare n'avìo fatsse fa siës d'ambourn ënt la court dal Pot" (Mattio Ignazio Sarét)

   "Onhun avìo soun cuchar da përnëse e sa scouélo e cant aviàn feinì la butaian ënt la ramino dë l'aigo tsaoudo, parélh lh'avìën dëspreparà tout, aoute quë euiro!" (Ebacolo Adelina Bacou).

   In ogni cucina non mancava il mourtìe utilizzato frequentemente per pestare il sale e per preparare l'aiòli. Nella bella stagione quasi sempre i più giovani prendevano il piatto o la scodella e consumavano il pasto all'aperto davanti a casa, in compagnia degli altri abitanti della borgata con i quali alle volte avveniva lo scambio dei piatti.

   La stanza. L'ëtançio era il vano al primo piano fuori terra dove si andava a dormire, ovviamente senza riscaldamento. Quest'ultimo fatto giustifica la posizione della stanza che si trova quasi sempre sopra la stalla, così da usufruire del calore propagato dal vano sottostante. All'interno c'era la chéo con la tëstero e lhi pé, dove veniva sistemata una palhaço dë fièlhe 'd faou che fungeva da materasso. Nella stanza c'era anche il coffou e il guardaroba, quasi sempre di ciliegio, che entrava in casa al momento del matrimonio, in quando era compreso nel fardél della sposa.

   Il soffitto, se presente, era fatto di rudimentali assi in legno, in modo da isolare il freddo proveniente dal tetto. Era normale che tutti dormissero nella stessa stanza; a volte i figli maggiori mettevano il letto nel fienile così da non destare sospetti circa l'ora tarda del rientro a casa. Alle meire invece i durmiën tuts a lei laouze. Quando questo vano non c'era si ricorreva al fienile. "Nou a lei Meizounëtte l'ero co meire ma staian dë mai, ai Chot staian poc. Lhi Janprin aviën mac n'ëstabi e no cuzino ëntër du: cant un së meiravo val l'aoute meiravo amoun l'istes dzourn e la vòouto ero dzò tsaoudo: ënt la fëniéro un faxìo la moutto  dë dachì e Mini dë deilai e al meç i butavën lou liëts: cant lh'ero Jan butavo lou siou e cant lh'ero Mini butavo lou sìou. Lh'aviën mac quëlo meizoun  ën  du" (Mattio Ignazio Sarét).

   Il fienile. La fëniéro serviva appunto per immagazzinare il fieno che prendeva successivamente il nome di moutto. Spesso il fienile aveva due usci: "Un sal dëreiri quë la vënìo bën a tapalou e l'aoute pu pëchit dran, për përne lou fën bë lou fiourìe a dounà malhà a lei vatsse e pa pasà dë dëreiri quë lhi vënìo dë baroun dë néou. Quë dë.fën faxariàn! Da lei Bigorie, quél dë Maninou, lou pourtaian fin a la Çitéito" (Ebacolo Adelina Bacou).  Per accedere al fienile, quando non c'erano le scale, era presente un pasòou costituito da un mucchio di pietre con sopra delle lose denominato cubërtét. In alcune borgate c'era il pourçil, chiamato anche gabënot, con il suo caratteristico tetto basso, utilizzato come via di accesso ai vani superiori che serviva da ricovero per le galline.

