Enti in rete L.482/99   

Monviso Re di Pietra - Poesie

Lucia Demaria

Lucia Demaria

Lucia Demaria
italiano Era un terso tramonto di fine estate. Un venerdì. Vidi mio padre salire sulla lambretta e corsi veloce a chiedergli dove andasse.
“Salta sù – mi invitò – ti porto a vedere dove andrò domani”.
Non disse altro. Eppure tanto mi bastò, che una specie di improvvisa timidezza m'impedì di chiedere oltre. Il suo sorriso misterioso diede anzi nuovo piacere alla mia gioia di farmi scorrazzare per il paese, orgogliosa di essere portata a spasso. Avevo sì e no cinque anni.
Corsi a sistemarmi davanti a lui, fra le sue ginocchia, le manine ben ferme sul manubrio ed il viso pronto alla sfida del vento. Gli occhi spalancati alla curiosità. Partimmo: mio padre inaspettatamente non voltò per salire in paese, ma se ne allontanò d'un buon tratto. Giunse sino alla curva della Casa Blu, oltre il ponte sul Po, che qui scorre già ampio eppure ancora impetuoso.
Ci fermammo quasi in mezzo alla strada, ma allora le auto erano così scarse, che se ne era padroni per lunghi momenti. Mio padre voltò la lambretta verso le montagne; spense il motore, chinò il viso all'altezza del mio e m'indicò con il dito la montagna più alta.
“Domani salirò lassù, proprio sulla cima. Quello è il Viso!”.
Mi parve l'impresa più eroica che egli potesse compiere. Crebbe la mia considerazione ancor più. Né si scalfì quella stima infinita neppure quando, tornato dall'impresa, mi rivelò la paura e la fatica che n'ebbe. Mi parve semplicemente più umano, più vero, ancor più coraggioso nel mantenere la promessa fatta a se stesso di arrivare comunque sino in cima.
Ora non passa giorno che io non vada con gli occhi a cercarlo, questo Viso della mia infanzia, maestoso, silente; quasi m'impaura.
Soprattutto mi pesa la sfida insoddisfatta di non esserci ancora salita. Eppure ci riuscì anche mio padre, così sincero da confessarmi la sua debolezza, così candido nel cercare comprensione e non elogi al suo agire.
E nel mio contemplar la montagna, ogni volta che posso, lo sguardo si rifà bambino e mi scopro segretamente gelosa che altri possano amarla con struggente nostalgia, proprio come me.
occitan Era un clar tramont de fin istat Un venre. Ai vist mon paire montar sus la lambreta e siu corrua lèsta lhi demandar ente anesse.
“Monta sus – m'a invidat – te meno veire ente vau deman”.
A pas dich d'autre. E pura tant m'a bastat, qu'una sòrta d'improvisa timidessa m'a empachat de demandar mai. Son sorrís misteriós al contrari a donat de nòu plaser a ma jai de me far promenar per lo país, orgulhosas d'èsser menaa en vir. Aviu sí e no cinc ans.
Siu corrua me redornar derant el, entre si janolhs, las manetas ben fèrmas sus lo manubri e la chara prompta a l'esfida de l'aura. Lhi uelhs esbalasats a la curiositat. Sem partits: mon paire a l'imprevista a pas virat per montar dins lo país. Mas se'n es elunhat d'una bèla tira. Es arribat fins al vir de la Casa Blòia, passat lo pònt sus lo Pò, qu'aicí escor jà ample bèla s'encara impetuós.
Nos sem fermats esquasi al metz de la via, mas alora las màquinas eron parelh gaire, que se se'n era patrons per de lòngs moments. Mon paire a virat la lambreta vèrs las montanhas; a tupit lo motor, a clinat lo morre a l'autessa dal mio e m'a mostrat embe lo det la montanha mai auta.
“Deman montarei ailamont, pròpi sus la cima. Aquel es lo Vísol!”
M'es semelhaa l'empresa pus eroica qu'el poguesse acomplir. Ma consideracion es creissua encara mai. Ni s'es entemenaa aquela estima infinia nimanc quora, tornat da l'empresa, m'a revelat la paor e la fatiga que n'a agut. M'es semelhat simplament pus uman, pus ver, encara mai coratjós ental mantenir la promessa que s'era fach d'arribar totun fins sal som.
Aüra passa pas jorn que vane pas lo cerchar embe lhi uelhs, aqueste Vísol de mon enfància, maestuós, silenciós; esquasi m'espaurís.
Sustot me pesa l'esfida insatisfacha de lhi èsser pas encara montaa. E pura lhi es arribat decò mon paire, tan sincèr da m'avoar sa deblessa, tan càndid dins lo cerchar comprension e non pas d'elògis a son agir.
E dins mon contemplar la montanha, chasque bòt que puei, l'esgard torna mainat e me descuèrbo secretament gelosa que d'autri pòschen l'amar embe estraçanta nostalgia, pròpi coma mi.