italiano

Voci delle Valli Vermenagna e Gesso in poesia, teatro, racconti, storie di vita sono pubblicate in un volume cartaceo, accompagnato da un cd audio con le voci dei protagonisti (da richiedere a chambradoc@chambradoc.it) , e in web http://www.chambradoc.it/votzVermenahnaEGes.page. La pubblicazione nasce per dar voce a quei testimoni della lingua occitana che da tempo operano in queste valli creando poesie, racconti e pièce teatrali. Si inizia da Limone con la raccolta poetica di Giacomo Bellone, un poeta occitano di grande valore. Oltre alle sue poesie è anche pubblicato e recitato il “Testamant dal Dzandoumeni: Ant al 1900 e subbia / troubant-me ‘nt i darèr moumant, / ai pansá ban d’d fár / doue riggue d’ testamant..”

Per Vernante è di scena una farsa di Rino Giordano: “’Na bona courenta ranja tout” interpretata nel cd dalla Compagnia teatrale di Vernante. “Vous – Sala ed’ n’ostou; ën taou coun d’ sù trei o catre boutelie e trei bichei; lou mantil dal taou ariva ësquèzi a touchâ lou parquèt`. Prima sena. Vous - Petou, Toni e Jan, ja mes bëvù, grinhën e pàrlën a aouta vous. L’è Petou que parla: Petou - Patroun! oh patroun! pourté n’aouta boutelia, quësta isì i-é vœada! e d’aquèl bon!..”

Per Robilante è stato pubblicato il racconto di Margherita Romano “Estoria et la casina” che si può ascoltare anche dalla sua viva voce sul cd. “A Robilante c’è la Cascina, una piccola borgata ai piedi della collina. È vecchia come Matusalemme, ma rispettata da chi lì è cresciuto e ha messo su famiglia. Allegri, laboriosi e canterini sono: i Giordano, i Giraudo, i Vallauri, i Sordello e quelli di Annamaria. La Cascina era proprietà del conte Nicolis che poi l’ha vendua per disperazione perchè si dice che i suoi affari andavano a rotoli...”.

A Roccavione Germana Avena ci racconta la storia popolare de “Ou sarpënt¨ d’la Bandia: tanti tanti anh fa, coura findi i bestie parlàvën, i era ën teit chot chot tacà a ën bosc, ounta i istazia ën pare, na mare, ën fi e na fia. Ën dì la mare manda i doue ëpchœt ënt ou bosc, për miole......” ed inoltre L. Artusio, G. Giraudo, E. Macario pubblicano la” Parlata di San Magno del 2001”, raccontata nel cd dalla voce di Renzo Artusio. Seguono poi per Roaschia poesie e racconti di Mario Fantino letti da Gianni Giraudo, la “Storia della Maledetta” scritta e recitata da Gian Piero Audisio per Entracque e si termina con ben 18 testimonianze di vita di gente di Valdieri. I testi sono bilingue italiano-occitano (nelle versioni Escolo dòou Po e normalizzata). Un lavoro prezioso che dimostra una vitalità territoriale spesso misconosciuta e poco valorizzata.