Nòvas d’Occitània    Nòvas d'Occitània 2011

invia mail   print document in pdf format Rss channel

Nòvas n° 105 Setembre-Octobre 2011

Valli occitane e risorgimento: Luigi Des Ambrois de Nevaché (1 parte)

Valadas occitanas e resorgiment: Luigi Des Ambrois de Nevache (1 part)

A cura di Maurizio Dematteis / testimone Roberto Borgis

Valli occitane e risorgimento: Luigi Des Ambrois de Nevaché (1 parte)
italiano

"...heureux de n'etre plus rien". "...onorato di non essere più nulla". Con queste parole nell'estate del 1848 Luigi Des Ambrois de Nevache, già ministro del Regno di Sardegna, prende congedo dal suo Re Carlo Alberto di Savoia, per tornare nella casa paterna di Oulx.

Politico di antica famiglia valsusina, conservatore ma attento al progresso, Des Ambrois, pur non essendo uno specialista di tecniche militari, è voluto al suo fianco da Re Carlo Alberto nel corso della Prima guerra di indipendenza. Cioè il momento in cui, secondo il giudizio unanime degli storici, comincia il processo di unificazione territoriale della Penisola.

Alcuni giorni dopo la conclusione delle cinque giornate di Milano, nel marzo del 1848, il Re di Sardegna Carlo Alberto dichiara guerra all'Austria e varca con le sue truppe il Ticino all'inseguimento del feldmaresciallo Radetzky. Ma l'esperto militare austriaco, tra il 23 e il 25 dello stesso mese, riesce a riprendere l'offensiva e a battere l'esercito sardo in una serie di scontri passati alla storia come prima battaglia di Custoza. Da quel momento comincia una rapida ritirata dell'esercito sardo verso l'Adda e Milano, nel corso della quale Luigi Des Ambrois si trova impegnato negli aspetti organizzativi. Il 4 agosto si svolge la battaglia di Milano, al termine della quale Carlo Alberto chiede l'armistizio, Armistizio di Salasco. E' la sconfitta. Luigi Des Ambrois torna alle terre natie della Valle di Susa per ritirarsi a vita privata.

Tra le più nobili e conosciute famiglie dell'alta valle di Susa, i Des Ambrois hanno il palazzo di famiglia nel borgo vecchio di Oulx. Palazzo di famiglia nel quale il 30 Ottobre 1807 nasce Luigi Des Ambrois de Névache. Il padre, Louis Victor, ex-colonnello dell'armata sarda, fa compiere al figlio gli studi ginnasiali nel collegio di Oulx e quelli liceali e universitari a Torino, dove Luigi si laurea in giurisprudenza nel 1828. A soli 27 anni è  nominato "Sostituto Procuratore". Nel 1841 gli viene affidato il primo incarico di governo come "Intendente della divisione di Nizza Marittima". Il buon operato a Nizza, in quel periodo ancora parte del territori governati dai Savoia, permette al giovane Des Ambrois della Val di Susa di mettersi in mostra come amministratore illuminato  e progressista agli occhi del Re Carlo Alberto. Che, intento a svecchiare la classe politica sabauda, lo vuole con sé nominandolo "Ministro degli interni".

Quando la concessione dello Statuto a Napoli accende gli animi anche nello Stato sabaudo, è proprio il Des Ambrois a spingere Re Carlo Alberto verso la concessione di una costituzione anche nel Regno di Sardegna. Costituzione, definita poi Statuto albertino per non turbare troppo gli animi della nobiltà sabauda, alla quale il ministro valsusino partecipa alla stesura insieme ai ministri Alfieri e Borelli.

La collaborazione tra il valsusino e il Re sabaudo continua fino alla fine, fino al 1849, quando  Carlo Alberto, dopo l'ennesima sconfitta inflittagli dagli austriaci, abdica in favore del figlio Vittorio Emanuele, lasciando l'Italia verso l'esilio di Oporto in Portogallo, scegliendo per sé il semplice titolo di Conte di Barge.

Des Ambrois negli anni passati accanto a Carlo Alberto seppe essere amministratore rigido ma largo di idee e di spirito di innovazione, lavorando prima di tutto alla creazione di scuole serali per operai, professionali per meccanici e chimici. Il ministro valsusino stimolò la modernizzazione dello Stato introducendo il "sistema metrico decimale"e fondando a Venaria Reale l'"Istituto di Veterinaria, agricoltura e arte forestale".

Dopo l'esilio di Carlo Alberto, Luigi Des Ambrois per qualche anno non ricopre più cariche politiche. Ma viene eletto prima deputato nel collegio elettorale di Susa, e poi senatore.

Nel 1850 però, richiamato da Vottorio Emanuele, "riprende servizio", accettando la presidenza del "Consiglio di stato", che mantiene fino alla morte, e svolge fino al 1874 innumerevoli e importanti compiti come quello di mediatore nei confronti della laicizzazione dello Stato, voluta da Cavour e Rattazzi. Des Ambrois, pur condividendo la necessità di abolire usi e privilegi del clero, seppe emendare progressivamente gli elementi più vessatori del progetto di legge.

