Nòvas d’Occitània    Nòvas d'Occitània 2012

invia mail   print document in pdf format Rss channel

Nòvas N.109 Febrier 2012

Comuni Occitani, piccoli e montani
Da problema ad opportunità: per il futuro delle nostre montagne

Comunas occitanas, pichòtas e de montanha
Da problèma a oportunitat: per lo futur de nòstras montanhas

di Giacomo Lombardo

Comuni Occitani, piccoli e montani  Da problema ad opportunità: per il futuro delle nostre montagne
italiano I sempre minori trasferimenti dallo stato obbligano i comuni a cercare nuove risorse, indispensabili per finanziare gli investimenti e i servizi, con fantasia e creatività.
Non potendo aspettare che la politica (romana e regionale) ponga rimedio ai nostri problemi ( non li conoscono neanche) occorre comunque andare avanti sfruttando le poche opportunità di cui gli amministratori possono disporre.
INFATTI
E' troppo chiedere che si ponga rimedio al disordine fondiario (frutto dell'abbandono della montagna: pensiamo alla gente emigrata e sparita in Francia) che impedisce qualsiasi attività agricola e/o forestale che necessiti di aree, non diciamo vaste, ma almeno di una certa consistenza?
Pensiamo alle strade comunali realizzate nell'ultimo secolo solo con la bonaria disponibilità data dai proprietari ma tutte in condizioni irregolari in quanto non sono mai stati eseguiti i frazionamenti e i relativi accatastamenti a causa degli esorbitanti costi (con Comuni sempre senza risorse..). E' troppo fare una leggina "ad comunem" per regolarizzare senza tasse queste strade nell'interesse della collettività?
E' troppo chiedere una moderna legge che favorisca una sana e redditizia forestazione baipassando i problemi di frammentazione fondiaria e/o di terreni abbandonati (e magari intestati a gente nata 150 anni addietro)?
E si potrebbe continuare.
E ALLORA
Una possibilità per molti comuni di trovare nuove risorse c'è: ridare utilizzo ai terreni soggetti ad uso civico dove sono cessate le condizioni per le quali tali terreni erano stati concessi ai particolari.
Nei nostri comuni sono in genere identificati con la breve formula del "fitto beni".
Erano terreni dati in uso per una cifra pressoché simbolica, secoli fa, per aiutare il privato a integrare la propria magra economia famigliare: pascoli, boschi, coltivi, campi.
Su alcuni di questi terreni vennero edificati piccoli edifici (mèire) per il ricovero del bestiame e per dare un minimo di ricovero ai padroni (una piccola cucina, un posto per dormire: magari sul "trabialum" , direttamente sotto il tetto).
Con il mutare dell'economia e con l'abbandono della montagna questi edifici stanno cadendo in rovina ma la persistenza del vincolo (sono edifici di proprietà privata che insistono su un bene comunale indisponibile) ne impedisce la ristrutturazione e/o la vendita essendo il proprietario quasi sempre privo dei requisiti originali (ovvero l'essere agricoltore).
La Regione Piemonte ha normato più volte la materia ed ora è possibile, attraverso una complessa ma non impossibile operazione, svincolare questi terreni dando la possibilità al Comune di venderli al proprietario dell'edificio sopraesistente.
Occorre fare un censimento dei beni soggetti al vincolo su tutto il territorio comunale, approvarlo in Consiglio Comunale, ottenere la relativa validazione dall'ufficio regionale competente e, a questo punto, individuare gli aventi diritto e proporre loro l'acquisto del terreno stesso ad un prezzo equo certificato dalla Regione Piemonte. Questo passaggio "condona" gli eventuali piccoli abusi di possesso illegittimo che fossero stati commessi più o meno in buona fede.
A questo punto, dopo un ulteriore passaggio in Regione, si può procedere alle vendite che sono eseguite senza imposte di registro, di bollo, di trascrizione e di volture catastali per l'acquirente.
