Enti in rete L.482/99   

Occitano lingua viva

Introduzione

Per començar

Introduzione
italiano La cultura occitana non è soltanto ghironda e giga, bensì un insieme di tradizioni, abitudini e caratteri linguistici, che hanno investito ed ancora investono aspetti diversi della vita quotidiana.
Vorremmo brevemente presentare attraverso video, testi e foto, sei di questi aspetti che hanno assunto delle peculiarità nelle zone occitane e nella valle Po, in particolare.
Le attività, tipiche di una civiltà legata all’agricoltura di bassa e media montagna, sono la viticoltura e la coltura delle castagne. Sorprenderà qualcuno l’apprendere che la vite era ampiamente coltivata nella valle Po anche in zone che oggi non hanno più vigneti. La castagna, invece, ha conservato un’ampia diffusione, legata soprattutto al commercio per fini alimentari ed alla lavorazione del frutto maturo.
Resti di questa civiltà, molto legata al territorio, con una presenza ben più diffusa di oggi, sono le barme, abitazioni e ricoveri caratteristici della zona del Mombracco, grazie anche alle possibilità offerte dalla particolare configurazione del terreno.
Buchi, anfratti, terreni rocciosi che affiorano fra i boschi che coprono i fianchi della valle, hanno anche sollecitato la fantasia degli abitanti, dando vita a narrazioni di creature quasi magiche che questi luoghi avrebbero abitato: le faie. Al contempo il territorio ha costituito spazio di giochi per i bambini e ragazzi che, fin da piccoli si abituavano ad esplorarlo e a trarre da esso le materie prime per “giocattoli” quali fischietti, animaletti, monili ecc.
Infine, a smentire uno stereotipo che vuole la montagna luogo primariamente di sacrificio e fatica, presentiamo alcuni balli tradizionali, che in ciascun paese hanno assunto caratteristiche specifiche. Particolarmente originali sono i balli di Sanfront che sono stati riscoperti recentemente e vengono riproposti nelle feste del paese.
occitan Occitan es pas mec viola e giga, mas tot aquò qu’es tradicion, lenga e mòda de far, que dins lo temp - ier parelh coma encui - a marcat la vida de chasque jorn dins las valadas occitanas.
Per aquò volem vos mostrar abo de vídeos, de tèxts e de fòtos, sieis d’aquesti aspècts que fan la diferença de l’espaci alpin occitan e de las valadas dal Pò.
Lhi travalhs típics de la civilizacion agrícola dins la bassa e mèdia montanha, eron la vinha e lo chastanhier. Pas tuchi san che la vis era ben coltivaa en val Pò, decò dins d’endrechs qu’encui n’an pas pus. Ensita lhi chastanhiers an ben tengut, liats al marchat de la chastanha e a la transformacion dal fruch a fins alimentars.
Senhs d’aquesta civilizacion enraïsaa al territòri e que dins lhi temps passats era mai presenta qu’encui, son las balmas, vilatges característics dal Montbrac ente la geologia dal terren abo de ròchas espioventas, a favorit la formacion d’aquesti dròlles de vilatges.
Trunas, pertuis, balmas e ròchas al mès di bòscs, son tant a l’adrech com a l’ubac de la valada e an marcat la fantasia d’la gent dal pòst. D’aqui venon las cóntias mitològicas de las fàias, qu’aurion demorat dins aquestas lueias escuras e misteriosas e - vai saber! - magara lhi son encara.
Es passat lo temp ente lo país era terren de juech de meinats e filhets que fins da pichòts, s’acustumavon anar per prats, beals, champs, bòscs, viòls e ròchas. D’aqui prenion tot çò que lor servia per lors pichòtas demoras: per far sublòls, vachas, auselets, pistolets, braçalets. Totun, just per controbàter a n’aqueli que vòlon la montanha lueia de sacrifici e fatiga, te-qui, d’en darrier, lhi bals, las danças occitanas que dins chasque valada, mesme dins chasque país, an lor gueddo. Originals son lhi bals de Sant Front, reviscolats dins lhi ans Setanta e al jorn d’encui dançats quora se fai fèsta, ensemp a las danças d’autras valadas occitanas.