Nòvas d’Occitània    Nòvas d'Occitània 2011

invia mail   print document in pdf format Rss channel

Nòvas n° 104 Setembre 2011

A Crissolo il 16 agosto una giornata insieme per ricordare la nascita dell’Escolo dóu Po

A Criçol lo 16 d’avost una jornaa  ensem per enavizar la naissença de l’Escolo dóu Po

Il Felibritge ha presenziato attivamente alla manifestazione rinnovando la sua amicizia transfrontaliera.

A Crissolo il 16 agosto una giornata insieme per ricordare la nascita dell’Escolo dóu Po
italiano Il 16 di settembre la Pro Loco di Crissolo in Val Po ha voluto ricordare la nascita dell’Associazione Escolo dóu Po, che aveva avuto luogo il 14 di agosto del 1961, con una manifestazione che ha visto una grande partecipazione di pubblico.
Dopo il benvenuto dato dal Presidente della Pro-Loco Massimo Ombrello, il sindaco di Crissolo Aldo Perotti nel suo saluto si è soffermato su un grande problema di attualità, ovvero la soppressione dei comuni sotto i mille abitanti.
Anche Giacomo Lombardo, sindaco di Ostana, nel suo intervento, ha parlato del medesimo problema ha annunciato che gli amministratori dovevano raggrupparsi e prendere una chiara posizione e che una mobilitazione a livello delle valli si stava formando. Dopo di lui anche il sindaco di Frassino Dino Matteodo si è dichiarato daccordo per una mobilitazione delle valli e, ricordando il proprio passato di militante occitanista, sottolineava il pericolo di una perdita totale della nostra cultura nel caso di un annullamento dei nostri comuni che testimoniano dei secoli della nostra identità di uomini liberi.
Franco Bronzat, che ha poi preso la parola, ha iniziato il suo intervento parlando dei suoi primi momenti dopo che aveva conosciuto , nel 1967, l’Escolo dóu Po e di non aver mai pensato di essere poi li a presentare una relazione per il cinquantesimo anniversario della sua fondazione.
Forte emozione e, davanti ad un pubblico numeroso e attento, si sono raccontati 50 anni di storia letteraria e non delle nostre valli. Bronzat nell’iniziare ha letto una poesia di Ugo Piton di Rore Val Chisone in cui il poeta dice di credere nella libertà del vivere liberi della sua gente; ha poi ilustrato i momenti più importanti che avevano portato alla creazione di questa Associazione e degli uomini che l’avevano voluta, creata e portata avanti per più di dieci anni.
Il discorso seguiva anche il filo della poesia visto che tutto aveva avuto inizio con il concorso di poesia “Monviso ‘61” dove avevano vinto i poeti: Antonio Bodrero, Sergio Arneodo e Sergio Ottonelli.
Dario Anghilante ha letto le poesie di una buona parte degli autori, prima in occitano e poi nella traduzione.
Erano anche presenti alcuni poeti che hanno letto le proprie poesie come: Giacomo Bellone di Limone, Claudio Salvagno di Bernezzo, Antonio Richard di Bellino, Marco Mastrocola di Ostana.
Il gruppo Aire d’Ostana ha suonato dei pezzi di danze delle nostre valli: la Guiona dell’ alta Valle Varaita, delle corentas, la controdança, e atre ancora.
Hanno anche preso la parola Don Domenico Raso fondatore dell’Escolo e Gian Antonio Gilli, figlio di Paulo Gilli anche lui fondatore in quel lontano 1961, che ha portato una forte testimonianza di quel momento storico.
Da rimarcare che il discorso di Bronzat, parte del volume 50 Ans de Literatura e Non dins las Valadas Occitanas, era incentrato esclusivamente sull’opera poetica nata nelle vallate, che non comprendeva dunque le opere in prosa e nemmeno i lavori sulla lingua come la pubblicazione di vocabolari, di grammatiche, la ricerca in generale, di traduzioni che hanno caratterizzato questi 50 anni di rinascita occitana.
L’oggetto del lavoro non era quello di un’antologia e nemmeno quella di illustrare 50 anni di lavoro a 360 gradi nelle vallate, ma molto semplicemente di parlare di poesia sul filo della storia.
Dopo, sul ponte degli impianti di risalita di Crissolo, il rappresentate del Felibritge Lucien Durand accompagnato dalla moglie che aveva partecipato alla manifestazione del 1961, sotto le bandiera di Provenza e delle Vallate, dopo un piccolo discorso, ha versato, con un rapresentante del comune di Crissolo, l’acqua del Rodano in quella del Po per rinforzare i rapporti tra le nostre regioni.
Lucien Durand ha anche portato da Maiano, paese di Mistral, un sacchetto di terra.
Infine si è scoperta una pietra commemorativa della giornata e Durand ha letto un messaggio del Capolier del Felibritge per sottolineare i buoni rapporti tra il mondo delle vallate e l’intera terra d’Oc.