   La cantina. La crotto, vano in genere di modeste dimensioni, denominato in alcune borgate anche vòouto o vòoutòt, veniva realizzato più in basso possibile con le pareti a contatto con la terra. Nella crotto in genere c'era, da un lato, un muretto con piccole lose sopra, denominato peilhéro, utilizzato per depositarci sopra le bacinelle del latte. Ogni mattina si andava nella crotto per siurà il latte contenuto nei baçin d'aram, utilizzando la siouròiro. Presso gli insediamenti estivi situati più in alta quota, si notano tuttora cantine "naturali" ubicate in cavità rocciose, racchiuse da un muro appositamente improvvisato. Questo "vano di fortuna", anche se distante alcune decine di metri dalla casa, era prezioso per la freschezza che offriva, quindi indispensabile per una più facile conservazione del latte. Si ricorreva anche ad altri metodi: "Pinét dë Mëlin a lh'Adréts, ar l'avìo fai ën përtù achì për fa pasà l'aigo ënt la crotto përqué téne lou lait pu fresc" (Allisio Giuseppe Pessi). Al sopraggiungere dell'inverno, con il suo picco di freddo in ascesa fino ai mesi di gennaio e febbraio, la cantina diventava il luogo più idoneo per riparare le patate dal freddo, affinchè non gelassero. "Lei triffoule i dzalavën pa përqué aviàn lei vòoute tacà a lei crotte. Ma dë viadze aviàn co prou pòou qui dzalën, alouro butariàn co outo la brazo ënt l'ëscoudalet, përqué la nou dzalavo co fin al lait së l'éro co tan freit" (Aimar Adriana Jouloumin).

   Come già accennato, la calce usata per la costruzione della volta si acquistava a valle sottoforma di pietre le quali, con il trattamento di cottura, si trasformavano in calce vera e propria, che si miscelava con sabbia del bial. "La coouçino lh'anavën quèrlo aval bë lh'aze i la pourtàvën toutto a peire, i la faxìën coiri içì: i butavën dë laouzòt achì ëntërà ënt la tero quë scape pà, pré i la faxìën coiri achì" (Allisio Giuseppe Pessi).

   "Lh'anavën bë la cabaçço a tsatà la couçino a peire. I faxìën no tampo ënt ën pra, ën cadre aval ën mètre (së avià lou pra achì dapè, sënò dëmandëià a lou vëxìn), e pré i dounavën no banhà e i tapavën lei peire ëddin, pé donhi ëntan i la banhavën e ilh i coumënçavo a mourinà, mourinà, i gounfio propi e i vën tsaoudo, i vou bruzo. I la mëschavën bë la sabbio dal bial e i vënìo duro. Për la sabbio nou anaian ai Fountanil, sënò a lh'Ënrunaç ënt lh'éro no sabiéro. Cant lh'an fai lou canal i mandavën aval la sabbio dë leisù bë dë canal fin al moulin dal Roi: i butavën l'aigo ëddin"  (Mattio Ignazio Sarét).

   "Faxìou dë co lei vòoute, oourìou pei pa sacrin a favou no vòouto a peiro, ëncà bel'euiro! Përnè la mizouro içì e ilài, pé lhi dounà lou tan për sent dë gavanh. Ma tsarìo falou tout së la tero: vënarià achì, piantërià no pounto chì pé tirarià, lou trënto për sent, lou caranto. Pé rësiariàn tanti touquét dë bosc lonc për parélh, lhi schaparian pé lhi ënchouarian ënsëmmou. Pré përnarian lhi sèntri e lh'anërian piasà. E subìt i baoutiavo së lei spalëtte dë la vòouto, pé pré bë n'as për part

faxërian lei vòoute, e sëmpe murà da no part e da l'aouto, da no part e da l'aouto".

   "Dal '39 pourtavou dzò lei scalhe a moun pare e moun frairi qui lh'an fai l'ëstançiot ënt më siou marià mi. La vòouto: i muravën ën pòou për part, ai propi vist, e cant i la chavën, i butën dë peire londze per parélh (60-70 cm), i fan dë counh dë bosc gro, pé bë la maço picà su, i deou mountà almenou no brantso sëno vosto vòouto tën pa. Alouro pré, cant lh'an bën slardzà cochì, i piantën no peiro sfoursà bë la maço, e lou counh së gavo. Su së lh'as, dran dë butà lei peire i butavën quë lo coouçino qui faxìën coiri, për fa belo figuro dësout. Nh'ero co dzò carcun quë faxìën la vòouto toutto a coouçino" (Mattio Ignazio Sarét).

