Insegnamento on-line   

Modulo 2 - Asalais presenta sa familha

Un pauc de literatura

Un po' di letteratura

Un pauc de literatura
occitan


Marianeta escota


Ma grand Marianeta (franc son paire e sa maire) aviá un fraire qu'era son besson: se sonava Andrieu. Tota sa vida aviá fach marin [...] E puèi veniá la sòrre joineta: la Nastasia. Se disiá d'ela qu'era la pus bela filha de son temps. Granda, blonda, los uèlhs blaus, una carn coma una petala de ròsa, una dentura que treslusissiá, aviá tot per ela, mas era caparruda coma una muòla a la beguda. Se maridèt a detz-e-set ans amb Alòi, l'enfant unenc d'un ric mainatgièr [...] Aguèron dos enfants, de bessons. De costat de mon papet Cadet, i aviá très enfants. Vitalis, qu'era l'ainat, era molinièr. [...] Cadet (mon papet) s'era maridat e sa sòrre, la Leà, atanben. [...] La Leà, ela, aviá rès d'una genta. Alta, magra, verda, fasiá pensar a un ciprièr. [...]
Puèi, i aviá: la tata, las cosinas e un cosin.
La Bertona, era la tata vièlha de ma grand, del Capitani e de la Nastasia. Aviá vint ans lo jorn que aveusèt. [...] Aquí las cosinas germanas: doas sòrres Fineta e Finon, […] Elas tanben s'aveusèron joinas. Caduna perdèt son òme del colerà. E per finir, un cosin segond de mon papet, lo Cendron dich "Brama-fam". Auriatz pas trapat, a detz legas a l'entorn, un òme pus brave qu'el. [...] S'avia sabut plan legir es Monge que seriá d'aquesta ora.

(tratto da Racòntes del País Dagtenc, 1982; autore del testo: Paulona Duconqueré, Occitania grande; audio: lettore dell'Occitania grande)



Ma maire escota


Ma maire avia qu'una dent, totjorn brandava quand fasia de vent
mon paire qu'era un bòn ferrier la lhi picava a colps de martèl
Mon paire avia qu'un anhèl, totjorn belava lhi a garat la pèl
ma maire quatre e cinc nòu la mère Joana e lo père Joán


(tratto dal CD Ai fach un sumi, 1999; eseguito da Lhi sonaires)



O maires escota


O maires, maires, ma' valaas de l'aire

setz, un pauc e tot, la resta:

gaire!

N'a que dien: "pas pas" e

son lhi paires:

disetz: "Mah mah", vosautras que setz maires;

n'avetz suaa la front, possat

l'araire;

n'avetz desverumats

bo lo varaire

e clartrat bo lhi uelhs cròi lo

borre ai caires:

n'avetz fach sòrres lhi fremas e

lhi òmes fraires,

a l'istat fuec setz estaas nòsti

abeuraires,

e a l'uvèrn sensa brasa lhi

abrasaires,

per nòstra fam n'avetz cerchat 

lhi asaires;

ente la tofa, n'éretz

lhi ventolaires,

setz estaas tot un bo

vòstri debanaires;

fasie bon lhi pascatges

bu lhi chabraires;

n'avetz triats per nòstre mond

triaire;

n'avetz chamats bo la 

vòutz di pistaires.

(testo di Antonio Bodrero, Sampeyre, valle Varaita; adattato alla grafia classica; audio tratto dal CD Esprit de frontiera dei Gai Saber)



Occitània escota


Paura maire
velha ‘scó un chabòt
plen d'ortias,
lhi uelhs secs
'scó un valon sens aiga,
l'estòmi vuet
'scó un zaino sensa pan.

L'estòmi vuet
sensa lach per lhi tiei filhs
que calon en planura
per un tòc de companatge
e a quilh que reston
ilh s'escranchon l'eschina
per una brisacaa de tartífolas.

