Enti in rete L.482/99   

Monviso Re di Pietra - Poesie

Giro dell'aquila sulla Repubblica dei Cantoni

Vir de l'aigla sus la Republica di Escartons

di Claudio Salvagno

Giro dell'aquila sulla Repubblica dei Cantoni
italiano Il tacco segna la neve e i baci le labbra,
e dove cominciano i confini per gli altri,
per noi nasce la patria.

L'ombra dell'ala corre sull'erba secca
prima di spegnersi nell'obra delle rocce.
E luccicano i ruscelli da una parte e dall'altra,
argento che picchia sulla lingua calda.

Riluccica così la coda del moscardino
un secondo prima di essere boccone all'aquila
calore della carne che porta nella pancia
il momento, l'anno e i secoli,
e digerisce il Tempo con uno strido,
il medesimo che aveva sentito
la madre durante la sepoltura del Principe-bambino,
eredità di ossa che rotolano, come
lo scrivere contro il dolore
lungo le pareti gelate della grotta
nascondiglio riscaldato dalle cosce.

E da quei nascondigli prendono forza le parole,
al centro dei confini di fuori e dei confini
di dentro nel dondolare e ridondolare dei confini
del cuore per combattere contro il vuoto.

Ma dentro il vuoto lassù di nuovo il vento appaga le penne
e piano nel sentiero azzuro, come un aleph gira l'ala,
vessillo contro i vessilli,
e torcendo il collo e salendo, l'occhio vede
il formicolare laggiù, dove
le auto degli amanti come quelle dei disperati
sono insetti di ferro che qualche animale
l'altro giorno ha generato.

E si generano così lungo i torrenti,
le generazioni, come ghiaia rotolata,
e rotolano fuori dai vetri delle auto le voci
e colano nell'alito freddo dei valloni,
subito schiacciate dal belare delle storie dei vecchi.

Il chiodo spacca la roccia,
e la corda colorata corre nell'anello,
e le mani si artigliano e il resto del corpo,
sale l’esatta porzione di coraggio
e così l'altezza salita è
proporzionale alla purezza dei pensieri.

Gli artigli orlano i massi, intanto
l'uncino del becco conta i greggi d’abeti.
L'ala si rilassa nella corrente tiepida
sopra l'ombra che divide l'aprico e l'opaco
e il volo taglia l'alito che sale dalle pietraie,
vento fatto d'ore, penne contro l'oro conchiuso nelle pietre,
ala che picchia e chiude il Tempo sopra l'Alpe
mentre da sotto si alza il cantare dei folli,
stregoneria che ti prende per ripararti dal vuoto che ti succhia
come il raccapriccio che sale da laggiù,
quando la pancia è schiacciata contro la roccia e
le mani non trovano da afferrarsi e la paura di cadere
ti fa ricordare la profondità del sogno dove il volare è vero.

Sotto l'ala
la montagna sogna di nuovo, ma
l'andare degli inverni è un trucco
se alziamo le vecchie nevi per sospenderci l'anima,
come degli specchi per farci scivolare veloci
sopra il sobbalzare della vita montanara e
il bianco che rischiara è
solo una coperta che ci ripara dal freddo dei
nostri pensieri, un puntello
allora cerchiamo dentro i calendari morti, dentro
le stalle vuote
qualcosa, per sapere dove sono andati quegli inverni,
meravigliosi di canti.

E ricanta così la carne
sulla soglia del buio,
quando corrono all'ora gli occhi degli operai
dentro l'officina e il Tempo si rifiuta di correre,
allora i nastri di tutte le Baie non ci bastano più per legarci a Te,
Re che con le cime parli.
Intanto che i solchi delle ore
cadono contro gli angoli delle case e
un grido azzurro esce da sotto le porte,
scalzato dalla musica, che lega e slega
gli amori da valle a valle.

Amori pesanti di fumo, di tronchi e di ardesie
amori che piegano, sotto il pascolare della notte
e fanno gemere le ragazze, dentro il ripassare di febbraio, quando
s'incattiviscono gli sposi nel freddo che chiama
con la tosse degli alberi che crepano
e dentro il nascere dell'ombra, picchia
il bastimento dei nostri pensieri contro l'iceberg
del fermo volere di una donna.

Ma tutto questo entrare dentro col cuore nell'ombra,
genera ombre, spettri che s'incastrano
dentro i vicoli fra le case all'abbaiare di cani, quando
sentono nuovamente lontano
il canto di guerra del cataro vinto
che urla ancora aiuto al suo Dio dimentico,
nello stesso tempo che dall'altra parte
si compie il sogno saraceno
che prima di morire vede il Monviso spostarsi.

Ma non si spostano i cippi di confine degli orizzonti
che ci incatenano a questa terra, e
attraversiamo nell'ombra lungo i passaggi del dire,
e scende il cantare, attraverso i pascoli, allora,
sotto queste nuvole torniamo a nascere nella speranza,
quando, persa la dolcezza, contro tutte le minaccie,
sotto le scintille di questo reame di strette valli,
giriamo la schiena al mondo e andiamo di nuovo conquistare
Provenza.

occitan Lo garet marca la neu e lhi potons lhi labras,
e, ente comencen lhi confins per lhi autres,
per nos, nais la patria.

