italiano

LETTERE DA OSTANA – primo giorno

> Adil Olluri, Premio Internazionale 2018 (lingua albanese, Kosovo)

Lettera ai miei amici italiani

> Aleksej Leontiev, Premio Traduzione 2018 (lingua ciuvascia, Russia)

Nessuno è riuscito a strappare le radici ai Ciuvasch

> Til Stegmann, Premio Speciale 2019 (lingua catalana, Spagna)

Solidarietà ed egoismi ai tempi del Covid-19

> Diego Corraine, Premio Traduzione 2012 (lingua sarda, Italia)

Generazioni preziose per la trasmissione linguistica

> Arturo Viano, Premio Traduzione 2010 (lingua occitana, Italia)

Com'è difficile concentrare in due parole

> Mans de Breish, Premio Composizione Musicale 2018 (lingua occitana, Francia)

Dalla mia finestra ho sognato

> Joan Ganhaire, Premio Lingua Occitana 2016 (lingua occitana, Francia)

Diario dal Perigord (letto da Dario Anghilante)

> Aurelia Lassaque, Premio Lingua Occitana 2011 (lingua occitana, Francia)

Mi farò sorgente

> Anthony Aquilina, Premio Traduzione 2014 (lingua maltese, Malta)

Traduzione dell’incipit de “La peste” di Albert Camus

> Gérard Zuchetto: un trovatore in isolamento

a cura del CIRDOC – Institut occitan de cultura

Gérard Zuchetto (premio lingua occitana 2019) ha un percorso artisticamente ricco. Compositore, autore, editore, direttore di festival, ha dedicato la propria vita all'arte dei trovatori occitani. Insieme alla cantante, musicista e compositrice Sandra Hurtado-Ròs, con la quale crea e vive, il trovatore contemporaneo ha una sguardo acuto sulla crisi globale che attraversiamo e condividerà il suo pensiero.

Venerdi 5 giugno 2020 H 21:00

LA PESTE NEL MEDIOEVO OCCITANO: UN RITRATTO IN MUSICA.

Performance artistica con organetto, ghironda, flauti, cornamuse.

a cura di Simone Lombardo, musicista

Simone Lombardo si occupa di divulgazione musicale e artistica della cultura d’Oc attraverso concerti, spettacoli e l’attività didattica degli strumenti della tradizione occitana. Partendo dall’esperienza che lo ha coinvolto nella creazione artistica di uno spettacolo sull’opera di Mistral chiamata “Calendal” realizza per il “Premio Ostana 2020: scritture in lingua madre - edizione speciale online - 15 ore in diretta” una creazione musicale con organetto, ghironda, flauti, cornamuse accompagnata da letture di testi di Max Rouquette dedicati al fenomeno della peste nella città di Montpellier. Attraverso le parole e la musica l’obiettivo è quello di comprendere meglio la situazione di emergenza che stiamo vivendo percorrendo la nostra cultura e la nostra storia evidenziando le nostre reazioni umane ai fenomeni pandemici che da sempre attanagliano l’umanità.


Link: 
https://www.premioostana.it/lettere-da-ostana-primo-giorno/