Enti in rete L.482/99   

Olivetta San Michele

Auřivéta San Michèe

Olivetta San Michele
italiano

Olivetta San Michele è un grazioso villaggio collinare, di circa 250 abitanti, che si trova nel limite estremo della parte italiana della Val Roia. Il suo attuale territorio si estende su una superficie di 13,84 km², in una fascia altimetrica che va dai 141 m di Giauma, piccolo gruppo di case situato in frazione San Michele, ai 1326 m delle balze rocciose del Monte Butetta. Il comune si configura come un insediamento sparso formato da tre frazioni principali, Olivetta, San Michele, e Fanghetto, cui un tempo si aggiungevano altri due nuclei, posti a altitudine più elevata, Piena e Libri, i quali, dopo la Seconda Guerra Mondiale, con la definizione dei nuovi confini territoriali tra Italia e Francia fissati dal Trattato di Parigi del 1947, furono accorpati al comune francese di Breil-sur-Roya, prendendo il nome di Piene-Haute e di Libre.
Olivetta emerge da un’altura che si affaccia sul torrente Bevera (chiamato Beura o più genericamente Ribera), affluente di destra del Roia, e costituisce, con le sue caratteristiche borgate, il nucleo principale del comune. Risalendo ripidi tornanti che s’inerpicano tra rigogliosi uliveti si raggiunge Olivetta, il quale si sviluppa lungo la strada che costeggia il Bevera in cui appaiono le antiche borgate di Bossaré, Ciantri, Cartule, Torre, Cabana.Pilun, l’abitato più recente, sede del Palazzo Comunale, deve il suo nome alla presenza, lungo il sentiero che portava al Castello di Piena, di un pilone votivo dedicato a Sant’Antonio di Padova, trasformato in seguito in cappella e divenuto nel 1885 chiesa parrocchiale.
Percorrendo la strada statale che porta al Colle di Tenda si attraversa la frazione San Michele, che ospita la stazione ferroviaria e una cappella dedicata a Sant’Agostino. Infine, proseguendo e deviando dalla carreggiata principale si raggiunge Fanghetto, borgo rurale dall’impianto architettonico medievale, da cui è possibile ammirare scorci di incredibile bellezza.
Il comune di Olivetta San Michele ha subito nella storia recente delle trasformazioni non solo nella delimitazione territoriale ma anche nella denominazione. Il toponimo, infatti, è di origine assai recente (1889) e deriva dall’accostamento del nome di due frazioni, delle quali non esiste documentazione storica. Olivetta deriverebbe dal collettivo plurale neutro *oliveta, poi erroneamente interpretato come diminutivo femminile in -etta, ciò ad indicare la diffusa presenza di uliveti nella zona. San Michele prende il nome dal culto del santo cui è intitolata la chiesa di Sospello (Sospel dal 1860, per la sua annessione alla Francia), capoluogo della Valle Bevera con cui confina a est (1).
Il centro originario del comune era nel castello di Penna, toponimo di ampia diffusione in Liguria e Provenza derivante dalla voce preromana *PENNA, con significato di ‘monte’, ‘sommità’. Dominio della Contea di Ventimiglia, poi passato sotto la Repubblica di Genova, divenne una roccaforte di frontiera posta al confine tra la Contea di Provenza e il territorio di Genova. Per lunghi periodi conteso dai Savoia e dai francesi, Penna passò, con il congresso di Vienna del 1814 (come tutta la Liguria), al Regno di Sardegna, sotto la divisione di Nizza.
La frontiera attuale tra Francia e Italia, che attraversando il torrente Bevera sfiora Olivetta San Michele e sale verso il Monte Grammondo, coincide in linea generale con il confine linguistico che separa l’area ventimigliese orientata su Genova, da quella di Mentone-Sospello legata al Nizzardo. Ne rappresenta tuttavia un’eccezione Olivetta San Michele che, per la vicinanza a Sospello, centro irradiatore dell’influenza nizzarda verso l’Alta Valle Bevera e la media e Alta Val Roia, e l’isolamento dalle innovazioni liguri della costa, ha mantenuto una continuità linguistica con l’area mentonasca e al tempo stesso ha conservato una parlata con tratti arcaici specifici, come ad esempio l’aspirazione di S intervocalico(2).


(1) Riferimenti in Dizionario di toponomastica, cit., p. 453.

