Nòvas d’Occitània    Nòvas d'Occitània 2011

invia mail   print document in pdf format Rss channel

Nòvas n°107 Desembre 2011

L’accorpamento dei piccoli comuni

L’unificasioun d’lâ chittâ cumuna

di Tron Claudio

L’accorpamento dei piccoli comuni
italiano La prospettiva dell’accorpamento dei comuni con un numero basso di abitanti ha suscita-to un comprensibile allarme nelle nostre vallate, abituate a subire spesso danni consistenti dalle decisioni calate dall’alto. Effettivamente è probabile, nella migliore delle ipotesi, che i provve-dimenti in corso e in progetto siano ispirati più da considerazioni fatte a tavolino che a un esame oggettivo dei benefici economici che potrebbero conseguire a tale accorpamento. Ci sono molte situazioni in cui gli Amministratori svolgono il loro servizio cercando il bene della popolazione e del territorio, mettendoci tempo, passione, rimettendoci spesso anche di tasca. Ma esistono anche situazioni in cui la piccolezza rende facile preda di poteri forti, politici o economici. La tentazio-ne rappresentata dalla possibilità di ricevere finanziamenti comunque destinati ha comportato nelle Valli toccate dalle Olimpiadi un grosso apporto di denaro, senza aumento di ricchezza. As-sistiamo ad alcuni anni di distanza, addirittura, ad un impoverimento di fatto, per i suoli che sono stati devastati e per l’imbarazzo che la gestione di strutture faraoniche comporta, terminata la manifestazione. Il problema non è dunque, tanto, quello dell’autonomia amministrativa locale, quanto quello del modo con cui si amministra la cosa pubblica. Ci può essere meno autonomia reale in un comune in cui sono estranei a fare il bello e il cattivo tempo che in una unione di co-muni vicini. L’accorpamento gestito bene potrebbe addirittura dare più forza alle nostre vallate, potrebbe contrastare in modo più solidale la pirateria di chi considera la montagna un giocattolo per ricchi, un bene neutro il cui valore è rappresentato unicamente dal prezzo di mercato. Ci sa-rebbe anche un vantaggio per i cittadini se potessero avere accesso agli uffici pubblici tutti i giorni in un centro un po’ più lontano piuttosto che all’ufficio vicino a casa ma aperto solo un giorno alla settimana. Si supererebbe anche una certa concorrenza campanilistica tra comuni alla ricerca di finanziamenti provinciali e regionali.
La predazione con gli impianti sportivi sproporzionati rispetto alle possibilità di fruizione duratura è un esempio. Potremmo menzionarne altri altrettanto macroscopici come la TAV, ma ci sono anche casi meno evidenti come la destinazione esclusiva che in qualche comune è attuata a favore della caccia privata, col sabotaggio delle attività tradizionali agricole e pastorali. Il pre-sidio rappresentato dalla piccola agricoltura e dalla pastorizia può dare fastidio alle aziende fau-nistico-venatorie in cui i concessionari preferiscono che nessuno veda come sono gestite e come sono occupati i terreni magari nemmeno concessi per l’inclusione. Ci  può anche essere, nella costruzione di palazzine di caccia, una speculazione edilizia, boccone ghiotto per progettisti e impresari. Se le strutture sono volute da amministratori interessati all’attività delle aziende, ci possono addirittura essere finanziamenti pubblici, purché si dia un’etichetta di agriturismo o di iniziativa ricettiva aperta ai turisti.
L’accorpamento non consente di per sé di evitare questi rischi. Ma è probabile che un cer-to numero di comuni che non hanno più la possibilità di eleggersi amministratori del posto e i cui sindaci sono ormai da tempo persone estranee alla tradizione e alla cultura locale, se accorpati tra di loro, potrebbero nuovamente avere la forza di mantenere un po’ più di autonomia vera.
Ovviamente il discorso non è soltanto economico, ma ha anche un evidente risvolto cul-turale. Si deve onestamente riconoscere che le indicazioni toponomastiche recenti e la cartelloni-stica relativa sono notevolmente migliorate rispetto al passato. Ma non mancano casi in cui i to-ponimi sono grossolanamente storpiati, i cartelli sono stati predisposti senza consultare chi cono-sceva il territorio e le borgate e sonostati stati scritti con un adattamento approssimativo della lingua nazionale, senza alcun rispetto per regole minime di grafia.
