1_Sérca zlë carte gegrafiquë d’aoutrë parolë cou deuscouërount doou teritori ëd mountanhi.



2_Fà la tradusioun, ma atensioun a li vèrb.


1.Sono in montagna e ti scrivo

Sëi ën mountanhi é t’eu scriou
2.Qui le montagne sono alte e rocciose

Eisì ël mountanhë ou sount aoutë é rouchouzë
3.Là sulle cime più alte c’è sempre un po’ di nebbia

Li aout su ël simë più aoute è i eu sempër ën po ëd nèbia
4.In montagna, zaino in spalla, mi piace camminare da solo

Ën mountanhi, sac a spalë, eum piait alà da soul
5.Scrivimi quando sari lassù

Srìme can quë t’è lì aout
6.Ci scriverete e ci manderete una foto delle punte rocciose?

Ou nou scrié é ou nou mëndà ‘na foto ëd lë pountë rouchouzë?
7.Ragazzi, scrivete una canzone per la montagna!

Guërsoun, scrié ‘na chënsoun për la mountanhi!
8.Le marmotte corrono per la prateria alpina

Ël mërmotë ou couërount për li prà ëlpin
9.Ti scriviamo dall’albergo in cui abbiamo prenotato una camera

Tè scrièn da l’oubergi ëndoua j’èn prenoutà ‘na stënsia




3_Fà la tradusioun ëd li vèrb é buta lou prounoum ëndoua ou sërveit


Scrivevi = tè t’ët scrié
Abbiamo scritto = j’èn escrit
Vivono = ou vivount
Viveva (ella) = è vivet
Scriveresti =  tè ët scriërì
Scriverei = mè scrirì
Hanno appena scritto = ou i ont apeina scrit
Scrivi! = scrì!
Stanno per scrivere = ou sount ën quëmin a scriri
Vivremo = vrivrèn
Hanno di nuovo scritto = ou i ont touërna scrit
Scrivile! = scrìilë
Vivi! = vì!
Vivrà = ou vivreù


4_Fà la tradusioun


Qualche giorno in montagna

-Quest’estate siamo andati in montagna; era un posto non molto lontano da qui, ma totalmente diverso come paesaggio.

Steu ‘stà sèn alà eun mountnhi, è i èret eun pot nhint gro lounh d’eisì, ma talmente divers coume peuezajou. 
-Non c’erano alberi verdi, prati, borgate, ma solo pietraie, cime aguzze, pareti rocciose, fiumiciattoli e laghi alpini.

I avet nhint d’arbou veurt, prà, bourgà, ma meuc eud quiapé, pountë, muraië rouchouzë, rieun è lac eulpin.

-Il luogo ideale per passeggiare, arrampicare, osservare la natura: fiori di montagna, marmotte, camosci …

Lou post ideal peur espeusigì, reumi, ouservà la natura: fieu eud mountanhi, meurmotë, chamous …

-Noi eravamo due, ma subito abbiamo fatto amicizia con altri ragazzi che passavano qualche giorno di vacanza su quelle montagne; siamo diventati amici e siamo andati a fare qualche sport insieme, per esempio la “slitta d’este”.

Nou sian dui, ma subit j’èn fait amichisia ‘vé d’aoutri gueursoun cou pasavount querqui dì eud vaqueunsi eunt eur zi post; sèn vunù amis é sèn alà a fà queurqui sport eunsembiou, peur ezempi la “lieugi d’eustà”.

-La slitta d’estate è una piccola slitta che scende lungo una canalina di latta, giù per il fianco della montagna: a poco a poco prendi velocità e devi guidare la slitta tra le curve della canalina; è molto divertente.

La lieugi d’eustà è i eust ‘na lieugi quitiva qu’è seunt eunt una queunalina eud tola, ju peur lou fieunc eud la mountanhi: teuntin aou vì, pieu velouchità é deou gouidà la lieugi tra eul curvë eud la queunalina; è i eust bèl da mat.