Nòvas d’Occitània    Nòvas d'Occitània 2011

invia mail   print document in pdf format Rss channel

Nòvas n° 101 Mai 2011

Salone Internazionale del Libro
150 anni di storia e cultura in provincia di Torino
LA PRIMA VOLTA DELLA PROVINCIA A LINGUA MADRE

Salon Internacional dal Libre
150 ans d’istòria en Província de Turin
LO PREMIER VIATGE DE LA PROVÍNCIA A LENGA MAIRE

Salone Internazionale del Libro 150 anni di storia e cultura in provincia di Torino LA PRIMA VOLTA DELLA PROVINCIA A LINGUA MADRE
italiano Per la prima volta, la Provincia di Torino partecipa a Lingua Madre con due appuntamenti, mirati a mettere in luce il ruolo e la lingua delle minoranze linguistiche che sono presenti sul territorio torinese.
Un impegno direttamente legato agli Stati Generali delle minoranze linguistiche, un evento organizzato per il 150° dell’Unità d’Italia, in programma a Ceresole Reale il prossimo 2 luglio.
Un omaggio alle minoranze linguistiche storiche presenti in Italia: albanese, catalano, germanico, greco, sloveno, croato, franco-provenzale, friulano, ladino, occitano, sardo.
La Provincia di Toirino ha, con altre 29 Province, un filo comune: la presenza sul territorio di gruppi di minoranze linguistiche storiche.
Il 2 luglio a Ceresole le province italiane delle lingue minoritarie partecipano dunque ad un forum nazionale per riflettere sul contributo delle culture storiche alla nostra identità nazionale.

Venerdì 13 maggio ore 14 - OVAL - spazio Y58
Abrogare il francese in alcune valli della Provincia di Torino
a cura della Provincia di Torino
Intervengono: Franco Bronzat e Daniele Jallà

In occasione del 150° dell'Unità d'Italia la Provincia di Torino, per ricordare e recuperare il ruolo delle minoranze linguistiche Francoprovenzale, Occitana e Francofona, ha promosso la ristampa anastatica di un testo d’epoca. Lo scopo della riedizione critica è quello di rilanciare la tutela e la valorizzazione delle minoranze linguistiche storiche, anche in vista della giornata nazionale delle minoranze linguistiche d’Italia che si terrà a Ceresole Reale il 2 luglio. Nel 1861 veniva stampato a Torino presso i Fratelli Bocca, Librai di Sua Maestà, un volumetto, scritto da Giovenale Vegezzi-Ruscalla, nativo di Torino, Deputato di Lucca nel Parlamento Italiano, dal titolo “Diritto e necessita’ di abrogare il francese come lingua ufficiale in alcune valli della provincia di Torino”. Il documento fu alla base di una radicale svolta culturale per molte valli delle Alpi occidentali. La proposta di Vegezzi-Ruscalla non si limita all’abrogazione della lingua francese come lingua ufficiale ma si estende alla toponomastica ufficiale dei comuni interessati che deve essere italianizzata.

Sabato14 maggio ore 10,30
Le lingue minoritarie in Piemonte: Lou tsamin francoprovensal
a cura della Provincia di Torino
Intervengono: Teresa Geninatti, Carlo Ravetto, Marco Rey, Marzia Rey, Gigi Ubaldi
Con la proiezione delle fotografie di Carlo Ravetto
e le musiche occitane e francoprovenzali degli Armonia

28 giorni di percorso a piedi, più di 500 km in viaggio tra Piemonte, Savoia, Alta Savoia, Vallese svizzero, Valle d'Aosta in un cammino alla ricerca della lingua e della cultura franco-provenzale. In Piemonte questa antica lingua è parlata in Val di Susa, Valsangone, nelle valli di Lanzo Orco e Soana. L'iniziativa intende proporre un racconto a più voci: la documentazione fotografica di Carlo Ravetto, gli incontri culturali con Marco Rey, il diario di viaggio con Marzia Rey, l'evoluzione della lingua con Teresa Geninatti, i canti e le tradizioni popolari con Gigi Ubaldi.
L'incontro prosegue con un intervento musicale e danzato del gruppo Armonia che presenta pezzi della tradizione popolare delle valli Franco-provenzali e delle valli Occitane. Una ricognizione territoriale che intende far conoscere questo vasto territorio culturale a cavallo di Italia, Francia e Svizzera, in un momento in cui si parla di un'Europa che sempre più dovrebbe rinsaldare le sue radici storiche. Intervento del dott. Marco Viola esperto di minoranze linguistiche alpine.