Occitània, paura maire,
las tuas filhas pus bè
las, Vermenanha, Estura, Maira,
Varaita e tutas las autras
venduas 'scó de vachas da móser

da quilh qu'ilh son mai anats en pastura,
da quilh que la sapa
ilh lhi a mai fach mal a las mans.
Paura velha maire,
quanti tiei filhs
la lhi serè a passar-te
la darrera tua nuech?

(testo e audio di Giacomo Bellone, Limone Piemonte, valle Vermenagna; adattato alla grafia classica)



Lo batesim de Neta escota


Un sera, venia já borre, ma maire es partia da casa sença dir ent anava.
Mi e ma sòrre Maria, papà nos a mandats durmir. Lo matin bonora, nòsta maire es arrubaa sorrienta e nos a dich que danda Lòt avia chataa na bela filheta, que lhi butavon nom Neta. Aquel nom m’a plasut.
Lo jorn après, ma maire m’a menat a veire: ilh era cojaa ‘nt na pichòta cuneta que avia un cercle; sus estendut un mochet florejat, aquel mochet la parava de las moschas e da l’esclarda dal solelh. Na centura chamaa cunaoira a zic-zac la tenia ferma ‘nt la cuna. Danda Lòt a auçat lo mochet, l'ai vista pichòta pichòta; durbia si uelhets sensa saber ent beicava, mi lhi ai parlat, ilh m'a pas respondut.
Lo jorn dal batesim, lo paire de la pichòta a vorgut que nos escolars acompanhesson decò la “braçaa”, dui si cosins, mi e ma sòrre Maria vesin. La mairina portava la filheta; paire, pairin baila e nos pichòts era l'esquadra dal batesim. La Glesa era daluenh. Sovent la baila la beicava per pas que s'estofesse: era tota coataa de na cuberta ròsa. Siem arrubats a la Gleisa, e lo preire, Dòm Marquís, lhi a versat l'aiga benesia se la testa; ilh s’es butaa a plorar: l'aiga freida l'a dervelhaa, mas ilh s'es lèu apasiaa.
Siu anat ent al cloquier, ai tirat lo soastre de la clòca gròssa, ai sonat ben lòng lo batesim; a nòst país, per las filhas se sonava ben cort, perqué la filha era argent-vai; per un filh, argent-ven, se sonava ben lonc.
Lo pairin nos a portats a l'òste de barba Tòni de Sese, per banhar lhi pès a Neta. La baila lhi a donat un cucharin de vin blanc dòus, ilh l'a ben chuchat e lhi grands dision: “Lhi plai lo vin, ilh ven granda, fòrta e bela!”. Lo pairin l'a portaa a sa maire, que lèu lhi a donat a tetar. Tuchi ensem avem fach de bonas batealhas, contents que a danda Lòt avia chatat sí bela filheta e nos avia procurat na bela jornaa de festa e d'alegria. Son esquasi passats sessanta ans, aquel jorn l'ai mai desmentiat.

(testo: Pietro Antonio Bruna-Rosso, Elva, valle Maira; adattato alla grafia classica; audio: Esteve Anghilante, Elva).



La mama (video a fondo pagina)


Nuech encà mai nuech,
darreire a las fenèstras,
Uelh coma lhi ties,
A degarar defòra las vias
Neu encà mai neu,
A l'ora tarda,
Quieta ilh chai,
Coma ton temp que al vai

Amor encà mai Amor,
Dessot sa cubèrta
La pechita ilh duerm,
e tu finisses ton jorn
Pensar encà mai pensar,
Serè deman!
Aüra repaus que sie
duermes ton sòm
....... legier.


(testo e video di Marco Mastrocola, Ostana, valle Po; adattato alla grafia classica)



M’o disia mama (video a fondo pagina).


“Rastelavo ental prat,
ental fen t’ai trobaa,
pichòta mainaa;
ente la cuna t’ai butaa,
a tetar t’ai donat,
per tu ai ris, ai plorat,
lo bòn Dieu ai pregat
de poler-te veire soldat”.

