Enti in rete L.482/99   

Enrichetta Vottero canta la canzone scritta da suo padre, i Sounalhé

Enrichetta Vottero chante ina chansoun eicrita da soun pari ‘Li sounalhé’

di Paola Vai

Enrichetta Vottero canta la canzone scritta da suo padre, i Sounalhé
italiano TRADUZIONE IN ITALIANO
Quando i grivouèt (gli uomini dai capelli grigi) escono all’aria fresca
Tutti corrono in fretta per sentire i Sounalhé.

Venticinque anni sono passati ma i sessanta non sono ancora arrivati
Siamo nel meglio della vita con i Sounalhé...

Esci fuori amico mio, anche scalzo e in camicia
Il freddo non si sente ascoltando i sounalhé

Venticinque anni sono passati ma i sessanta non sono ancora arrivati
Siamo nel meglio della vita con i Sounalhé...

E se ti viene voglia di andare a prendere una bottiglia
Con il vino più buono faremo festa, come tanti grivouèt.

Venticinque anni sono passati ma i sessanta non sono ancora arrivati
Siamo nel meglio della vita con i Sounalhé...

franco-provenzale Can li grivouèt modoun fóra, dë fóra a l’aria frétsa
Toute le dzan coroun an presa a sintra sounalhé

Vintehinquian soun livro, sësanta lhé pa acórra
Lou boun quë vat icòrra, abèira sounalhé

Sórta col fóra cambradda, detsóo e an tsemiza
Patéisa pa la biza ian sintra sounalhé.

Vintehinquian soun livro, sësanta lhé pa acórra
Lou boun quë vat icòrra, abèira sounalhé

A se te sóouta la stisa d’alé gavé ina bouta
Dë hal pi boun fëzén chouca quëmë' tanti grivouèt.

Vintehinquian soun livro, sësanta lhé pa acórra
Lou boun que vat icòrra, abèira sounalhé