Insegnamento on-line   

Modulo 5 - Lou countadin

Ën poc ëd leteratura

Un po' di letteratura

Ën poc ëd leteratura
franco-provenzale


L’ECOUNOUMIA DLË TÈRE AOUTE”

È i eu sempër maladouërn descouëri d’òou travai ën mountanhi. Ès tratët d’un ërgoumënt tro gro, djë ëfrountà é studià da tènti proufesour. Gro è i ëst gë istà dit forse cazi tout: lou pericou ët tchèi ën chozë gë ditë ou i ëst gro, parei ‘me lou pericou d’èstri tro generic, ëd nhint èstri ezaoustìou. Sènsa countà lou pericou, sempër drè aou quëntoun, d’idealizà ëd moundou é sitouasioun.

Ën limitou a coundividri quërquë eideië quë m’èi fait, ëd riflesioun soou moundou cou i ëst quëmbià, cou quëmbiët é ou countinouët a quëmbià sempër più ën presa; ën quëmbiamënt cou vait nhint meuc viù eun “miëi o pès”, ma semplitchemënt coume n’evoulousioun quërëtèrizaia da trai periodi bin difèreunt.

Pruma ëd tout, la mountanhi fina a lh’an sincanta doou Neuousënt. È srit tro adouërn pensà an moundou “sërà” ëd emarginà: la vita ëd mountanhi, parèi ‘me na realtà aretraia, countraposta a la sità é lou soun ajou. È bastët n’ouchada a to ën po più d’atensioun për capì quë tale eideia è i ëst pitò ënprechiza: più sëmplichemënt “li përcouërs ëd lëz atività” d’alëra ou i èrount gro diversë da sëllë quë sèn abituà nou ëncui.

Sé ëncui, di fati, ël sità ou coustitouesount sènsa dubi ën polo d’atrasioun për tènti ëd nou, quë ou “sëndount” tui’ li dì dal mountanhe për alà a lh’ufisi o ën fabrica, anquë mëc ën sécoul feu è i ëret nhint parèi. La vita è i ëret di fati ënchentraia zla mountanhi da ëntëntse coume na realtà a dui versant (ecounoumicamënt cazi istes), a caval d’ën counfin nësiounal dinamic, tout soumà neu é sicuramënt più adouërn da vè vërdën na cartina (a livel poulitic) quë nhint alënt su un sëntè.

scouta



(Da Chambra d’Óc, “Indagine sui Mestieri di Montagna” 2008)

italiano


L’ECONOMIA DELLE TERRE ALTE”

È sempre un po’ difficile affrontare il tema del lavoro in montagna. Si tratta di un argomento piuttosto vasto, già affrontato con cura e precisione da illustri ricercatori. Molto, sotto tutti i punti di vista, è già stato detto, forse quasi tutto: il rischio di cadere nel banale è grande, così come il rischio di rimanere troppo in superficie, di non essere esaustivi. Senza contare il pericolo, sempre dietro l’angolo, di idealizzare mondi e situazioni.

Qui mi limiterò a condividere alcuni pensieri, semplici riflessioni su un mondo che è cambiato, che cambia e continuerà a cambiare sempre più in fretta; un mutamento che non va osservato in termini di “meglio” o “peggio”, ma semplicemente come un’evoluzione caratterizzata da tre “periodi” ben distinti.

Innanzitutto, la montagna prima degli anni Cinquanta del Novecento.

Sarebbe facile pensare ad un mondo “chiuso” ed emarginato: la vita di montagna come realtà arretrata contrapposta alla città ed al suo dinamismo. Ma è sufficiente uno sguardo un poco più attento per capire che tale idea è piuttosto imprecisa: molto più semplicemente, le “rotte” di allora erano molto diverse da quelle cui siamo abituati noi oggi.

Se oggi, infatti, le città costituiscono senza dubbio il polo di attrazione per molti di noi, che “scendono” tutti i giorni dalle montagne per raggiungere uffici o fabbriche, anche solo un secolo fa non era così. La vita era infatti incentrata sulla montagna, da intendersi come realtà a due versanti (simili anche economicamente), a cavallo di un confine nazionale dinamico, tutto sommato recente e sicuramente più facile da percepire solo osservando una cartina (a livello politico quindi) che non addentrandosi su una mulattiera.