Mainat siu estat,
mainat siu encà:
cuna, escòla, soldat
m’a pas chambiat.
Lo temp a passat:
já d’ans ben charjats,
siu sempre mainat.
Ent la caissa soterrat,
sarei mainat
que vai en braç
a ma cara mama.

(testo di Pietro-Antonio Bruna-Rosso, Elva, valle Maira; adattato alla grafia classica; audio: Franco Baudino, Elva).



Mama-grand (video a fondo pagina).


Mama-grand o sabessi çò que aic sueimat,
nos éram tuiti tres aval dint un gròs prat,
un grand prat tot ben glafit de bèlas flors,
blanchas, jaunas e rojas, de tuiti li colors!
Vos mama-grand o me donavi vòstra man,
dint moun sueim nos éram aval per Pramian.
Papa-grand era darreire, qualque pas da nos,
coma totjorn, al fumava sa pipa tot seriós.
Da l'autra man o tenia ben sus l'espatla
la forcha, rastèl e boràs a l'escarcèla;
las lengostas fasian son cri-cri bo lo moralhet,
al mesme temp li respond una niaa de uselets!
De caire nos descend aval planet planet
lo velh Cluson dint son viatge eternèl,
plen d'aiga, bèla, polida, luienta e clara,
pòrta richessa, vita prosperosa a la plana.
Lo sueim al es long, al es pas finit, al a contunhat,
esboliat lh'endanhs que papa-grand avia talhat
o s'enchaminem vèrs la fontana de Gochon
onte l'aiga bo la toma e lo pan eran si bon!
Bo un pauc de pena la broa nos avem montaa,
lo velh Claus, planet, nos avem ben visitat,
lo Claus destruit brutas chòsas al ressoven
quand, un temp passat, lhi era pus de mal que de ben.
Planet o s'enchaminem per tornar a maison,
lo viòl es estreit, mi corro coma un ribaton!
Corratz pas tant, l'es plen de peiras per li Gorès,
m'entrambo, cheio, me revelho e sioc velh!
Mama-grand vos que da l'autre caire o me sentatz,
creatz-me, l'es lo pus bèl sueim que la me sie capitat!
Aüra que otant'ans son passats e velh sioc decò mi
penso a queli bèli ans que tornan mai pus.
Òh mama-grand vos que o siatz aiquí aut
alonjatz-me vòstra santa man, tiratz-me aut
al gloriós Rènh final de chasque crestien,
lo prèmi eternèl de qui cre dins lo ben,
onte la lhi a lo prat eternament florit,
onte trionfa la jòi e la lhi a pas de socits!

(testo e video: Ugo Piton, Roure, valle Chisone; adattato alla grafia classica).

italiano


Marianeta


Mia nonna Mariannetta (tutto suo padre e sua madre) aveva un fratello che era suo gemello e si chiamava Andrea. Tutta la vita aveva fatto il marinaio. [...] E poi veniva la sorella più giovane Anastasia. Di lei si diceva essere la più bella ragazza del suo tempo. Alta, bionda, gli occhi blu, una carnagione come un petalo di rosa, una dentatura che riluceva, tutto possedeva, ma era cocciuta come una mula all'abbeveratoio. Si sposò a diciassette anni con Eligio, figlio unico di un ricco agricoltore. [...] Ebbero due figli, gemelli. Dalla parte di mio padre Cadet, c'erano tre bambini. Vitale, che era il maggiore, era mugnaio. [...] Cadet, (mio nonno) si era sposato e sua sorella, la Lea, pure. [...] La Lea, lei, non aveva nulla della graziosa. Alta, magra, verde, faceva pensare a un cipresso. [...] Poi, c'erano la tata, le cugine e un cugino. La Bertona, era la vecchia tata di mia nonna, del Capitano e della Nastasia. Aveva vent'anni il giorno che restò vedova. [...] Ecco le cugine prime: due sorelle Fineta e Finon, […] Pure loro restate vedove giovani. Ognuna perse il marito a causa del colera. E per finire, un cugino secondo di mio padre, Cendron detto "Brama-fam". Non avreste potuto trovare, a dieci leghe intorno, un uomo più buono di lui. [...] Se avesse saputo leggere bene a quest'ora sarebbe diventato Monaco.








