Nòvas d’Occitània    Nòvas d'Occitània 2011

invia mail   print document in pdf format Rss channel

Nòvas n°107 Desembre 2011

Rodolfo Brun, Cantautore Occitano

Rodolfo Brun, chantautor occitan

di Gabriella Irtino

Abbiamo incontrato Rodolfo Brun, musicista e cantautore torinese, incuriositi dal suo ultimo lavoro tutto occitano, "Perlas de Veire".

Rodolfo Brun, Cantautore Occitano
italiano Ciao Rodolfo, da quanto tempo ti dedichi alla musica e alla composizione?

Il mio percorso di cantautore nasce con il contributo dei miei genitori: mia mamma pianista e mio padre curioso ricercatore musicale. A dodici anni fu proprio mio padre a propormi "Le plat pays" di Jaques Brel, penso sia stato dopo quell'ascolto che decisi di diventare cantautore. Il mio secondo maestro è stato Fabrizio de Andrè, ma i miei inizi musicali sono stati il blues, il rock e il pop e durante gli anni '70/'80 ho suonato e cantato in vari gruppi.
Nel 1978 mi sono laureato in Psicologia presso l'università di Padova con una tesi in musicoterapia e verso la metà degli anni settanta ho iniziato a comporre canzoni.

Come nasce la tua idea di fare un cd in lingua occitana?

L'incontro con i Nativi Americani è stato fondamentale. Nel 2001 Francis Mitchell, uomo sacro Navajo e Sara Smith, grande madre Moawk, mi hanno incaricato d'incontrare gli spiriti della mia terra e dei miei antenati. Non avevo idea su quale fosse la via da seguire, ma nel 2008, in seguito a una grave malattia, il significato del sentiero indicato dai maestri nativi attraversò la mia mente generando un'idea: "Le radici di una persona e di un popolo sono nella loro lingua, nella lingua degli antenati. I miei avi erano occitani, tradurrò le mie canzoni in occitano". Ecco come sono nati il lavoro "Perlas de Veire" e la mia via occitana.

Puoi raccontarci qualche dettaglio delle composizioni?

"Ma via s'estend, magic serpent" rappresenta un cammino nel territorio ma anche nelle stagioni, nell'interiorità, nella tradizione degli antenati, nel mio passato. I ritmi del pop, del rock, del blues e della musica elettronica s'incontrano e si fondono con ricordi medievali e rinascimentali, percorrendo il ponte che collega la musica dei trovatori provenzali, i primi cantautori della storia, ai suoni del nostro tempo tramite le sonorità e gli strumenti della tradizione.

C'è un brano a cui sei particolarmente affezionato?

Si, è "Perlas de Veire", per questo ho deciso di usare lo stesso titolo per l'album. Questa canzone esprime proprio il senso del viaggio, nello spazio, nel tempo, nei pensieri, nel cuore, nell'anima, nella vita...

Note sull'autore: Rodolfo Brun è nato a Torino il 25/12/1952 e abita a Nole Canavese (TO). Lavora come psicologo presso l'ospedale di Ciriè (TO) e svolge l'attività di psicologo-psicoterapeuta libero professionista.
Nel 2000 ha fondato l'associazione culturale "Altrove" (www.altrovepuntoesteso.it)

Discografia:
Deep Reverie (1995), Dumbo Records, Torino
Tarot (2006), testi di R. Brun, musiche di Nick Comoglio
Anima di Legno (2007), testi di R. Brun e Nick Comoglio, musiche di N. Comoglio
Caccia Sciamanica (2009), Edizioni RED; testi di R. Brun, musiche realizzate dal gruppo "Il Tempo del Sogno" (A. Ponzetto, F. Cena, M. Fazio, M. Cordone, R. Brun)

Romanzi:
Venne un uomo, Verde Libri, Torino, 1995 (edito anche in Spagna col titolo Y vino un ombre, Helios/Viena S.L., Barcelona, 1997)
Sui sentieri del sogno, Verde Libri, Torino, 2000

In attesa della pubblicazione del Cd "Perlas de Veire" puoi trovare alcune canzoni e videoclip sulla pagina YouTube: http://www.youtube.com/user/RodolfoBrun
e sulla pagina Rodolfo Brun di Facebook
In onda su Ràdio Gasconha: http://radiogasconha.blogspot.com/



Terra d’Occitania
La mia via si distende
magico serpente;
le querce antiche e i fiumi,
sono panni stesi al sole.
Questa terra accoglierà
il mio lento andare,
tra i villaggi e le pianure
seguendo il maestrale.
Così, di ricovero in ricovero,
camminerò col cuore assorto,
con gl’occhi fermi sull’orizzonte.
Così, tra luce ed ombra,
ascolto il vento che mi risponda.
Pietre, granito e lose,
sangue degl’antenati;
campanili silenziosi,
mi guardano passare.
Sulla strada dell’inverno
verso la primavera,
oltre il bordo della notte,
raggiungendo il mare.
Così, tra nubi e nebbie,
navigherò tra scogli e secche,
seguendo il volo di sogni strani.
Così, lungo la costa,
aspetto ancora la mia risposta.
La mia terra esiste
se ascolti le sue parole,
lei ti narrerà
della Luna e del Sole,
di lavande addormentate,
del canto di cicale.
Il suo cuore batterà
per chi sa ascoltare.
Così, tra stelle e giorni,
camminerò per i miei ritorni,
ma poi lontano non so più stare;
così, senza pensare,
io voglio sempre ritornare

occitan Bonjorn Rodolfo, despuei quand de temp te dedies a la música e la composicion?