   "Më rëcordou quë moun peirin e soun pare lh'an fai la vòouto isù a Rotsso Brin: i faxìën lei chentine, i përniën dë toc dë béoulo ën pòou curvà, apré liti tsaputavën e vira qui dounëssën lou vir dë la vòouto, pré i lhi ënchouavën, i butavën lh'as, i muravën dësoubbre. Cant i sëravën la vòouto i butavën lhi counh dë bosc, pre i faxìën coulà ën pòou dë coouçino e i no peiro, i ëncounhavën e la vòouto së dëstacavo dësout. Alouro cant la s'éro dëstacà da lh'as i dësarmavën" (Allisio Giuseppe Pessi).

   La volta, in corrispondenza dell' apertura della porta, si presenta piana al fine di permettere appunto l'apertura della porta stessa. Tale forma architettonica, presente spesso anche in prossimità di finestre, viene denominata lunëtto.

   Il fissante era la màouto", quindi, in alcuni casi per dare maggior stabilità alla struttura, e per fare meno profonde le fandamenta (considerato che era tutto lavoro manuale), si legavano i muri con aste in ferro denominati chàou. Queste venivano inserite alle estremità di una piccola trave in legno, solitamente di ambourn, che attraversava internamente il muro per tutta la sua lunghezza, così da legare le pareti. Alcuni sostituivano le travi in legno con bandelle in ferro spesse circa un centimetro, acquistate a valle. Quando la casa si assestava e formava una riga, si costruiva a fianco un muro, denominato tsommo, alto quasi due metri, largo alla base e più stretto verso l'apice, così da avere la parete esterna con pendenza rivolta verso la casa.

   L'approvvigionamento della sabbia recuperata nel torrente più vicino comportava molta fatica. "Anaian përne la sabbio ilen al bial për fa la meizoun; mi n'ai pa pourtà gairi, ën pëchit saquét ënt la cabaçço e n'avìou proù, ma moun.frairi, ma mare e moun pare nh'an pourtà. L'ero miëlh pourtà drudzzo quë la sabbio" (Bonardo Domenica Pergrò).

   "La sabbio i la gavavën toutto ënt i bial. Amoun isù al pont onhidun avìo sa tampo: anavën gavà doùe, tre palà dë sabbio, quë cant la faxìo lei piene i curavën lhi toumpi. E un anavo pei pa ënt al toumpi dë l'aoute!" (Allisio Giuseppe Pessi).

   "Për la sabbio nou anaian al Fountanil (a la çimmo di pian di Pasquìe), sënò a lh' Ënrunaç, ënt lh'éro no sabiéro. Cant lh'an fai lou canal (1919-22), i mandavën aval la sabbio dë deisù bë lei tsanal fin al moulin dal Roi: i butavën l'aigo ëddin"  (Mattio Ignazio Sarét).

   Il forno. Gli edifici di uso comune, il cui utilizzo era consentito a tutti gli abitanti di quella borgata, quali il forno e il gourc,solitamente erano posizionati al centro della borgata stessa. Spesso il forno era localizzato perimetralmente ad altri vani così da propagare calore ai locali confinanti. Il forno di Narlonc e quello di Santalart ad esempio vennero costruiti al di sotto di altri vani. "Mi butavou lei fée dësout e së l'ero d'uvern la lhi suavo la lano lonc l'ero san e tsaout. E Mariou dë la Fleur ar l'avìo l' ëstançiot dë soubbre e al sëntìo ën calour!" (Aimar Giuseppe Jouloumin). Anche ai Chot e a Fantoun il forno divide il muro con quello di una casa. Guardando i forni ancora intatti si può notare che presentano una sporgenza anteriore per riparare dalle intemperie durante i lavori di panificazione. In alto e a lato c'è un'apertura utilizzata come ripostiglio per gli attrezzi usati quali lou rabbi, l'ëscoubà, e la palo dal pan.  