(2) Riferimenti in N. Lamboglia, Toponomastica intemelia, Bordighera, Istituto di Studi Liguri, 1946.

occitan Auřivéta San Michèe l’é in grassiusë paìsë dë circa 250 ařime ch’ër së trova sciǘ ina culéta, ën ř’uřtima part italiana da Val Roya; ër sé tërritori s’alarga sciű 13,84 Km², ën t’ina fascia d’autéssa chë la va dai 141 métru dë Giauma, pëcin grup dë càe ën frassiùn San Michèe, ai 1326 m. de ròche d’ër Munt Butetta. A cumüna la é furmàa da tréi frassiùn, Auřivéta, San Michèe, e Fanghét. Düi autri paisöti: Piena e Libri, dopu a sëgunda guèra mundiale, cun i növi cunei tra ř’Italia e a Fransa fissài dar Tratà dë Parigi dëř 1947, li sun passai da a comuna d’Auriveta aa cumüna dë Breil-sur-Roya, pigliénd ‘ër nòm dë Piene-Haute e de Libre.
Auřivéta, la s’afàcia sciű ër valun Bevera (ciamà Beura o ciű libëramént Ribera) aflüént dë dréita dër Roya, e ‘cun e séi burgàe, la è a part ciü ëmpurtànta da cumüna. Ën muntènd ëř camin a cürve cuštégiàe da tante e bele ciante d’uřive, in ariva a Auřivéta, chë la s’alarga long ër camìn chë custégia ëř Bevera, ën le antighe burgàe dë Buharé, Ciantri, Cartule, Torre, Cabana e Pilun, ëndund ‘r li a ëř palaši da Cumüna. Sta burgàa la piglia ër se nòm daa prësènsa, sciù ër camìn chë purtava ar caštèe dë Piena, d’in pilùn dedicà a Sant’Antoni dë Padua, trašfurmà ën capèla e pöi ën lë 1885 ën la géjë da parochia.
Ëndènd për lë camìn grand chë porta aa Cola dë Tènda, së passa ën la frassiùn dë San Michée, ëndund in trova a štassiùn dër trènu e ina capèla dëdicàa a Sant’Aguštìn. Dopu, lasciènd ëř camìn grand, in ariva a Fanghét, in végl paìs dë cuntadin, cun di béli pünti dë višta.
A cumüna d’Auřivéta la a avü ën l’épuca ciű vëjina a nue de trašfurmasiùn, nun demà ën lë téritori, ma fia ën lë nòm. Ër se nòm l’à avu urigine ën lë 1889 e ër vén da ř’acuštamént dër nom dë due frassiùn: malurusament ër në së trova nësciün papée ch’ën parlë. Auřivéta la dërivërìa da *oliveta, - ùtilisend ër diminütive etta,- për argurdàa a prësènsa dë tante uřive ën la żona.
San Michée pìglia ër nom dař Sant Patrun dë Sušpèe (Sospel dar 1860, quand l’e štait dunà aa Fransa), ër paìs ciű ëmpurtànt da Val Bévëra (1).
Ër céntru uriginari da cuműna l’èra ër caštèe dë Penna, nom deché difusë ën Ligüria e ën Pruvènsa e ër dëriva daa vūjë pre-rumana *PENNA, cun ‘ significàt dë ‘munt’, ‘sima’. Duminaa prima daa Cuntéa dë Véntémigl, pöi pasàa sut a Rëpublica dë Gènua, la é dëvëntàa ina furtésa ar cunfìn tra a Cuntéa dë Pruvènsa e ër tëritori dë Gènua. Për tanti ani la é štaita cousa de ratëlà tra i Savoia e i Fransisi,: cun ër Cungrèss dë Vienna dër 1814 (com tüta a Ligüria) Penna la è passàa ar Règn dë Sardegna, sut a divisiùn dë Nissa.
A fruntéřa d’adés tra Fransa e Italia, ch’atravërsènd ‘ř valùn Bévëra toca Auřivéta San Michèe e la munta vèrs ër Gramund, la cuincidë ën gënëřale, cun i tèrmu di mödi dë parlàa chë sëparu a żona vëntëmigliùsa uřientàa sciü Gènua, da quéla Mëntun-Sušpèe, ligàa ar Nissard.
Auřivéta San Michèe la é ina ecessiùn chë, për la vëjinansa a Sušpèe e ř’ënflüènsa nissarda vers ř’auta vale Bevera e a mëġiana e auta vale Roya, e ř’isulamént dae nuvitàe da marina, la a mantënű ina cuntinuasiùn dër mod dë parlaa cun a żona dë Méntun e ën lë štéss tèmp la a cunsërvà di mödi dë parlàa antighi, com për esempi, ř’ašpirasiùn da S intervucalica (2).

(1) Riferiment en Dizionario di toponomastica, cit., p. 453.

(2) Riferiment en N. Lamboglia, Toponomastica intemelia, Bordighera, Istituto di Studi Liguri, 1946.