occitan Lo 16 de setembre la Pro-Loco de Criçòl en val Pò a volgut sovenir la naissença de l’Associacion Escolo dóu Po que s’era passaa lo 14 de aost dal 1961 abó una manifestacion qu’a vist una gròssa partecipacion de public.
Apres dal benvengut donat dal President de la Pro-Loco Massimo Ombrello,  lo Sendi de Criçòl Aldo Perotti dins son salut a encentrat son dire sus un greu problema de granda actualitat, al es a dire aquel de la soprecion de las comunas qu’an  mens de mila abitants.
Decò Jaco Lombard, sendi de Ostana, a son torn , a parlat dal mesme problema en anoncient que los aministrators duvian se rechamapar e prener una clara posicion al regard e al anonciava que una mobilitacion anava en se forment al nivel de las valadas. Just apres lo sendi de Fraisse Dino Matteodo se declarava per una mobilitacion de las Valadas  e, en sovenent son passat de militant occitanista, soslinhava lo dangier de una perta totala de nòstra cultura dins lo cas d’un anulament de nòstras comunas que testimonian de segles nòstra identitat de òmes libres.
Franco Bronzat qu’a puèi pres la paraula, a entrenat son discors en parlent de sos primieri moments quand avia conoissut, dal 1967, l’Escolo dóu Po e de aguer jamai pensat d’èsser puèi aiquì a presentar una relacion per lo cinquantenari de sa fondacion.
Granda emocion e, drant un public nombrós e atentiu , se sion debanats cinquanta ans d’istòria literaria e non de nòstras Valadas. Bronzat en ubrent son dire, a leiut una poesia de Ugo Piton dal Roure en val Cluson, adont lo poeta ditz de creire dins la libertat de viure libre de sa gent; apres a ilustat los moments plus emportants qu’avian portat a la creacion d’aquesta associacion e dals òmes que l’avian volgua e creaa e portaa arant per mai d’una detzena d’ans.
Lo descors seguia decò lo fil de la poesia bòrd que tot avia agut començament abo lo concors de poesia nomat Monviso ’61, qu’avia vist ganhaires los poetas Barba Tòni Baudrier, Sergi Arneodo e e Sergi Ottonelli.
Dario Anghilante a leiut las poesias de una bona part dals autors, drant en occitan e puèi en traducion
Eron decò presents una man de poetas qu’an leiut sas poesias com Zac , Giacomo Bellone de Limon, Glaudi Salvanh de Bernes, Antonio Richard de Blins, Marco Mastrocola de Ostana.
Lo grop Aire d’Ostana a sonat de toquets a dança de nòstras Valadas, la guiona de l’auta Varacha, de corentas, la contradança e autras encara.
An decò pres la paraula Don Domenico Razo fondator de l’Escolo e Gian Antonio Gilli   filh de  Paolo Gill decò el fondator ent aquel luenh  196, que a donat una fòrta testimoniança d’aquel moment istòric.
De soslinhar que lo descors de Bronzat, part dal volume 50 Ans de Literatura e Non dins las Valadas Occitanas, era encentrat esclusivament sus l’òbra poetica naissua dins las Valadas, que comprenia donca pas las òbras en pròsa ni mai los trabalhs sus la lenga com la publicacion de vocabolaris, de gramaticas, la recherca en genre, de traducions qu’an carecterizat aicèsti cinquanta ans de renaissença occitana.
L’objecte dal trabalh era pas aquel de una antologia e ni mans aquel de ilustrar 50 ans de trabalh a 360° grads dins las valadas mas tot simplament de parlar de poesia sul fil de l’ìstòria.
Apres, sal pont dals implants de remontaa de Criçòl, lo rapresentant dal Felibritge Lucien Durand acompanhat de sa dòmna.que ilh avia partecipat a la manifestacion dal 1961,  de sos las bandieras de Provença e de las Valadas apres un pechit descors, a versat, abó un rapresentant de la comuna de Criçòl,  l’aiga de Ròse dins aquela de Pò per renforçar los rapòrt entre nòstras regions. Lucien Durand a decò adut de tèrra de Malhana, país de Mistral.
Apres s’es descubert una lausa comemorativa de la jornaa e Durand a leiut un messatge personal dal Capolier dal Felibritge per soslinhar los bons rapòrts entre lo mond de las Valadas e la terra d’Oc entiera. 

A Crissolo il 16 agosto una giornata insieme per ricordare la nascita dell’Escolo dóu Po
Il Felibritge ha presenziato attivamente alla manifestazione rinnovando la sua amicizia transfrontaliera.

Condividi