In alcune borgate il forno non c'era quindi "nou dë lei Meizounëtte anaian fournhà tuts ai Chot, un apré l'aoute parélh lou fourn al vënìo fa freit. Chascun së faxìo soun pan"(Mattio Sebastiano Sarét). Nell'anno 2000 è avvenuta la ristrutturazione del forno della borgata Caouç, a cura degli abitanti della borgata stessa. Anche alla frazione Serre il forno è stato ripristinato e reso funzionante, tanto da essere prossimo all'inaugurazione. Sono iniziative belle e utili a valorizzare gli edifici comuni quali il forno, che un tempo rivestivano vitale importanza e che continuano a dare quel senso di comunione e di familiarità per chi si stringe attorno.

   L'ampiezza di porte e finestre era di modeste dimensioni poiché "i faxìën pagà lou soulélh, cochì ou ai dzò sëmpe sëntù di, ma më rëcordou pa" (Mattio Enrico Boudouiri).. Ciò giustifica il fatto che le finestre in genere, dalla parte interna, sono più ampie e finiscono con il restringersi e diminuire la loro ampiezza quando si allineano con il muro esterno. Alle finestre c'era il giasil, predisposto per fissare di norma quattro piccoli vetri (così in caso di rottura, il ricambio costava meno). La stanza e la cucina avevano finestre apribili in genere a due battenti.

Erano frequenti le finestre bornhe, utilizzate come ripiani, per posare la lanterna, una bottiglia, o un barattolo di olio usato "për pasalhi së la naturo cant lei vatsse faxìën, parélh ar l'éro dzò tsaout, sënò al vënìo dur gërvà" (Mattio Ignazio Sarét). All'esterno dei muri, ma il più delle volte all'interno, si notano tuttora dei buchi: erano lasciati appositamente in fase di costruzione al fine di appoggiarvi successivamente i travetti per il ponte.

   Le porte. Sia le porte delle stalle che quelle di casa, erano costruite con le assi ricavate da tronchi recuperati in loco. Le piante si abbatevano senza fare uso delle attuali motosege, ma utilizzando lo strouplòou: "A Bounét avian tapà aval ën faou dë dumillo mirio; avën butà du dzourn ën catre a tapalou aval" (Boetto Giacomo Poulit). Le porte della stalla erano di frassino o di rovere, legni più resistenti (raramente di ambourn perché più soggetto a movimento), mentre per le porte della cucina, della stanza e del fienile, non a contatto con sterco degli animali, si usava a volte anche al faggio. I tronchi. una volta abbattuti, venivano accuratamente fissati, posizionati orizzontalmente e sollevati da terra ad una estremità per poter procedere con le operazioni di taglio. Quindi, due o tre persone (una sola sopra la trave e le altre due a terra) manovravano una grossa sega, la ressio da resiaire, denominata frando. "Mi e bonanimo di moun Pèirin n'avën rësià dë bilhoun isù për fa d'as! Soun nalhi rësià a Gaido Scuro, d'ambourn e dë fàou. Ëntër du bë la ressio, un dë dësout e l'aoute dë dësoubbre, tirërià amoun e avàl, amoun e avàl. Cant butariàn lou bilhoun su, përnariàn ën fil e ën pòou dë pënturo, él tënìo deilài e mi deiçì e tanti sëntimètre, al vou faxìo lou rigot, marquërià achì e devëriàn anà drets a la rigo për fa lh'as. Lh'à  lh'us isù quë fan fède" (Mattio Enrico Boudouiri).

  La porta della stalla a volte era dotata di froulh, spesso però non aveva serrature e per assicurare la chiusura si faceva uso del baròou; così anche per la porta del fienile. La porta della cucina aveva la chaveuirou e quella della crotto la cricco. La porta poggiava da un lato sulla pèiro 'd l'us o pelhéro 'd l'uss, dove veniva ricavata una specie di coppella con funzioni di sede, in cui alloggiava appunto il lungherone (una parte del primo asse) della porta. Nella parte inferiore del lungherone, appoggiato nella cappella. veniva sistemato un pezzo di tomaia per contenere il consumo del legno e si piantava anche un chiodo dalla testa larga affinchè la porta, che in quel punto fungeva da perno, non andasse fuori sede. La parte alta del perno era un po' più lunga per essere infilata nel lindal se questo era di legno, o fra il lindal e il muro se l'architrave era in pietra. Questa parte della porta è denominata viròou. La peiro 'd l'us era in genere una peiro biovo, spessa e molto pesante, larga almeno quanto la porta e profonda circa 40 cm. "Moun pare countiavo quë quëlo peiro dë l'us qu'avën gavà, moun ché ero naslo tsardzà ai Coustot: ar l'avìo butà ën sac 'd fièlhe dësout, për l'ëstsino e ar la s'éro pourtà a meizoun; i pëzavo!" (Peirasso Battista Tano).