Ma maire


Mia madre non aveva che un dente, le traballava sempre quando c’era vento
mio padre ch’era un buon fabbro glielo batteva a colpi di martello
Mio padre aveva un agnello, belava sempre gli ha fatto la pelle
mia madre quattro e cinque nove la madre Giovanna e il padre Giovanni.












O madri.


O madri madri ma' discese dal cielo

Siete una, molte e tutto e il resto

è poco!

ce ne sono che dicono "no, no" e 

sono i padri:

dite: "Mah mah" voi che

siete le madri;

ci avete asciugata la fronte, spinto

l'aratro:

ci avee liberati dai maligni 

incantesimi con l'elleboro bianco

e illuminato con gli occhi

arguti il buio dei villaggi:

ci avete fatto sorelle le 

donne e gli uomini fratelli,

nell'estate infuocata siete state le

nostre abbeveratrici,

e nell'inverno senza la brace le

fornitrici di brace,

per la nostra fame ci avete cercato

le bacche di mirtillo:

nell'afa ci avete fatto da

ventilarici, siete state una cosa sola con i 

vostri arcolai:

facevate buoni i pascoli perfino

con i greggi di capre;

ci avete scelti per il nostro mondo

selezionatore;

ci avete chiamati con la 

voce degli incantatori di uccelli.














Occitania.


Povera madre
vecchia come una baita
piena di ortiche,
gli occhi asciutti
come un torrente senz'acqua,
i seni vuoti
come uno zaino senza pane.

I seni vuoti
senza latte per i tuoi figli
che scendono in pianura
per un pezzo di companatico
e quelli che restano
si spezzano la schiena
per un sacco di patate.
Occitania, povera madre,
le tue figlie più belle,
Vermenagna, Stura, Maira
Varaita e tutte le altre
vendute come vacche da mungere
da quelli che mai sono andati al pascolo,
da quelli a cui la zappa
non ha mai martoriato le mani.
Povera vecchia madre,
quanti tuoi figli
ci saranno ancora
a vegliare l'ultima tua notte?
























Il battesimo di Neta.


Una sera, pioveva forte, mia madre è partita da casa senza dire dove andava.
Io e mia sorella Maria, papà ci ha mandati a dormire. Il mattino presto, nostra madre è arrivata sorridente e ci ha detto che zia Lot aveva avuto una bella bambina, che avevano chiamato Neta. Quel nome mi è piaciuto.
Il giorno dopo, mia madre ci ha portato a vederla: era coricata in una piccola culla che aveva un cerchio; sopra era steso un fazzoletto a fiori, quel fazzoletto la proteggeva dalle mosche e dal chiarore del sole. Una cintura chiamata cunaoira a zig-zag la teneva ferma nella culla. Zia Lot ha alzato il fazzoletto, l'ho vista piccola piccola; apriva i suoi occhietti senza sapere dove guardasse, io gli ho parlato, lei non mi ha risposto.
Il giorno del battesimo, il padre della piccola a voluto che anche noi scolari accompagnassimo la “brassa”, due suoi cugini, io e mia sorella Maria vicino. La madrina portava la bambina; padre, padrino balia e noi bambini eravamo la squadra del battesimo. La Chiesa era lontana, la balia la guardava spesso perchè non si togliesse la cuffia: era tutta coperta da una coltre rosa. Siamo arrivati alla Chiesa e il prete, Don Marchis, le ha versato l'acqua benedetta sulla testa; lei si è messa a piangere: l'acqua fredda l'ha svegliata, ma si è presto acquietata.
Sono andato nel campanile, ho tirato il tirante della campana grossa, ho suonato assai a lungo per il battesimo; al nostro paese, per le bambine, si suonava poco, perchè la ragazza era denaro che se ne andava; per un ragazzo, denaro che veniva, si suonava assai a lungo.
Il padrino ci ha portati alla taverna di zio Toni di Seze, per festeggiare Neta. La balia le ha dato un chucchiaino di vino bianco dolce, lei lo ha ben succhiato e i grandi dicevano: “Le piace il vino, verrà grande, forte e bella!”. Il padrino l'ha portata dalla madre, che subito l'ha allattata. Tutti insieme abbiamo fatto una bella festa di battesimo, contenti per il fatto che zia Lot avesse partorito una così bella bambina e ci avesse procurato una così bella giornata di festa e d'allegria. Sono passati quasi sessant'anni, quel giorno non l'ho mai dimenticato.





