Nòvas d’Occitània    Nòvas d'Occitània 2011

invia mail   print document in pdf format Rss channel

Nòvas n° 100 Abril 2011

La lingua basca sembrava spacciata e invece oggi rinasce: un esempio per la Sardegna

La lenga basca que semelhava devesse anar a la fin encuei renais: un exemple per la Sardenha

di Diego Corraine (minoranza linguistica sarda)

La lingua basca sembrava spacciata e invece oggi rinasce: un esempio per la Sardegna
italiano Una buona notizia quella che arriva dal Paese Basco: la percentuale di Baschi che conoscono l’euskera è passata negli ultimi trent’anni al 37,5%, dopo che, negli ultimi decenni, si era ridotta al 22% della popolazione, sotto la soglia di sicurezza stabilita dall’Unesco per la sopravvivenza di una lingua. Proibito durante il regime franchista, criminalizzato al pari del catalano e del galiziano, l’euskera è coufficiale con lo spagnolo fin dalla Costituzione del 1978. È parlato soprattutto nella parte del Paese Basco che sta nel nord dello stato spagnolo, meno nella parte posta a sud-ovest di quello francese.
Buona notizia, dato che i fattori contrari sembravano superiori a quelli favorevoli. Il primo è che il basco è una lingua davvero antichissima, preindoeuropea, quindi più antica dello stesso latino e greco, una lingua isolata, senza alcun legame accertato con altre lingue. Il fatto che in sardo moderno si conservino parole come golosti (agrifoglio), eni (tasso), còstighe (acero minore), giddostre (scopa arborea) e altre, che si ritrovano più o meno mutate in basco, non basta a stabilirne una parentela stretta.
Il secondo fattore è che si tratta di una lingua difficilissima da apprendere. Per chi, come noi, parla una lingua derivata dal latino, è come voler imparare il giapponese, senza tanto esagerare. Richiede un impegno grandissimo. Ed è significativo che decine, centinaia di migliaia di baschi lo abbiano appreso, a costo di grande sacrificio, prima clandestinamente nelle ikastolas, sotto il franchismo, oggi nelle scuole e università e nei corsi serali.
Ma di chi è il merito questa rinascita, certo in controtendenza rispetto al comune destino di indebolimento o scomparsa di migliaia delle 7000 parlate al mondo? Chiaramente della politica e pianificazione linguistica di tutti i governi baschi, di destra e di sinistra, e della volontà dei Baschi di affermare e rafforzare il “motore” della loro identità nazionale. Un grande lavoro, in cui ciascuno ha fatto la propria parte, la scuola, i mezzi di informazione radio e tv, i giornali, le case editrici, le amministrazioni, gli enti, gli ospedali, le imprese, i partiti, i movimenti, le associazioni culturali e sportive, la Chiesa. Una operazione di educazione linguistica collettiva, che abbiamo già visto al lavoro con successo anche in Catalogna e in Galizia.
I Baschi si sono rimboccati le maniche e hanno dato vita a una delle azioni più grandiose di rivitalizzazione linguistica, un po’ come hanno fatto gli israeliani con l’ebraico antico. A partire dalla grandissima varietà dialettale, superiore di gran lunga a quella del sardo, hanno saputo elaborare una mediazione scritta, l’euskera batua (basco unificato), che ne ha consentito un uso universale, moderno, intercomprensibile, in tutti i settori della società.
Dunque, se un popolo vuole, può anche contrariare il destino e riprendersi ciò che ha smarrito. Perché la lingua non è solo diritto individuale ma soprattutto diritto collettivo. I Baschi non si accontentano di fermare l’assimilazione linguistica e l’erosione del numero dei parlanti, ma vogliono scommettere sulla restituzione della lingua a chi non ce l’ha.