   Le scale erano quasi sempre in pietra. Ogni scalino era in genere occupato da una sola pietra, spessa e pesante, reperita sempre nei dintorni e trasportata con il bers o a spalle.

   Il lindal in pietra solitamente veniva reperito nei dintorni. Si notano ancora oggi architravi enormi, indistruttibili, posizionati a regola d'arte. "Lou lindal dë ma vòouto, a Bounét, al chapo dal cantoun, al vai feinì ilai: al fai cantoun, muralho e lindal, arl'ënchavo la muralho!" (Allisio Vincenzo Pessi). D'abitudine sugli architravi in pietra si scolpiva l'annodi costruzione o di ampliamento della casa, a volte con le iniziali del proprietario, come si può vedere in quasi tutte le borgate: lou milezim. Tuttavia sono presenti altri numerosi architravi in legno, solitamente di ambourn.

   Le lobbie erano costituite di assi in legno sorretti dai mourioùn, anch'essi generalmente in legno, incastrati nel muro.

   È superfluo ricordare che fino agli anni 1960/70 mancava la fornitura di energia elettrica. Per illuminare il locale, si faceva uso di lumme e, nonostante la poca luce, si vedeva ugualmente: si filava la lana e si faceva maglia. Il lantërnìn veniva usato per gli spostamenti.

   Le travi. Le famiglie provvedevano a recuperare le travi necessarie per il tetto utilizzando tronchi di alberi presenti sul territorio, acquistandoli o tagliando i propri. Le piante di frassino, abete rosso, rovere o maggiociondolo venivano talgliate sempre con "luna buona" e per il trasporto si ricorreva alla reuido. "Lou bosc i lou anavën quère o a Lënto o içì a Marcou, dë mëlëxxe o dë rouri, si lh'éro dë fraisi bie lhi talhavën. E për pourtà lhi traou lh'anavo trënto përsoune: i lhi ënbaravën e da Lënto i lhi pourtavën isu a lei Meizounëtte, dë rouri. Nou avian dë beni a Lënto, ma nounno i vënìo da chaval. I tsaminavën, lh'érën abitouà, i butavën no matinà" (Mattio Sebastiano Sarét).

   "Lhi tràou érën dë rouri. Moun pare dal '49, cant à ranjà la meizoun achì dësoubbre, ar l'à fai tu lhi cantìe d'ambourn e lhi traou dë rouri, ën travalhoun! "(Peirasso G.Battista Tano).

   "A la Gaido lh'à ëncà lhi traou dë mëlëxxe, da quel mëlëxxe rou quë la duro mila ann. A Santalart dësoubbre dë moun croutot, lh' à ëncà du trav dë mëlëxxe dë Costo Plà " (Aimar Giuseppe Jouloumin).

   "Lh'éro scarsità dë trav, lh'anavën tsatalhi a Criçol, scaze tuts dë mëlëççe. I lhi butavën vért e lhi talhavën sëmpe a luno bono sënò i camòlën" (Aimar Giuseppe Jouloumin).

   Alcune case avevano murata una pietra sporgente con un buco, denominato la nilho, che serviva per legare gli animali.