A Ostana queste operazioni sono state portate a termine in circa quattro anni e hanno fruttato alle casse comunali oltre 200.000 euro che sono stati investiti nel costruendo Centro Benessere che, una volta ultimato, produrrà due preziosi posti di lavoro.
Le attività per pervenire a questo risultato sono state decisamente impegnative ed hanno coinvolto tutti i consiglieri del comune: ma ne valeva la pena.
occitan Lhi sempre minors transferiments da l'estat obligon las comunas a cerchar de nòvas resssoras, indispensablas per finançar lhi investiments e lhi servicis, embe fantasia e creativitat.
Ren polent aténder que la política (romana o regionala) bute remèdi a nòstri problèmas (lhi conoisson nimanc), chal totun anar anant en esfruchant las paucas oportunitats que an lhi administrators.
DE FACH
Es tròp demandar que se remedie al desòdre fondiari (fruch de l'abandon de la montanha: pensem a la gent emigraa e partia en França) qu'empedís quala se sie activitat agrícola e/o forestala qu'aie besonh d'àreas, disem pas vastas, mas d'una cèrta consistença?
Pensem a las vias comunalas realizaas ental darrier sècle masque embe la bòna disponibilitat donaa dai proprietaris, mas totas fòra règla, já que son pas jamai estats fachas lhi fraccionaments e lhi relatius acatastaments a causa di costs exorbitants (embe de comunas
sempre sensa sòuds...). Es tròp far una pichòta lei per regularizar sensa taxas aquestas vias dins l'interès de la gent?
Es tròp demandar que se favorise una sana e rendable reforestacion en passant sus lhi problèmas de fragmentacion fondiària e/o de terrens abandonants (e benlèu intestats a de monde naissut 150 ans arreire)?
E én poleria continuar.
E ALORA
Lhi a una possibilitat per ben de comunas de trobar de nòvas ressorsas: tornar adobrar lhi terrens subjècts a usatge cívic ente son cessaas las condicions per las qualas lhi terrens eron istats conceduts ai privats. Dis nòstras comunas aquò se ditz "fitto beni".
Eron de terrens donats en usatge per un ren de sòuds, fai de sècles, per ajuar lo privat a integrar sa maigra economia familiara: pasturas, bòscs, terrens cultivats, champs.
Sus qualqu'uns d'aquesti terrens son estats bastias de meiras per abricar lo bestiam e decò un pauc lhi bergiers (una pichòta cusina, un pòst per durmir, magara sal trabealum, directament dessot lo liech).
Embe lo chambiament de l'economia e l'abandon de la montanha aquesti edificis son en chamin de tombar en roïna, mas la persistença dal víncol (son d'edificis privats qu'insiston sus un ben comunal indisponible) n'empacha la restructuracion e/o la venda, essent que lo proprietari esquasi jamai a lhi requisits originals (o ben l'èsser agricultor).
La Region Piemont a normat mai de bòts la matèria e aüra es possible, a travèrs un'operacion complèxa mas ren impossibla, desvincolar aquesti terrens en donant la possibilitat a la comuna de lhi vénder al proprietari de l'edifici sobrexistent.
Chal far un censiment di bens subjècts al víncol sus tot lo territòri comunal, l'aprovar en conselh comunal, obtenir la relativa validacion da l'ofici regional competent e, an aquesta mira, individuar lhi avents drech e lor propausar l'achat dal terren a un prètz equitable certificat da la Region Pîemont. Aqueste passatge "condona" lhi eventuals pichòts abús de possession legítima que foguesson estats comés mai o menc en bòna fè.
An aquesta mira, après un ulterior passatge en Region, se pòl procéder a las vendas que son exeguias sensa impòstas de registre, de bòl, de trancripcion e de volturas catastalas per l'aquirent.
A Ostana aquestas operacions son estaas achabaas en a pauc près quatre ans e an fruchat a las caissa comunalas mai passa 200.000 euro, que son estats investits dins lo Centre Benèsser en tren de se bastir que, un bòt ultimat, produirè dui preciós pòsts de trabalh.
Las activitats per pervenir an aqueste resultat son estaas decisament empenhativas e an implicat tuchi lhi conselhiers de la comuna: mas ne'n valia la pena.

Condividi