Perché in Sardegna non possiamo fare lo stesso, a fianco dell’Unesco e di altre agenzie internazionali, ossia affermare pienamente il sardo, per salvaguardare la diversità culturale e linguistica del pianeta? Ciò sarà possibile se anche i ragazzi conosceranno e useranno il sardo come il 70% degli adulti. Ma questo processo di restituzione linguistica e identitaria è, in fondo, nelle mani della politica.
occitan Una bòna nòva aquela qu'arriba dal País Basc: la percentuala de Bascs que conoisson l’euskera es passaa dins lhi darrier tent’ans al 37,5%, après que, dins lhi darrier temps, s’era reducha al 22% de la populacion, dessot lo sòl de segurazza establit da l’Unesco per la sobrevivença d’una lenga. Proibia dins lo temp dal franquisme, criminalizaa coma lo catalan e lo galician, l’euskera es co-oficial abo l’espanhòl fins da la Constitucion dal 1978. Es parlat sobretot dins la part dal País Basc que ista dins lo nòrd de l’estat espanhòl e gaire dins la part que se tròba a sud-oest d’aquel francés. Bòna novèla, vist que lhi factors contraris eron mai auts d’aquilhi favorables. Lo premier es que lo basc es una lenga pròpi vielha, preindoeuropea, donc mai vielha  dal latin e dal grec, na lenga sensa degun liam abo d'autras lengas. Lo fach que en sard modèrn se conservon paraulas coma golosti (agrifoglio), eni (tasso), còstighe (acero minore), giddostre (scopa arborea) e autras, que se retròbon mai o mens parelh en basc, es pas sufisent a establir una parentela estrecha. Lo second factor es que se tracta d'una lenga ben mal a aprene. Per aquilhi que, coma nosautres, parlon una lenga derivaa dal latin, es coma voler aprene lo japones, aquò dich sensa voler exagerar. La chal lhi butar un bèl empenh. Es ben sinhificatiu que desenas, centenas e de mila bascs an volgut la reprene, a cost de grand sacrifici, derant clandestinament sot lo franquisme dins las ikastolas, encuei dins las escòlas e las universitats e dins lhi cors serals. Mas de qui es lo merit d’aquesta renaissença, de fach en contra tendença respèct al comun destin d'endeboliment e despareisson de bòna part de las 7000 lengas parlaas dins lo mond? Clarament de la politica de planificacion lenguistica de tuchi lhi govèrns bascs, de drecha o de manchina, e de la volontat di Bascs de afermar e rinforçar lo “motor” de lor identitat nacionala. Un grand trabalh, onte ciascun a fach la sia part, l’escòla, lhi mejans d’enformacions radio e television, lhi jornals, las maisons d’edicions, las adminisracions, lhi ents, lhi ospitals, las empresas, lhi partits, lhi moviments, las associacions culturalas e esportivas, la gleisa. Una operacion d'educacion linguistica collectiva, que avem já vist al trabalh abo grands resultats en Catalonha e en Galícia.
Lhi Bascs se son tirats amont las mànias e an donat vida a una de las accions mai grandiosas de rivitalizacion linguistica, un pauc coma an fach lhi israelians abo l’ebraic antic. A partir da la granda varietat dialectala, ben mai granda qu'aquela dal sard, an sabut elaborar una mediacion per l’escrich, l’euskera batua (basco unificato), que a portat a un usatge universal de la lenga, modèrn, intercomprensible, dins tuchi lhi sectors de la societat. Donc se un pòple vòl, pòt decò contrariar lo destin e se reprene aquò que a perdut. Perqué la lenga es pas solament un drech individual mas sobretot un drech collectiu. Lhi Bascs s’acontenton pas sonque de fermar l’assimilacion e l’erosion del numre de parlants, mas vòlon escomèter sus la restitucion de la lenga a n’aquilhi que l’an pas.
Perqué en Sardenha podem pas far la mesma causa, a flanc de l’Unesco e d’autras agencias internacionalas, de fach afermar plenament lo sard, per salvagardar la diversitat culturala e linguistica dal planeta? Aquò serè possible se decò lhi joves conoisserèn e usarèn lo sard coma lo 70% de lhi adults. Mas aqueste procès de restitucion linguistica e identitària es, en fons, dins las mans de la politica.


Condividi