Enti in rete L.482/99   

Occitano lingua viva

I giochi di una volta

Demoras d'un viatge

I giochi di una volta
italiano Tempo per giocare ce n’è sempre stato poco. Impegnati fra la scuola, spesso distante da raggiungere, e i lavori di casa, nella stalla, al pascolo, e ad aiutare gli adulti, ai ragazzi in montagna rimaneva ben poco tempo.
Spesso non c’era bisogno di giocattoli, ma bastavano una filastrocca, un paio di sassolini, scatolette, fili d’erba, stracci, pezzetti di legno, noccioli, corda e gusci di noci. Con essi i ragazzi e le ragazze si costruivano bambole, fischietti, pistoline, sonagli, collanine, braccialetti, mucche, altalene, cerbottane, barchette… certamente un buon esercizio per la fantasia e la creatività. Molti giocattoli venivano fabbricati in casa con il coltello come gli uccellini e le mucche di legno o i fischietti di nocciolo. Le trottole aveano bisogno di un tornio. Più impegnativi erano i giochi di agilità che richiedevano forza, velocità e scaltrezza: il rincorrersi, la cavallina, cavalin atenti (una variante in cui tutti si buttavano addosso a chi stava sotto, fino a far crollare il mucchio), le capriole, lo scalare pietre e rocce in posti considerati pericolosi e spesso a insaputa dei genitori, saltare la corda, la “sedia” (formata da due giocatori che incrociando le braccia facevano sedere un terzo e lo trasportavano), la lotta, lo scivolo con gli zoccoli sulle strade ghiacciate…
Per lo più i giochi non erano destinati ad un numero fisso di giocatori, per cui potevano partecipare tutti i ragazzi presenti.
Fra i giochi di regole più diffusi si possono annoverare nascondino, i quattro angoli, le biglie, il palét, un gioco simile alle bocce che utilizzava delle pietre piatte e rotonde.
Alcuni giochi necessitavano di ampi spazi ed erano spesso svolti al pascolo come l’arbolét, per il quale bisognava piantare un bastone per terra, appoggiarvi sopra in equilibrio un pezzetto di legno e lanciarlo lontano con il proprio bastone. Altro gioco di abilità consisteva nel pescare nel torrente le trote con le mani e ripescare con la bocca un sassolino gettato in una pozza d’acqua la cui profondità veniva via via aumentata.
occitan Sobrats da l’escòla que sovent era luenh da maison (e lhi anava de temp já mec a lhi arribar), da lhi trabalhs a la maison, dins la vòuta, en pastura, e a donar na man ai grands, lhi meinats de montanha de temp per demorar-se n’avion gaire. Totun per s’amusar avion pas manca de demoras sofisticaas, n’avia pro de na cóntia, qualquas peiretas, na boata, qualqui fils d’èrba, d’estraç, ficèlas, brochòts, garilhs, doas gruelhas de nosas.
Abo aquò, filhs e filhas fasion chichas, sublòls, pistolets, sonalhs, colanas, braçalets, vachas, bautis, cerbotanas, barquetas… de segur era un bon alenament per lor fantasia e creativitat.
La pu part de las demoras eron chaputaas al cotèl dins maison o en pastura. Fasion d’aucelets e de vachas de bòsc. Lhi sublòls eron d’aulanhier. Mai complicaa era la sòtola, que per far-la lhi anava lo torn a bòsc. Diferents eron lhi juecs ente chalia èsser fòrts, lests e degordits. Chalia èsser lest a se córrer après, degordit a sautar la cavalina o cavalin atenti (na varianta ente tuchi se campavon a còl an aquel dessot, fins que la cucha s’escrasava), far lo virabaraquin, rampinhar-se sus las ròchas (era pericolós e lo fasion d’estremat da paire e maire) e sautar la còrda, far la carea (dui encroseavon lhi braç, fasion un seti per n’autre filh e lo portavon ençai e enlai) o far la luta o s’escarar abo las sòcas sal glaç.
L’era de juecs qu’avion pas un numre fix e tuchi polion juar; ensinta n’avia d’autri qu’eron mai regulamentats, coma juar a estremar-se, quatre-cantons, las bilhas e palet, juec que se semelha a las bòchas e se fasia tirant de peiras reondas e platas.
Lhi avia de juecs qu’avion manca d’espacis, per exemple l’arbolet, e l’era per aquò que se fasion sus lhi pasturals: plantavon drech un baston, dessobre en equilibri apilavon un brochòt, puei chascun bo siu baston lhi donava un crèp e lo tirava mai luenh que polia. N’autre juec degordit l’era pescar ental beal las truitas abo las mans, o pescar na peireta abo las bochas dins un bachàs e s’anava anant betant la peireta sempre pu sal fons…