Enti in rete L.482/99   

Occitano lingua viva

Le leggende delle faie

Las contias de las fàias

Le leggende delle faie
italiano Nella mitologia della valle Po, le faie sono esseri magici e misteriosi. Parecchi anni fa una bambina di Sanfront, Renata Bonansea, raccolse dalla nonna questa leggenda e la inviò al concorso Idea d’òc dedicato alle storie per bambini in occitano. La lingua usata era quella strana e interessante mescolanza fra occitano e piemontese dell’area delle medie e basse valli, nota ai linguisti come zona grigia.
“Le faie sono donne piccole e pelose, sempre indaffarate. Sono loro che hanno insegnato alle donne a fare maglia e a cucire. Una volta le faie vivevano sulle nostre montagne e i contadini che andavano nei boschi a fare legna, vedevano la loro biancheria stesa sulle rocce ad asciugare. Se la toccavano, le faie di nascosto li bersagliavano con delle pietre, ma se la rimettevano a posto la gragnuola di pietre cessava. Qualche volta in montagna si sentiva cantare, ballare e suonare ma se qualcuno andava a vedere non trovava nessuno. Lassù a Barma Lunga sul Mombracco ci sono ancora le loro case e dentro ci sono le loro sedie di pietra, i tavoli di pietra, i fornelli di pietra e altre cose tutte in pietra. Tanto tempo fa qualcuno venne nella borgata dove abitava mia nonna. In mano aveva un ciocco e lo bruciò nel cortile di casa. Dal ciocco uscirono delle voci: si udirono una bambina piangere e una mamma chiedere aiuto. Erano le faie! Una vicina gettò due secchiate d’acqua sul fuoco: il ciocco smise di bruciare e cessarono anche le voci, ma il giorno dopo si videro una mamma e una bimba bagnate fradice, con il viso e i capelli bruciacchiati, che si erano distese al sole ad asciugare”.
I racconti delle faie, così come quelli di altre creature misteriose che popolavano i boschi e talvolta si avvicinavano alle case per far dispetti o ingannare la gente, erano anche l’argomento delle storie raccontate d’inverno attorno al focolare, spesso unico intrattenimento nelle lunghe e fredde serate. I ragazzi ne erano affascinati ed al contempo spaventati. Le storie erano ambientate spesso in luoghi conosciuti dei dintorni, rocce e grotte dalle particolari caratteristiche, che li rendevano adatti a ospitare queste creature fantastiche.
occitan Las fàias son personas màgicas e misteriosas de la mitologia de la val Pò. Fai já qualqui ans qu’una filheta de Sanfront, Renata Bonansea, culhet da sa nòna aquesta estòria e la mandet al concors Idea d’òc per las cóntias en lenga occitana. La filheta escrivet dins son parlar de Sanfront, qu’es occitan e piamontés mesclats. Una lenga dròlla mas ben enteressanta, típica de las bassas e mèdias valadas, territòri que lhi estudiós de l’occitan mandon “zòna grisa”.
La grafia es dapè de l’italian.
“Le faie sun persune cite cite tontu pluse, spöl vedi moc la lessìa stendüa a süé da lunton. Sun massaie tontu tramonde, sun lur che l’on mustò ai done a fe scapin e a tacuné. Le faie se trüvaven na vota ën muntagna. I agricültur conta ëndasìen per bosc vëdìen fassulet e camise stendüe, se i tucaven, sentin campé giù ëd pere, ma vëdìen pa gnun, se pusaven ël fassulet a so post le faie i tiraven pa pi le pere. Cai vote se sentìa canté balé e suné; se andasìa a vedi ma se vedìa pa gnun. Lassü a Barma Lunga a Mumbrac, i sun ëncu le sue co, ën drinta i sun le cadreghe ëd pera, i furnei ën pera, i taulin ën pera, d’aite cose ën pera; tantu temp fo a la burgà dua istava mia nona ën purtò ën toc de bosc ënt’la curt, pö lo daie föch e se sentìa piuré na masnà e la mama che ciamava agiüt: ën tël toc de bosch i-era le faie. Na vesina la döstisò ël föch cun dui sigilinai d’eva se sentìa pa pi piuré, ma ël di dop a la vist la masnà e la mama brusatai cugià al sul”.
Las estòrias de las fàias, parelh coma las cóntias d’autras personas misteriosas que vivion dins lhi bòscs e minca tant venion dapé di maisons per busticar e trompar la gent, eron lo passatemp de l’uvern. Lo monde las emparava da la vòutz de braves contiaires quora anavon velhar dins la vòuta o dapé dal fuec. Las meinaas las escotavon a uelhs dubèrts: aquò lor plasia, mas de bòt se pilhavon decò paor perqué las estòrias di mascas e fàias se debanavon dins de luecs que lor conossion ben e qu’eron dapé de lors ruaas, al metz di ròchas, dins trunas e barmas.