Nel Novembre del 1874 accetta la presidenza del Senato a Roma. Muore nel dicembre dello stesso anno. E viene salutato ad Oulx con una solenne funzione dai suoi concittadini, che lo ricordano con devozione  grazie alla sua attenzione al territorio. Come l'anno in cui, a seguito di un raccolto agricolo andato perduto in valle, Luigi Des Ambrois de Nevaché metteva mano al portafogli per primo per lanciare una sottoscrizione in favore degli agricoltori valsusini.
occitan

"...heureux de n'etre plus rien". "...onorat d'èsser pus ren". Embe aquilhi mots dins l'istat dal 1848 Luigi Des Ambrois de Nevache, já ministre dal Règne de Sardenha, pren conget da son rei Carl albert de Savòia, per tornar a la maison pairala d'Ols. Polític d'una antica familha de la Val d'Oira, conservator mas atent al progès. Des Ambrois, bèla en essent pas un especialista de técnicas miltaras, es volgut a son flanc dal rei Carl Albert dins la premiera guèrra d'indipendença. Es a dir lo moment ente, second lo vetjaire unànim de lhi istòrics, comença lo procès d'unificacion territoriala de la península.

Qualque jorn après la conclusion de las cinc jornadas de Milan, dins lo març dal 1848, lo rei de Sardenha Carl Albert declara guèrra a l'Austria e passa embe sas tropas lo Ticin a l'inseguiment dal federmareschal Radetzky. Mas l'expèrt militar austriac, entre lo 23 e lo 25 dal mesme mes, arriba a prene mai l'ofensiva e a bàter l'armada sarda dins una seria de batalhas passaas a l'istòria coma premiera batalha de Custoza. Despuei aquel moment comença una ràpida retirada de l'armada sarda vèrs l'Adda e Milan, durant la quala Luigi Des Ambrois se tròba engatjat dedins l'rganizacion, Lo 4 d'avost se passa la batalha de Milan, al tèrme de la quala Carl Albert chama l'armistici, l'Armistici de Salasco. Es la desfacha. Luigi Des Ambrois torna a sa tèrra natala en Val Dueira per se retirar a vita privaa.

Entre las familhas mai nòbles e coneissuas de l'auta Val Dueira, lhi Des Ambrois an un palais de familha dins lo vielh borg de Ols. Palais de familha ente lo 30 d'otobre 1807 nais Luigi Des Ambrois de nevache. Lo paire, Louis Victor, ex colonèl de l'armada sarda, fai complir a lo filh lhi estudi de gimnasials al collègi de Ols e aquilhi dal liceals e universitàris a turin, ente Luigi se làurea en jurisprudença ental 1828. A solament 27 ans es nominat "Substitut Procurator". Ental 1841 lhi ven afidat lo premier encharge de govèrn coma "Intendent de la division de Niça Marítima". Son bòn trabalh a Niça, an aquel temp encara part  di territòris governats dai Savòia, permet al jove de la Val Dueira de se butar en mòstra coma administrator illuminat e progressita a lhi uelhs dal rei carl Albert que, ocupat a rejovenir la classa política sabauda, lo vòl embe el en lo nominant "Ministre de lhi intèrns".

Quora la concession de l'Estatut a Napoli

Quora la concession de l'Estatut a Napoli avisca lhi ànims decò de l'estat sabaude, es pròpi Des Ambrois a possar rei Carl Albert vèrs la concession d'una constitucion decò dal Règne de Sardenha. Constitucion puei definia Estatut Albertin per ren turbar tròp lhi ànims de la nobiltat sabauda, a la quala lo ministre de la Val Dueira partícipa a la redaccion ensem ai ministres Alfieri e Borelli.

La collaboracion entre Des Ambrois e lo rei sabaude contínua fins a la fin, fins al 1849, quora Carl Albert, après l'enena desfacha inflijua-lhi da lhi austriacs, àbdica en favor dal filh Vittorio Emanuele en quitant l'Itàlia vèrs l'exili de Oporto, en Portugal, en chausent per el lo smple títol de Cont de Barge.

Des Ambrois, enti ans passats da cant a Carl Albert, a saubut èsser un administrator regde mas larg d'ideas e d'esperit d'innovacion, en trabalhant derant tot a la creacion d'escòlas seralas per obriers, professionalas per mecànics e químics. Lo ministre a estimulat la modernizacion de l'estat en introdusent lo "sistèma mètric decimal" e en fondant a Venaria Reale l' "Institut de Veterinària, agricultura e art forestala". Après l'exili de Carl Albert, per qualque an Des Ambrois recuèrb pus de charjas políticas. Mas ven elejut derant deputat dins lo collègi electoral de Susa e puei senator. Mas ental 1850, rechamat da Vittorio Emanuele, "repren servici", en acceptant la presidença dal "Conselh d'estat", que manten fins a la mòrt, e complís fins al 1874 d'innombrables e importants trabalhs coma aquel de mediator devèrs la laicizacion de l'estat volgua da Cavour e lattazzi. Des Ambrois, mesme en partatjant la neccessitat d'abolir usatges e privilègis dal clergat, a saubut emendar progressivament lhi elemets pus vexators dal projèct de lei.

Ental novembre dal 1874 accepta la presidença dal Senat a Roma. Muer dins lo desembre dal mesme an. A Ols ven salutat embe una foncion solèmna dai siei concitadins, que lo recòrdon embe devocion per son atencion al territòri. Coma l'an que, après una recòlta anaa perdua en valada, Luigi Des Ambrois de Nevache butava man al pòrtafuelhs per prim per lançar una soscripcion en favor di agricultors de sa valada.

 

 


Condividi