Insegnamento on-line   

Modulo 3 - Lou paì de Silvana

In poc da leire

Un po' di letteratura

In poc da leire
franco-provenzale


La "Pita" de Graviére e lou prezepio d'art


Da la plasa dou Moular, alont amoun vers l’ingléiza devon arivé aou Gront Eissimoun, tacà lou bial, trouvèn inna pechita meizounëtta, la Pita, in vielh mulin a piéra dou milesatsentestontesinc; lou post se monde asì parìe.

Pin Sarèt, Olivero Giuseppe, din la secounda meità dou millevesent, l’a chitàla per sa fumèla Guglielmo Maddalena. L’avat antensioun d’angrandila, ma i sémpre ità parìe. L’éiga dou bial, qu’ou pasave iquì tacâ, fazàt viré la grosa piéra, dréita din in gro gatin, qu’i virave plu vutto o plu adaziot è venat meirâ a secounda de sen que devat pité.
A Graviére, in col, a i ére in baroun de poumìe; la plu grosa part de le poumme se vendat. Li fritasé venion jò a chitéle corra li poumìe iéroun incò an flou. Le poumme pa vendoué se gardàvoun per mingé è per farnèn lou vin, la poumada.
D’itouènh, arivàvoun le bétie qu’i pourtàvoun le benate pleine de poumme qui venion pitâ. Le poumme bërnhacâ se meiclàvoun pi avéi la rapa di reizin è se fazàt in vin pechit, plu legìe, qu'ou se beivàt duron la primma o de choouténh, corra se fazion li travalh an campanha. Se beivàt pa ton la poumada pura, i fermentave in baroun din li boutal.
La rouà de la Pita virave an countinouasioun, onca de nouéit. L’anouvràvoun li Graverén, ma onca la gen de lh’outri paì, asì li Plén qui veniòn aval da l’Oouta Val Suza per fare einhaqué le grane de marmote, le prune jooune è vërde di prunìe qu’i creisiòn maque an chérti post an oouta mountanha, le prugne brigantine. Le grane de marmote faziòn in boun olho qu’ou venàt meiclà a sal d’ouliva è servàt asì coume olho medichinal. La piéra de la Pita einhacave asì le nouéize per farnén l’olho, gavave la crofa a l’eurjo, la plalha a le chatinnhe è pitave lou chenovvo. Avéi lou chenovvo, apré aveilou filà, se fazat pi lou fil, pi fin ou pi grousìe, la rita ou lou barbèl, per farnèn, a la carda, de lensuvve o de couvertoù o d’ooutre choze qu’i servion per de travalh espré, coumme per ezémpio le clape, qui serviòn per fare néise li vel.
La Pita it ità anouvrâ finca din lhi an sesonta. Le talhe soun ità pagà finca aou milenosentestontebouì. Apré soun chenjà le coutumme, la poumada se fazàt pa pì, nhonca l’olho de nouéize o de marmote. Le chatinnhe se vendiòn, lou chenovvo è l’eurjo se plantavoun pa pì, se seminàvoun pooutro. Lou travalh l’a pourtà la gen lonh da la plupart di travalh de la téra è la Pita l’a livrà de chanté sa chansoun avéi l’éiga dou bial.
Li darìe méitre de la Pita, li frari Morello Edoardo è Luigi, Douardo è Vijo Glooudin, nevoù de Pin Sarèt è Guglielmo Madléina, din l’itouènh dou milenosentenouvontesìe, corra ière sendi Olivero Pistoletto Cesare, l’on regalala aou Coumun de Graviére, perquèn la gardìsoun coumme testimonionsa di travalh d’in col. Lou Coumun l’a féila arengé, ma l’a pooutro bitala an founsioun.
In jorn de dezémbre dou milenosentenovantenò l’aministrasioun è li lavourìe dou coumun iéroun an camin a preparé li bindèl per abelì lou paì per Chaléndre. L’on coumbinà de fare lou prezépio din la Pita, fazonse eidè da lou pitour Tino Aime de Graviére.
Aloura touìt i l’on dounase da fare: Tino Aime l’a mandà si amis pitour è, din catro è catro vèt, l’on preparà li persounagi dou prezépio.
Touit li vépro per Chaléndre, a chalambrun, s’alummun le lucchi de la Pita è a zmilhe d’eicouté li persounajo que se dioùn, adaziot, de couinte ispirâ da li lour aoutour.

