Enti in rete L.482/99   

Occitano lingua viva

Castagna frutto paziente

Chastanha fruch pacientós

Castagna frutto paziente
italiano Le medie valli occitane sono terre di boschi di castagno. Nei tempi andati Martiniana, Gambasca, Sanfront, Paesana, Barge, Bagnolo, Brondello hanno tratto una parte importante delle loro risorse dalla coltura del castagno, associata al vigneto, a una pastorizia fatta di pochi capi ovini, caprini e bovini e all’emigrazione stagionale. Il castagno forniva materiale da costruzione per le case (tetti e serramenti), legna per scaldarsi e legna per tenere su le vigne. Per questo si usavano le bròpes, polloni di castagno, che da queste zone venivano portate anche in Langa dove trovavano un mercato fiorente. C’era tutta un’economia che girava attorno al castagno!
Nei mesi invernali, i castagneti regalavano all’uomo un alimento essenziale alla sopravvivenza delle famiglie. Unita al latte, al formaggio, alle farine di segale,grano saraceno, frumento o mais, riso o patate, la castagna, lessa o arrostita, o macinata per farne farina, per molto tempo costituì uno dei piatti base di una cucina modesta, frutto della necessità, però ricca di molte varianti e invenzioni derivanti dalla fantasia fervida delle massaie.
Il "frutto paziente", come l'ha definito il poeta Attilio Bertolucci, era essenziale per integrare la povera alimentazione di una volta. Inoltre ha il vantaggio di necessitare di pochi interventi essenziali, come potatura e pulizia, due volte l'anno. I boschi, anche i più lontani, erano sempre tenuti puliti, raccogliendo le foglie, che poi venivano utilizzate come lettiera per gli animali. Oltre all'utilizzo alimentare la castagna era venduta o era oggetto di cambio con altri prodotti quali il grano e il granturco e in parte veniva utilizzata come alimento per il bestiame.
Uno dei metodi più usati per la conservazione delle castagne è rappresentato dall'essiccamento, operazione che viene effettuata in appositi locali denominati seccatoi.
I seccatoi rurali o "secào o secó", sono delle piccole costruzioni, composte da un solo ambiente con un solaio o graticciato, su cui vengono stese le castagne da essiccare. L'essiccamento viene eseguito fornendo dal basso moderate quantità di aria calda mista a fumo, per una durata variabile dai 10 ai 30 giorni. Le castagne essiccate, successivamente, vengono sottoposte ad imbiancatura, operazione che consiste nella sgusciatura e sbucciatura manuale.
occitan Lo païsatge al metz de las valadas occitanas es marcat da bòscs de chastanhiers. Un viatge Martinhana, Gambasca, Sant Front, Paisana, Barge, Banhòl, Brondèl avion coma ressorsa principala la vinha e la chastanha, qualqui pichòt chabeal de feas, chabras e vachas, e d’uvèrn la gent anava se ganhar lo pan en França e Piamont.
Al chastanhier s’apilava na gròssa part de l’economia de montanha. L’àrbol donava boscamenta per lhi cuberts, uis e fenestras, bòsc per s’eschaudar e de palocs per las vinhas (aicí lhi dison bròpas), que la pus part prenion la via de la Langa ente lo marchat de las bròpas era pro bon.
L’uvèrn lhi avia las chastanhas: l’ei coma aquò que per de sècles las chastanhas - balòtas e mondalhs, o molinaas coma farina - son estaas, abo lach, fromatge, farina de selh, fromentin, froment, mèlia, ris e trífolas, lo prim nutriment dal monde d’aquí. L’era un minjar a la bòna, fach abo çò que la gent avia a maison, totun chambiava da na maison a l’autra, que chasque frema avia siu gueddo e sia enventiva.
An aquel temp lo "fruch pacientós", coma l’a mandat lo poeta Attilio Bertolucci, a gavat la fam a la gent de montanha. Lo chastanhier avia besonh de gaire, just de lo poar e lo netear al pè, dui bòt l’an. Lhi bòsc, bèla aquilh mai luenhs, eron nets; se rastelava la fuelha e se portava ent l’estabi a far jaç. Las chastanhas mai bèlas se vendion al marchat e lo ganh siervia a chatar froment e mèlia. Lo restant se minjava e aquò pus brut, las chastanhas pichòtas o camolaas, se donavon a las bèstias.
Per las conservar tochava las sechar. Aquò se fasia ental secaor (en val Pò se di “secó”), na pichòta estancieta abo lo plafon de grilha. De sobre se butavon las chastanhas, dessot se fasia un pichòt fuec qu’eschaudava l’aire e fasia tuba . Aquò pus o menc per un mes. Un bòt sechaas se gavava la pèl, e tot venia fach a man.