occitan Es lo premier viatge que la Província de Turin participa a Lenga Maire embe dui apontaments que vòlon metre en evidença lo ròtle e la lenga de las minoranças lenguísticas presentas sal territòri turinés.
Un impenh liat directament a lhi Estats Generals de las minoranças linguísticas, un aveniment organizat per lo 150e de l’Unitat d’Itàlia en programa a Ceresole Reale lo 2 de lulh.
Un omatge a las minoranças linguísticas istòricas presentas en Itàlia: albanesa, catalana, germànica, greca, eslovena, croata, franc-provençala, friulana, ladina, occitana, sarda.
La Província de Turin a, embe d’autras 29 Províncias, un fil comun: la presença sal territòri de grops de minoranças linguísticas istòricas.
Lo 2 de lulh a Ceresole las províncias italianas de las lengas minoritàrias partecipon a un rescontre nacional per meditar sal contribut de las culturas istòricas a nòstra identitat nacionala.

Venres 13 de mai – a 2 bòts – OVAL – espaci Y58
Gavar lo francés en qualqu’una des valadas de la Província de Turin
a cura de la Província de Turin
Intervenon: Franc Bronzat e Daniele Jallà

En ocasion dal 150e de l’Unitat d’Itàlia la Província de Turin, per enavisar e recuperar lo ròtle de las minoranças linguísticas Franc-provençala, Occitana e Francòfona, a realizat la ristampa anastàtica d’un vielh tèxt. L’objectiu es de relançar la tutèla e la valorizacion de las minoranças linguísticas istòricas que aurèn dediaa la jornaa nacionala dal 2 de lulh a Ceresole Reale. Ental 1861 venia estampat a Turin dai Fraires Bocca, Editors de la Casa Reiala, un pichòt libre “Diritto e necessita’ di abrogare il francese come lingua ufficiale in alcune valli della provincia di Torino”. de Giovenale Vegezzi-Ruscalla de Turin, Deputat de Lucca al Parlament Italian. Lo document a representat un radical chambiament cultural per mai qu’una valada de las Alps occidentalas. La propòsta de Vegezzi-Ruscalla ren masque vòl gavar lo francés coma lenga oficiala mas regarda decò lhi noms di pòsts que devon èsser en italian.

Sande 14 de mai a 10 e mesa
Las lengas minorizadas en Piemont: Lo Tsamin franc-provençal
a cura de la Província de Turin
Intervenon: Teresa Geninatti, Carlo Ravetto, Marco Rey, Marzia Rey, Gigi Ubaldi
Embe la projeccion de las fotografias de Carlo Ravetto
e las músicas occitanas e franc-provençalas de Armonia

28 jorns de marcha, mai de 500 km en viatge entre Piemont, Savòia, Auta Savòia, Valés suïsse, Val d’Aosta a la recèrcha de la lenga e cultura franc-provençala. En Piemont aquesta vielha lenga es parlaa en Val Sangon, Val Dueira, Valadas de Lanç, Òrc e Soana. L’iniciativa vòl prepausar un racònte a mai qu’una vòutz: la documentacion fotogràfica de Carlo Ravetto, lhi rescontres culturals embe Marco Rey, lo diari de viatge embe Marzia Rey, l’evolucion de la lenga embe Teresa Geninatti, lhi chants e las tradicions popularas embe Gigi Ubaldi.
Lo rescontre vai anant embe las músicas e las danças dal grop Armonia que presenta de tòcs de la tradicion populara de las valadas Franc-provençalas e Occitanas. Un vir de conoissença sus aqueste larg territòri cultural entre Itàlia, França e Soïssa, dins un moment ente se parla d’una Euròpa que sempre de mai deveria renforçar sas raïtz. Interven lo Doct. Marco Viola, expèrt de minoranças linguísticas des Alps.

Condividi