sente
di Silvana Morello

italiano


Il frantoio" la Pita" di Gravere e il presepio d'arte


Dalla piazza del Mollare salendo verso la chiesa, prima di arrivare al Grande Essimonte, vicino al rio, si trova una piccola casetta, la Pita, un vecchio mulino a pietra del 1775; anche la località prende il nome di Pita.
Il nonno, che si chiamava Pin Sarèt, Olivero Giuseppe, ha comprato la Pita per sua moglie nella seconda metà del 1800. Aveva intenzione di ingrandirla, però è sempre stata così. L’acqua del rio, che passava lì vicino, faceva girare la grossa macina verticale in un grande catino, che si muoveva più veloce o più piano e veniva spostata in base a quello che si doveva pestare.
A Gravere, una volta, c’erano molti meli; la maggior parte delle mele si vendeva. I commercianti di frutta venivano a comprarle quando i meli erano ancora in fiore. Le mele invendute si conservavano per mangiarle e per farne il vino, la “poumada”.
In autunno, arrivavano le bestie da soma che portavano le “benate” (contenitori rotondi in legno) piene di mele che venivano pestate. Le mele schiacciate si mescolavano con il raspo e le vinacce dell’uva e si faceva un vino leggero, che si beveva in primavera o d’estate, durante i lavori in campagna. Non si beveva la “poumada” pura, il sidro, perché fermentava molto nelle botti.
La macina della "Pita" girava in continuazione, anche di notte. La usavano i Graveresi, ma anche gli abitanti degli altri paesi e anche i “Plen” (abitanti oltre il confine di Gravere), che scendevano dall’Alta Valle di Susa per fare schiacciare i noccioli delle “marmote”, le prugne gialle e verdi dei pruni che crescono solo in certi posti in alta montagna, le prugne brigantine. I noccioli delle “marmote” facevano un olio buono che veniva mischiato con quello d’oliva e serviva anche come olio medicinale.
La pietra della "Pita" schiacciava anche le noci per farne l’olio, toglieva la pellicina all’orzo, la buccia delle castagne e pestava la canapa. Con la canapa, dopo averla filata, si faceva il filo, più fine o più grossolano, la rista e il “barbel”, per farne poi alla carda lenzuola e coperte o filati particolari come ad esempio le “clape”, particolari matasse che servivano per fare nascere i vitelli.
La "Pita" è stata utilizzata fino agli anni ‘60/’70. Le tasse sono state pagate fino al 1972. Dopo sono cambiate le usanze, la “poumada” non si faceva più, neanche l’olio di noci o di “marmote”, le castagne si vendevano, la canapa e l’orzo non si seminavano più. Il lavoro ha allontanato la gente dalla maggior parte dei lavori legati alla terra e la "Pita" ha smesso di cantare la sua canzone con l’acqua del rio.
Gli ultimi proprietari della "Pita", i fratelli Morello Edoardo e Luigi, Douardo e Vijo Glooudin, nipoti di Pin Sarèt e di Guglielmo Maddalena, nell’autunno del 1996, quando era sindaco Olivero Pistoletto Cesare, l’hanno regalata al comune di Gravere perché venisse custodita come testimone del lavoro di un tempo. Il comune l’ha ristrutturata, ma non l’ha più messa in funzione.
Un giorno di dicembre del 1999, l’amministrazione e i dipendenti comunali stavano preparando gli addobbi natalizi del paese. Decisero di fare il presepe nella Pita, facendosi aiutare dal pittore Tino Aime di Gravere.
Allora tutti si sono dati da fare: Tino Aime ha chiamato i suoi amici pittori e, in quattro e quattr’otto, hanno preparato i personaggi del presepe.
Tutte le sere nel periodo di Natale, all’imbrunire, si illuminano le luci della "Pita" e pare di udire i personaggi che si raccontano a bassa voce le storie ispirate dai loro autori.

( “ Info Web - Lingue Madri – Il giornale degli Sportelli Linguistici della Provincia di Torino” - n° 3 - dicembre 2009 )