   In conclusione, ricordiamo che un tempo non esisteva la concezione attuale del bagno. Per i bisogni si andava fuori casa e qualche metro più in là c'era un piccolo gabbioto adibito a tale uso denominato cagadour o cagòou, dove all'interno era posizionata una pietra a forma di turca oppure una losa, rialzate da terra. A volte era ricavato sotto una barmo. In molti casi il cagòou era realizzato in modo rudimentale e poco meticoloso: come tetto c'erano delle frastse che riparavano dal sole ma non dalla pioggia, oppure a volte i muri erano rimpiazzati da un fiourìe o da fascine. Per evitare il permanere degli odori si portava di tanto in tanto una mezza cabaçà dë drudzzo e si buttava un po di dzaç, quindi arrivata la primavera, si caricava il tutto sempre nella cabaçço e si portava nel campo utilizzandolo come concime.

   Per lavarsi ci si recava al vicino gourc o alla bialhéro, oppure la sera prima si preparava un po' d'acqua nella bacinella pronta all'uso per il mattino. Nelle borgate non raggiunte da bialhére e prive di sorgenti, si raccoglieva l'acqua piovana e la si faceva defluire in una cisterna appositamente realizzata, sempre in pietre, terra e calce. Quest'acqua sopperiva a tutte le necessità, sia delle persone che degli animali. "Nou dë lei Meizounëtte avian la sisterno: i culhìën l'aigo bë lei canal. Dë sisterne pa tuts quë n'avìën: Jors al n'avìo pa, Pér dal Pot dëcò, lh'anavën al Pasquìe. Nou lhi dounavën béve dëdin a lei vatsse mac cani i faxìën, sënò lei mënavën béve al Pasquìe për pa counsumà l'aigo dë la sisterno" (Mattio Sebastiano Sarét). Anche l'acqua quindi non si sprecava e spesso, sfruttando il fatto di dover dare bere alle mucche partorienti acqua tiepida, si dava loro quella usata per lavare i piatti, considerato che non si usava "sole piatti".

   La concezione della meizoun di oltre mezzo secolo fa, pur non essendo troppo remota, è molto lontana dalle esigenze e abitudini attuali. Tuttavia, malgrado l'assenza delle comodità di oggi e nella povertà di mezzi, sfidando il duro lavoro, le generazioni passate hanno raggiunto mete grandi. "Alouro i lh'avìën niente, i lou faxìën tout a man, tout a reuide. Lh'aouguëssën agù lhi maquinari quë lh'à euiro, i n'ën faxìën tré viadze dë travalh" (Allisio Giuseppe Pessi).

   Soprattutto, i nostri viëlh hanno saputo crescere i propri figli in modo semplice e salutare, trasmettendo loro l'essenziale, valori compresi, per affrontare con dignità l'avvenire e tenere il passo con l'evolversi dei tempi.

 

Testimonianze:

Pin 'd Bacou (Ebacolo Sebastiano, n.1931-2001): reg.Oncino luglio 2001

Ricou 'd Boudouiri (Mattio Enrico n.1917-2003): reg. Revello 2001

Nassiou 'd Sarét (Mattio Ignazio n.1931): reg. Oncino ottobre 2003

Cianou 'd Sarét (Mattio Sebastiano n.1925): reg. Oncino luglio 2003

Fredou 'd Pessi (Allisio Giuseppe n.1940): reg.Oncino anni 2000, 2001, 2002, 2003

Mëquin Pergrò (Mattio Domenica n. 1913): reg. Oncino agosto 2002

Batisto 'd Tano (Peirasso Giovanni Battista n.1920): reg. Oncino giugno 2001

René 'd Sësquìn (Ferrero Renato n.1929): reg.Oncino giugno 2001

Mëquin Pergrò (Mattio Domenica n. 1913): reg. Oncino agosto 2002

Iouccho 'd Patrissi (Aimar Maria n.1928): reg. Oncino anni 2002 - 2003

Rozo 'd Pessi (Odetto Rosa 1910-2002): reg. Oncino giugno 2001

Delino 'd Bacou (Ebacolo Adelina n.1934): reg. aprile 2003 e ottobre 2003

Driano 'd Jouloumin (Aimar Adriana n.1931): reg.Oncino anni 2001, 2002, 2003

Jacou 'd Poulit (Boetto Giacomo n, 1933): reg. Oncino agosto 2001