Insegnamento on-line   

Modulo 4 - La meizoun de Silvana

In poc da leire

Un po' di letteratura

In poc da leire
franco-provenzale


Le meizoun d'in col

A Graviére, in col, le meizoun ieroun féite an piera e li cuvert ieroun couatà da de grose loze qui poujavoun sut de gro boc de malezzo. A ière dantorn lou paì, surtou an ounta mountanha, de post andounque li scouplin i scouplavoun le grose piere shistouse per farnèn de bèle lose da anouvrè per le méizoun. I talhavoun asì de piere plane per anouvrè, coumme lavouire, din li lavadou que se trovavoun din onhi borjà, perquèn a ière pa l'eiga courenta din le meizoun è le fumèle devion alé lavé din l'eiga freida di bial o ai bachass . De chouten alave ben, ma le choze chenjavoun an inver o corra iere la nei o lou glass. Maque ai Mourèl ieroun eiroù, perquèn a iere inna sourgent d'eiga choouda, darìe la bourjà, tacà andounque l'at pi pasà lou chumin de fèr, ma, avei li travalh qui soun-t-ità fèit din l'ooutrou secoul, per ardoublé li binari sut la linea Turin - Bardounencha, in baroun de sourgent l'on perduse è onca l'eiga chouda l'at sparì è se sat pa pi que fin l'at fèit. Per avéi l'eiga da anouvré per beire o mingé, s'alave a la fountana avéi bouì segelin qui se portavoun a meizoun è se bitavoun sut in post rioousà è cuvert da inna teila; l'eiga se pilhave avéi la casa, inna speche de casul avei lou found plat, pendouâ tacà lou segelin.
Le “case” ieroun quazi totte d'aram coumme li segelin qui l'aiòn in bel bord, aou found, d'outoùn.

sente

di Silvana Morello

italiano


Le case di Gravere

A Gravere le case erano costruite in pietra e i tetti erano coperti da grosse “lose “che poggiavano su tronchi di larice di notevoli dimensioni. Vi erano attorno al paese, soprattutto in alta montagna, luoghi dove gli scalpellini incidevano i grossi massi scistosi per ottenere belle lastre, le" lose", da utilizzare per le case. Tagliavano anche delle lastre piane per ottenere delle pietre su cui lavare, nei lavatoi che si trovavano in ogni borgata, perché non vi era l'acqua corrente nelle case e le donne dovevano recarsi a lavare nell'acqua fredda dei ruscelli. D'estate era più comodo, ma le cose cambiavano in inverno o quando c'erano la neve o il ghiaccio. Solamente alla borgata Morelli erano fortunati, perché, dietro la borgata, vicino al percorso della ferrovia, vi era una sorgente di acqua calda, ma con i lavori effettuati nel secolo scorso, per il raddoppio della linea ferroviaria Torino-Bardonecchia, si sono perse molte sorgenti e anche l'acqua calda è scomparsa e non se ne sa più nulla.
Per avere l'acqua da utilizzare in cucina o da bere, si andava alla fontana con due secchi, che si portavano a casa e si sistemavano su di un ripiano rialzato, coperti da un telo. Si prendeva l'acqua con la “casa” una specie di mestolo col fondo piatto appeso accanto al secchio. Le “case” erano quasi tutte in rame,come i secchi, che, in basso, avevano un bel bordo d'ottone.