L’ombra d’ l’ala cor sus la baucha
derant de tupir-se en l’ombra di bauç.
E lusegen lhi rius d’un cant o d’ l’autre,
argent que pica sus la lenga chauda.

Arlusís com’aquò la coa d’ l’aliu
un second derant d’èsser bocon a l’aigla
chalura d’ la charn que pòrta ent la tripa
lo moment, l’an e lhi siècles,
e digerís lo Temp abó un quil,
lo mesme que avia sentut
la maire a l’enterrament de lo Princi-mainat,
arditat d’òsses que runa, coma
l’escriure contra la dolor
al long lhi muralhas glaçaas d’la balma
estrem eschaudat da lhi cueissas.

E d’aquilh estrems prenen la fòrça lhi paraulas,
au miton di confins defòra e di confins
dedins en lo bautear e rebautear di confins
dal còr per batalhar contra lo vueit.

Mas dins lo vueit chappui mai l’aura sòura lhi plimas
e planet ent la dràia blòia, coma un alef vira l’ala,
drap contra draps,
entorçant lo còl e montant, l’uelh vei
lo furmilhar chapval, ente,
lhi veituras di calinhaires coma quelas di desperats son
babòias d’ fèrre que quarqua bèstia l’autre jorn a congriaas.

E se congrien com’aquò arlòng lhi beals,
lhi generacions, coma gràvia runaa,
e runen fòra dai veires di veituras lhi vòutz
e colen ent l’alen freid di combas,
súbit esbinhaas dal beselar di cóntias di vielhs.

Lo clò esclapa la ròcha,
e la còrda coloraa cor ent l’anèl,
e lhi mans s’engrifen e la resta dal còrp,
monta la justa porcion de coratge
e com’aquò l’autura montaa es
porcionaa a la puressa di pensaments.
Lhi grínfias borduren i bauç, tantotun
que lo cròc dal bèc cómptia lhi escabòts di saps.
L’ala s’arlama ent la corrent tebla
e dessobre l’ombra que tria l’adreit e l’ubai
e lo vòl copa l’alen que monta dai clapies,
aura facha d’oras, plimas, contra l’òr enclaus di peiras
ala que pica e embarra lo Temp dessobre l’Alp
tantotun que dessot se leva lo chantar di gòchs,
masqueria que te pren per te parar dal vueit que te chucha
coma l’afre que monta da chapval, quora la tripa es esbinhaa contra la ròcha e
lhi mans tròben ren a s’embrincar e la paor de cheire
te fai enavisar la fonza dal sòmi ente lo volar es ver.

Sota l’ala
la montanha somia mai, mas
l’anar de lhi unvèrns es na falha
se dreicem, lhi vielhas neus per nos trafermar l’alma,
coma de miralhs per nos far esguilhar lindo
sobre l’estralocar d’ la vita vitona e
lo blanc qu’esclarda es
mec na cubèrta que nos para da la freid di
nòstres pensaments, un pontalh,
alora cerchem dins lhi armanacs mòrts, dins lhi vòutas vueidas
quarquaren per saber ente son anats aquilh unvèrns,
meravelhats de chants.

E rechanta com’aquò la charn
sus lo lindau dal borre,
quora corren a l’ora lhi uelhs di obriers
dins l’usina e lo temp se refusa de córrer,
alora lhi bindèls de totas lhi Baïas nos basten pus per nos gropar a Tu,
Rei que abó lhi broas preiques
tantotun que lhi reas di oras cheien contra lhi caires e
un bram blòi sòrt da sota lhi pòrtas,
eschauciat da la música, que estacha e destacha
lhi amors da valada a valada.

Amors greus de tuba, de bilhons e de lausas
amors que doblen, sota lo pasturar d’ la nuech
e fan jumear lhi mendias, dins l’arpassar de febrier, quora
s’encharmen lhi espós ent la freid que sòna
abó la tus di àrbols que crepen
dins lo nàisser de l’ombra, pica
lo bastiment di nòstres pensaments contra l’iceberg
dal fèrm voler de na frema.

Mas tot aquest intrar abó lo còr ent l’ombra,
congria ombras, mascas que s’enchastren
dins lhi quintanas al jap di veç, quora senten mai daluenh
lo chant de guèrra dal càtar ganhat
que brama encara ajut al siu Diu desmèrs,
en lo mesme temp que da l’autre cant
se complís lo sòmi sarrasin
que derant de morir vei lo Vísol s’estrameirar.

Mas s’estrameiren lhi bìnas di orizonts
que nos encheinen a questa tèrra, e
traversem ent l’ombra arlòng lhi chalaas dal dire,
e cala lo chantar, travèrs lhi pasturas, alora,
sota aquestas niulas naissen mai ent l’esperar,
quora, perdua la doçor, contra totas lhi menaças,
sota lhi beluas d’aquest reiam de combas
virem l’eschina al monde e anem mai conquerir
Provença.