italiano

Encuei, a la broa di norant’ans, volariu contar-vos un pauc d’estòria de ma vita, perqué na persona qu’a pas provat e vist cèrti moments pòl pas nimanc imaginar…”

http://www.chambradoc.it/giacomo-Dalmasso-Jacu-Gros-racconta.page

Questo lavoro di testimonianze è partito nel 2004, quando, in quell’estate, dopo aver letto “Il Mondo dei Vinti” di Nuto Revelli, mi sono detto: “Ho la fortuna di avere mio nonno ancora vivente, peraltro con una lucidità mentale da fare invidia pure a me di sessant’anni anni più giovane… devo salvare qualcosa, o sarà l’oblio…”.

Ho iniziato così, prima per gioco, poi più seriamente, a registrare con un piccolo registratore mp3 i suoi racconti di quando era bambino su al tetto Cabilla, del periodo di lavoro a “servitor”, della guerra, del dopoguerra con l’avvento della vetreria di Vernante e le nozze con Caterina…

Come scrive Giacomo Bellone (Jacolin Bertela) in una bella poesia riferita al suo paese, anch’io sentivo che il suo tempo stava per finire, che si stava “sciogliendo” e avrei voluto essere un secchio per raccoglierlo tutto…

Me sòno Jaco Dalmàs e siu naissut lo 21 d’octobre dal 1915 al teit Cabila l’ibae, una des nombroses ruaas ai pès d’la Besimauda, posicionaa a meitat chamin entre Lo Vernant e Limon, mas encara apartenent a la comuna dal Vernant.

Quora naissero, mon paire era en guèrra. Se tractava de la Granda Guèrra, aquela dal ‘15-‘18; avia combatut en Trentin.

Aviu a pauc près quatre ans, quora retornet a maison. Arribec un jorn, embe un lòng pastran e n’espessa barba escura. Quora lo veiero, saubiu pas qui foguesse, esbarruat escapero via, al contrari des mas sòrres mai grandas: Marianin e Ieta, que ensita lhi aneron encòntra joiosas.

Pensavo foguesse lo barbabrut de l’estòrias que me contaven da pichòt, vengut daluenh per portar-me via. Masque pus tard comprenero qu’aquel òme era mon paire, que tornava dal frònt. …“

La scelta di scrivere in prima persona, mi ha portato ad immedesimarmi nei suoi panni, a calarmi nelle situazioni, a percepire i fatti, persino i colori e i profumi di quei momenti. Quel viaggiare in tempi e spazi a volte indefiniti, mi ha portato a scoprire il fascino del suono delle parole, come fossero musica.

Così, trascinato dal flusso dei vocaboli, ho iniziato a scrivere alcune poesie, come un pittore dipinge un paesaggio che gli piace, per dare sfogo a una libera espressione, per fuggire dalla monotonia, forse, di un mondo grigio e un po’ ripetitivo, fine a se stesso, che lascia poco spazio alla sensibilità ed al perdere tempo a scrivere... Ho scritto in occitano alpino, perché, come nella musica, questa è la tonalità che mi appartiene e che meglio si sposa con l’idea metrica che ho di questi luoghi.

La chausia d’escriure en premiera persona, m’a menat a me butar dins lhi draps, a calar dins las situacions, a percéber lhi fachs, fins lhi colors e lhi perfums d’aquilhi moments. Aquel viatjar dins temps e lueias de bòt pas ben fenit, m’a menat a descuèrber la belessa dal sòn de las paraulas, coma foguessen música.

Parelh, rabelat da la corrent di mots, ai començat a escriure qualque poesias, coma un pintre pitura un païsatge que lhi plas, per donar sortia a na libra expression, per escapar dal tran-tran, magara, d’un monde gris e un pauc ripetitiu, fins a se mesme, que laissa pauc espaci a la sensibilitat e al pèrdre temp a escriure... Ai escrit en occitan alpin, perqué, coma ente la música, aquesta es la tonalitat que m’aparten e que mielh se maria abo l’idea “metrica” que ai d’aquisti luecs.

Coltello

Il suo martellare si udiva da lassù

Fra i pascoli oltre le nuvole

Una lama d’acciaio rossa, tenuta sulla forgia

Maleodorante di carbone bruciacchiato

Salta di scatto nell’acqua di tempra

Intanto che un corno lucente,

D’osso bianco come la neve

Sapientemente lavorato

La chiuderà dentro per sempre!

Insieme, fra gioie e dolori.

Cotèl

Son martelar s’auvia d’ailà amont

Entre las pasturas dessús a las nèblas

Na lama d’acier rossa, tengua sus la fòrja

Flairanta de charbon brusateat

Sauta d’un crep dins l’aiga de trempa

Dal temp que un còrn lusent,

D’òs blanc ‘ma la neu

Sabentement trabalhat

la sarrarè dedins per sempre!

Ensem, dins argals e dolors.