Mon percors de chantautor nais embe lo contribut di miei genitors: ma maire pianista e mon paire recerchador musical. A dotze ans es estat pròpi mon paire a me propausar "Le plat pays" de Jaques Brel, penso que sie après aquel escòut qu'ai decidat de venir chantautor. Mon second magistre es estat Frabrizio de Andrè, mas mon debut musical es estat lo blues, lo rock e lo pòp e dedins lhi ans '70/'80 ai sonat e chantat dins diferents grops.
Ental 1978 me siu laureat en psicologia a l'universitat de Padova embe una tèsi en musicoterapia e vèrs la meitat di ans setanta ai començat a escriure de chançons.

Coma nais ton idea de far un cd en lenga occitana?

L'encontre embe lhi natius americans es estat fondamental. Ental 2001 Francis Mitchell, òme scare Navajo e Sara Smit, granda maire Moawk, m'an encharjat d'encontrar lhi esperits de ma tèrra e de mi reires. Aviu pas idea de qual foguesse lo chamin da seguir, mas ental 2008, après una grava malatia, lo significat de la dralha indicaa dai mèstres natiu m'a atraversat la ment en generant un'idea: "Las raïtz d'una persona e d'un pòple son dins lor lenga, dins la lenga di reires. Mi reires eron occitans, virarei mas chançons en occitan". Vaquí coma son naissuts lo trabalh "Pèrlas de veire" e mon chamin occitan.

Pòs contiar-nos qualque detalh de tas composicions?

"Ma via s'estend, magic serpent" representa un chamin dins lo territòri mas tanben dins las sasons, dins l'interioritat dins la tradicions di antenats, dins mon passat. Lhi ritmes dal popo, dal rock, dal blues e de la música electrònica s'encòntron e se fondon embe de recòrd medievals e renaissimentals, en percorrent lo pont que jonh la música di trobadors provençals, lhi premiers chantautors de l'istòria, ai sòns de nòstre temp a travèrs las sonoritats e lhi enstruments de la tradicion.

Lhi a un tòc al qual sies particularament estachat?

Sí, Pèrlas de veire; es pr'aquò qu'ai decidat d'adobrar lo mesme títol per lo disc. Aquesta chançon exprim pròpi lo sens dal viatge dins l'espaci, dins lo temp, lhi dins pensiers, dins lo còr, dins l'anma, dins la vita...

Nòtas sus l'autor: Rodolfo Brun es naissut a Turin lo 25/12/1952 e ista a Nole Canavese (TO). Trabalha coma psicòlog-psicoterapeuta lobre professionista.
Ental 200 a fondat l'associacion culturala "Altrove" (www.altrovepuntoesteso.it)

Discografia:
Deep Reverie (1995), Dumbo Records, Torino
Tarot (2006), testi di R. Brun, musiche di Nick Comoglio
Anima di Legno (2007), testi di R. Brun e Nick Comoglio, musiche di N. Comoglio
Caccia Sciamanica (2009), Edizioni RED; testi di R. Brun, musiche realizzate dal gruppo "Il Tempo del Sogno" (A. Ponzetto, F. Cena, M. Fazio, M. Cordone, R. Brun)

Romanç:
Venne un uomo, Verde Libri, Torino, 1995 (editat tanben en espanha embe lo títol Y vino un ombre, Helios/Viena S.L., Barcelona, 1997)
Sui sentieri del sogno, Verde Libri, Torino, 2000

En atendent la publicacion dal Cd "Pèrlas de Veire" pòs trobar qualquas chançons e videoclip sus lapàgina YouTube: http://www.youtube.com/user/RodolfoBrun
e sus la pàgina Rodolfo Brun de Facebook
En onda sus Ràdio Gasconha: http://radiogasconha.blogspot.com/


Tèrra d’Occitania

Ma via s’estend
Magic serpent,
lhi rores antics e las rivieras
son patas eslarjaas al solelh
aquesta tèrra acuelharè
mon anar plan,
entre lhi vilatges e las planas
seguent lo mistral.
Parelh, d’abrí en abrí,
chaminarei a còr absorbit,
embe lhi uelhs ferms a l’orizont.
Parelh, entre clar e ombra,
escoto l’aura que me responde.
Peiras, granit e lausas,
sang di reires;
cloquiers silenciós,
m’agachon passar.
S’la via de l’uvèrn
vers la prima,
al de lai del bòrd de la nuech,
arribant a la mar.
Parelh, entre borinas e neblas,
navigarei entre rocàs e sechas
seguent lo vòl de sumis dròlles
Parelh, arlòng la còsta,
atendo encara ma respòsta.
Ma tèrra existìs
si escotes sias paraulas,
ilhi te contiarè
de la luna e del solelh,
d’espigs endurmits,
del chant des cigalas.
Son còr baterè
per qui sa escotar.
Parelh, entre estelas e jorns,
chaminarei per lhi miei retorns,
mas puei da luenh sabo pus estar,
parelh, sensa pensar,
iu vuei sempre retornar.


Condividi