Gli esempi potrebbero continuare. L’importante è che ci prepariamo, se i piccoli comuni saranno uniti tra di loro o ad altri enti più grandi, a mettere le nostre forze al servizio di un’utilizzazione intelligente della nuova situazione senza limitarci a piangere su un passato che sarà comunque superato, che lo vogliamo o no. Accorpamenti si sono avuti anche in passato. Vi-cino a me c’è Perrero che ha assimilato fin dal 1928 ben sette vecchi comuni. Non si può dire che ci sia grande sviluppo di attività tradizionali, ma almeno i pochi giovani che con grande coraggio tentano un rilancio dell’agricoltura e dell’allevamento sono, almeno moralmente, assecondati e incoraggiati.
occitan Un capî ben quë lou prouget d'unifiâ lâ cumuna qu'an poqqui abitant aie pougù alarmâ notrâ valadda, acoustumâ a ërsëbbre cazi sampre d'dann da lâ dechisioun qu'arìbbën da soubbre. L'ê proubabble, s'la vai ben, quë soc po aribâ sie îtà eitudià sënso countiâ peui tant së la po pour-tâ d'ecounoumìa, ma moc për fâ pasâ quë la s'talhavo la poulìtico.
La lei à bien dë situasioun dount lh'Aministratour fan lour sërvissi për lou ben d'la pou-pulasioun e dâ post, ën lei butant dë tëmp, dë pasioun e calc vê d'soldi d'lour sacoccho. Ma la lei à co d'câs dount lou mouvimënt chit përmëtto a qui à d'grandâ pousibilità, pouliticca ou finan-siaria e quë ven da vio, dë fâ da patroun ën sou notre. La pousibilità dî finansiamënt për laz O-limpìadi à pourtà ën lâ valadda bien d'soldi e pâ gî d'richeso. Aprèe calc ann, noû dirìën pitost quë lâ valadda soun pi pàoura, për lî tëren devastà e për lâ dificultà a gëstî d'ëmplant tro grô për lâ pousibilità d'utilizasioun ën tëmp nourmâl.
Alouro lou proubleme l'ê pâ tant quel dë l'aministrasioun loucalo, ma quel d'la manìëro d'aministrâ la cozo pùbblico. La lei po èse mënc d'aoutounoumìo ënt uno cumuno dount l'ê dë fourêtìe quë dësìddën lou bèl e lou brut quë cant lâ cumuna vëzina soun butâ ënsëmp. L'unioun d'lâ cumuna pourìo fin dounâ pi d'forso a notrâ valadda, pourìo ëmpâchâ a quëlli quë counsidé-rën la mountannho moc për s'lei amuzâ përqué i an d'soldi, coum s'la s'pouguése chatâ tout coum s'un fouse â marchà. La gënt sërìën fin a pi coumoddi s'î pouguésën troubâ lh'ufisi d'la cumuno ubèrt tû lî joùërn un po pi leunh, ënvecche d'uno meizoun d'la cumuno pi dapè ubèrto moc un joùërn për sëmano. E un evitërìo co quë lâ cumuna së fàsën coucurënso për aguê dë fi-nansiamënt da la prouvincho ou da la rejoun, basto d'tirâ foro calc soldi.
La malharìo dî tëren per d'ëmplant ëspourtìou quë sèrvën për poc dë tëmp l'ê moc un ei-zëmple. Noû pourìën co parlâ d'la TAV, ma nouz an co dë câs quë së véen mënc, coum la dësti-nasioun dë calc cumuna moc a la chaso privâ, contro l'agriculturo e lou pàscoul. La chitto agri-culturo e la përzënso dî bërgìe po gênâ laz aziënda faounisto-venatòria, dount lî chasoou qu'an la counchesioun përférën quë la s'véie pâ soc î fan e coum î van a la chaso co sû dî tëren dount i oourìën pâ lou dréit d'anâ.
Peui, magaro, i s' fan dë palaizina d' chaso, d'ëspeculasioun edilìsio, grô boucoun për lî prougëtiste e lh'ëmprëzari. E së eicâ meizoun soun apoujâ da calc sendi ëntërësà a la chaso privâ, â pon fin èse finansiâ oou d'soldi pùblic, basto qu'un lour doune l'etiquëtto d'agritourizme e dë foresterìa për lî touriste.
L'ê pâ sëgûr quë s'un butto ënsëmp lâ cumuna un sie foro d'eiquî dangìe. Ma l'ê prou-babble quë calc cumuna qu'an papì la pousibilità dë voutâ d'aministratour dâ post e qu'an da bien dë tëmp dë sendi quë vénën da vio e qu'an un'aoutro culturo e un'aoutro tradisioun, s'â foù-sën ënsëmp e unìa, â pourìën toùërno aguê la forso d'un po pi d'aoutounoumìo vero.
Lou discoùërs â vâl pâ moc për l'ecounoumìo, ma co për la culturo. L'ê vê quë lî nom e lî cartèl quë soun sourtì da calc ann ën lî paî soun melh qu'ënt â pasà. Ma la lei à ëncâ dë paî dount lî nom soun îtà butà sënso ëntërpëlâ quëlli dâ post e soun îtà eicrît a la gran diàoulo, eitrupaint co l'italian, sënso rëspet për lâ règgla d'eicrituro.
Noû pourìën countinuâ oou lh'eizëmple. L'ëmpourtant l'ê quë noû s'përpàrën, së lâ chittâ cumuna van da èse unìe ëntër lour ou a quëlla pi grosa, a butâ notrâ forsa â sërvissi d'un'utilizasioun fùërbo d'la nouvèllo situasioun sënso ploûrâ sû dâ pasà que touërnërèe maipì. Co ënt â pasà la lei à agù d'unioun. Pâ leunh da mi la i à lou Prie qu'à ëngloubà doou lou 1928 sèt chittâ cumuna. Peui pâ dire quë la lei sie bien dë creisùo d'laz atività d'un tëmp, ma âmënco lî poqqui jouve quë sèrchën oou bien dë couragge dë fâ d'agriculturo ou d'ënlëvâ d'bëstiam, î soun ëncourajà e coumplimëntà.


Condividi