Nòvas d’Occitània    Nòvas d'Occitània 2012

invia mail   print document in pdf format Rss channel

Nòvas n.114 Lulh 2012

Lo “Roccolo della letteratura e della musica”.

Il “Roccolo della lettertura e della Musica”

a partir da l'8 de lulh al 5 d'avost ospitarè chasque diamenja un cicle de rescontres abo escriveires e música ental parc dal Chastèl dal Roccolo de Buscha

Lo “Roccolo della letteratura e della musica”.
occitan Dins la bèla cornitz dal Parc a partir da l'8 de lulh al 5 d'avost, totas le diamenjas a 17 oras fins a sera tarda l'Associacion Marcovaldo, en collaboracion abo la Chambra d'Òc, organiza un cicle de rescontres abo d'escriveires ai quals serè après dediaa una serada musicala a tèma.
Dins lo signe de la convivéncia, en omatge ai trobadors que an a lor temp recitat lors poesias dins lo chastèl aüra derochat que se tròba al començament de la via Buscha-Draonier, serè lo Chastèl dal Roccolo a prene l’ereditat espirituala.
Aqueste Chastèl es estat bastit a partir dal 1831, per voler dal Marqués Roberto Tapparelli d'Azzeglio, fraire del mai famós Massimo, encara encuei es un di mai enteressants en Piemont gràcias ai laus, las balmas, las fònts, las sèrras monumentalas e ai percors panoramics.
Lo cicle de rescontres dediat a la literatura e a la música prencipiarè diamenja 8 de lulh, a 17 oras abo una conversacion entre Valter Giuliano e Sergio Chiamparino.
Vivalda Editori a inaugurat da gaire de temp una novèla colana “Sempre più in alto” dediaa ai personatges famós que contion lor amor per la montanha. Coma es naissut, coma l'an portat anant, çò que lhi a donat per la lor vision de la vita e per la lor fòrça morala.
Lo cicle de rescontres comença donca abo Sergio Chiamparino, l'ex séndic de Turin e entre lhi mai amats séndics d'Itàlia que, a part la politica e l'equipa dal “Toro”, a una granda passion: la montanha, l'alpinisme, la rampinhada. Dins la testimoniança que a donaa al director de ALP Valter Giuliano ental libre “Cordata con Sindaco” ne cóntia las originas e sas principalas experienças de rampinhada. Mas fai tanben de refleccions mai generalas, coma sus la màgica experiença des Olimpíades d’Uvèrn dal 2006 e sus lo futur de las Alps ente Turin representa una des capitalas econòmicas e culturalas.
Après chasque personatge presentat lhi aurè un “aperi-cina” curat da la Chàmbra d'Òc abo produchs de las valadas occitanas e un moment cultural o musical. Per la premiera serada lhi serèn tuchi dui. En atendent lo calabrun Luca Pellegrino farè un espectacle abo de tòcs musicals d'ambient al sòn de la viola e de lecturas de vèrs di trobadors pilhats dal libre de Giorgio Beltritti “Storia di Busca” capítol VII “I marchesi di Busca nella poesia occitanica” per se gropar espiritualment al gloriós passat de la lenga d'òc. Calaa la nuech, lo regista Fredo Valla presentarè per lo premier bòt lo film-documentari realizat en collaboracion abo Nereo Zeper “Cjavelârs e Pelassiers”, l'extraordinària aventura di marchants de pels d'Èlva en Friul, estòria d'emigracion abo de preciosas testimonianças en doas lengas minoritàrias: l'occitan e lo friulan.
Lo programa vai anant diamenja 15 de lulh abo un encontre abo Maria Soresina sus lo tema “Lo Flaüta màgica de Mozart: la via massònica al la jai” e súbit après un concert “Mozart: la flaüta màgica e alentorns” abo la cobla de flaüta e guitarra Mira Contu e Susanna Signorini.
Diamenja 22 de lulh lhi aurè mai Valter Giuliano abo la presentacion dal second volum de la colana “Sempre più in alto” e una conversacion abo Evelina Chistillin que pren andi dal libre “Olimpico sorriso”. D'origina walser es tanben gràcias a ilhe se ai Juecs Olímpics d’Uvèrn de Turin 2006, dins la cerimònia de dubertura, avem polgut escotar Se Chanta. Lo tèma musical de la serada serè “12 canti per 12 lingue” abo Dario Anghilante, Luca Pellegrino, Flavio Giacchero e Marzia Rey que nos farèn descurbir lhi chants mai rapresentatius de las 12 lengas minoritàrias en Itàlia tutelaas da la lei 482/99.
Las diamenjas 29 de lulh e 5 d'avost aurèm encara abo nosautri Maria Soresina. A sa produccion literària avem volgut donar tant d'espaci perque es l'autritz que mai a escrich per nobilitar e reportar a l'actualitat lhi tèmas dal catarisme e de la poesia trobadorenca.
Lo rescontre dal 29 de lulh aurè coma tèma “Lenga occitana e catarisme dins la Comèdia de Dante”, dal temp que lo 5 d'avost sararè lo cicle de rescontres abo una conversacion dal tèma: “Símbols e espiritualitat indiana dins la Comèdia de Dante” seguia d’una proposicion artística a tèma abo lo “Trio Dunia” en “Índia e alentorns” abo Arup Kanti Das (vòutz, tabla e percussions), Denis Stern (guitarra), Lucrezia Maniscotti (dança e recitacion).
