Enti in rete L.482/99   

Monviso Re di Pietra - Poesie

Lontana come l'ansia

Luenha coma l'àsia

di Carlo Grande

Lontana come l'ansia
italiano Ogni mattina avvolta d'azzurro
sali mostrando il superbo profilo
fianchi levigati, capelli a nuvola
e tutto l'autobus ti esplora
con una bella lunga guardata
che tu rendi senza scomporti
mandando segnali tintinnanti
fra le pieghe del vestito
e bagliori di luce bianca
tra le ciglia del volto giovane.

Poi scendi, sempre nello stesso punto
io ti accompagno con uno sguardo
mentre sparisci nella città che scalcia.
Anche oggi non posso seguirti
sarà un lungo giorno buio
di telefoni e semafori rossi.
Sognerò le tue strade di pizzo
il profumo di ombrose scollature
e il far niente sdraiato con te
rinviando le decisioni prese
nel brainstorming di mezzogiorno.

Ne ho parlato agli amici
ti ho indicata da lontano
«Ma sei pazzo – hanno detto -
Ne farai una malattia.
Per una così, troppo alta per te».
Ma che c'entra, anche i cavalli
pensano sempre all'Asia
e a me basterebbe
per essere libero
farle una serenata di sassi, legni e fischietti
poi posso anche sparire
come un fiume nel pozzo dei suoi occhi.

Forse quando le arriverò vicino
mi mancherà il fiato
e guardandomi altera dirà
«Quanto ci hai messo, stupido».

Che cosa immensa
innamorarsi di una montagna.

occitan Chasque matin emmantelaa d'azur
montes mostrant lo supèrbe profil
flancs suelis, pels a nívola
e tota la corriera t'explòra
embe una bèla lònja agachaa
que tu rendes sensa branlar
en mandant de senhals tindants
entre las plegas dal vestit
e de lusors de lutz blanca
entre las celhas dal visatge jove.

Puei cales, sempre a la mesma mira
mi t'acompanho embe un esgard
mentre avalisses dins la vila que cauça.
Decò encuei puei pas te seguir
serè una lònja jornada escura
de teléfons e semàfors ros.
Sumiarei tas charrieras de dentèla
lo profum d'ombrós descoletats
e de far pas ren jagut embe tu
en remandant las decision pilhaas
dins lo brainstorming de metzjorn.

N'ai parlat a lhi amís
t'ai indicaa de daluenh
«Mas sies mat – an dich -
Ne'n farès una malatia.
Per una parelh, tròp auta per tu».
Mas çò qu'a a veire, bèla lhi cavals
penson sempre a l'Àsia
e a mi bastaria
per èsser libre
de lhi far una serenada de claps, bòscs, e sublets
après puei mesme desparéisser
coma un flum dins lo potz di siei uelhs.

Benlèu quora lhi arribarei da pè
me mancarè lo flat
e m'agachant autiera dirè
«Qué tant lhi as butat, fadat».

Que causa immensa
s'ennamorar d'una montanha.