Programa complet sus: www.marcovaldo.it www.chambradoc.it
italiano Nella bella cornice del Parco dall’8 luglio al 5 agosto, tutte le domeniche dalle ore 17 fino a tarda serata l’Associazione Marcovaldo, in collaborazione con la Chambra d’Òc, organizza un serie di incontri con scrittori ai quali sarà dedicata una serata a tema musicale.
Nel segno della “convivéncia”(parola trobadorica che significa l’arte di vivere insieme in armonia), in omaggio ai trovatori che poetavano nel castello ormai diroccato all’imbocco della strada Busca-Dronero, sarà il Castello del Roccolo a rilevarne l’eredità spirituale.
Castello edificato a partire dal 1831, per volere del Marchese Roberto Tapparelli d’Azeglio, fratello del più celebre Massimo, ancora oggi uno dei più suggestivi in Piemonte grazie alla presenza di laghi, grotte, fontane, serre monumentali e percorsi panoramici.
Il ciclo di incontri dedicato alla letteratura e alla musica inizierà domenica 8 luglio, alle ore 17, con una conversazione tra Valter Giuliano e Sergio Chiamparino.
Vivalda Editori ha inaugurato da poco una nuova collana titolata “Sempre più in alto” dedicata a personaggi conosciuti che raccontano il loro amore per la montagna. Com’è nato, come lo hanno coltivato, cosa gli ha dato di intimo come visione della vita e forza etica.
Il ciclo di incontri inizia dunque con Sergio Chiamparino, l’ex sindaco di Torino, tra i più amati primi cittadini d’Italia, che oltre alla politica e la squadra del Toro ha un’altra grande passione: la montagna, l’alpinismo, l’arrampicata. Nella testimonianza resa al direttore di ALP Valter Giuliano nel libro “Cordata con Sindaco” ne racconta le origini e illustra le sue principali esperienze di arrampicata e le numerose salite in vetta. Ma svolge anche riflessioni più generali tra cui quelle sulla magica esperienza delle Olimpiadi invernali del 2006 e sul futuro delle Alpi di cui Torino rappresenta una delle capitali economiche e culturali.
Ad ogni personaggio presentato segue un aperi-cena con prodotti delle valli occitane curato dalla Chambra d’Òc ed un momento culturale o musicale. La prima serata del ciclo li prevede tutti e due. Aspettando il buio Luca Pellegrino eseguirà un programma di musica occitana d’ambiente al suono della ghironda e leggerà alcuni versi composti da trovatori tratti dal libro di Giorgio Beltritti “Storia di Busca” nel capitolo VII “I marchesi di Busca nella poesia occitanica” proprio per collegare spiritualmente il glorioso passato della lingua d’oc al programma contemporaneo che ne contiene al suo interno delle forti risonanze.Sceso il buio il regista Fredo Valla presenterà “In prima” il film documentario da lui realizzato in collaborazione con Nereo Zeper “Cjavelârs e Pelassiers” la straordinaria avventura dei raccoglitori di capelli di Elva in Friuli, storia di un’emigrazione con preziose testimoniaze raccolte in due lingue:minoritarie l’occitano e il friulano.
Il programma prosegue Domenica 15 luglio con un incontro con Maria Soresina sul tema “Il Flauto magico di Mozart: la via massonica alla felicità”, a cui seguirà il concerto “Mozart: il flauto magico e dintorni” con il duo flauto e chitarra Mira Contu e Susanna Signorini. Domenica 22 luglio ritornerà Valter Giuliano con la presentazione del secondo volume della collana “Sempre più in alto” con una conversazione con Evelina Christillin che prende spunto dal libro “Olimpico sorriso”. Di origine walser, è anche grazie al suo impegno se alle Olimpiadi Invernali – Torino 2006 nella cerimonia di apertura dei Giochi abbiamo potuto ascoltare l’inno Se Chanta. Il tema musicale della serata è veramente appropriato “12 canti per 12 lingue esguito da Dario Anghilante, Luca Pellegrino, Flavio Giacchero e Marzia Rey ci porta a conoscere i canti rappresentativi delle 12 lingue “diverse dall’italiano” riconosciute dalla legge 482-99.
Le domeniche 29 luglio e 5 agosto abbiamo ancora con noi Maria Soresina, alla cui produzione letteraria si è voluto dare quest’anno particolare rilievo perchè è l’autrice che più ha scritto per nobilitare e riportare in attualità i temi del catarismo e della poesia trobadorica. L’incontro del 29 luglio avrà come tema “Lingua occitana e catarismo nella Commedia di Dante”, mentre il 5 agosto chiuderà il ciclo di incontri con una conversazione dal tema “Simboli e spiritualità indiana nella Commedia di Dante” al quale seguirà una proposta di serata artistica a tema con il “Trio Dunia”in “India e dintorni” con Arup Kanti Das (voce, tabla e percussioni), Denis Stern (chitarra); Lucrezia Maniscotti (danza e interpretazione).
Programma completo su: www.marcovaldo.it www.chambradoc.it

Condividi