La mamma.


Notte ancor notte,
dietro le finestre,
occhi come i tuoi,
a guardare fuori le strade
Neve ancora neve,
A un'ora tarda,
cade silenziosa,
come il tuo tempo che passa
Amore ancora amore,
sotto la sua coperta
la bimba dorme,
e tu porti a termine la giornata
Pensare ancor pensare,
sarà domani!
Ora sia riposo.
Dormi il tuo sonno
…..leggero.







Me lo diceva mamma.


“Rastrellavo nel prato,
nel fieno ti ho trovato,
Piccolo bambino;
nella culla ti ho messo,
ti ho allattato,
per te ho riso, ho pianto,
il buon Dio ho pregato
di poterti vedere soldato”.

Bambino sono stato,
bambino sono ancora:
culla, scuola, soldato
non mi hanno cambiato.
Il tempo è passato:
già molti anni assai pesanti,
sono sempre bambino.
Nella cassa sotterrato,
sarò bambino
che va in braccio
alla mia cara mamma.









Nonna.


Nonna se voi sapeste quello che ho sognato,

eravamo tuti e tre in un grosso prato,

un gran prato pieno, colmo di bei fiori,
bianchi, gialli, rossi, di tutti i colori!
Voi nonna mi donavate la vostra mano,
nel mio sogno eravamo giù per Pramian.
Nonno stava dietro, qualche passo da noi,
e come sempre fumava la sua pipa tutto serio.
Dall'altra mano tenevate bene sulla spalla
il tridente, il rastrello e il telo da fino appeso;
le cavallette facevano il loro cri-cri con il grillo,
nello stesso tempo rispondeva una nidiata di uccellini!
Vicino a noi scende a valle pianino pianino,
il vecchio Chisone nel suo viaggio eterno,
pieno d'acqua, bella, pulita, lucente e chiara,
porta ricchezza e vita prosperosa alla pianura.
Il sogno è lungo, non è finito, ha continuato;
abbiamo sparso le andane che nonno aveva falciato,
poi ci siamo recati alla sorgente di Gochon
ove la toma, l'acqua e il pane erano così buoni!
Non senza pena l’erto pendio abbiamo superato
ed il vecchio Claus, pianino abbiamo visitato,
il villaggio distrutto, cose brutte ci ricorda,
quando, nel tempo passato, c’era più male che bene.
Ci avviamo per tornare a casa,
il viottolo è setretto e io corro come uno scavezzacollo.
Non correte tanto, ci sonole pietre nel Gorès,
m'inciampo, prendo un gran colpo, mi sveglio, son vecchio!
Nonna, voi che siete dall'altra parte e mi sentite,
credetemi, è il più bel sogno che mi sia capitato!
Adesso che ottant'anni son passati e vecchio lo sono anch’io,
penso a quei bei anni che non torneranno mai più.
Oh nonna, voi che siete lassù,
allungatemi la vostra santa mano, tiratemi sù
nel glorioso Regno di ogni cristiano,
il premio eterno per chi crede nel bene,
ove il prato è eternemente fiorito,
ove trionfa la gioia e e no ci sono più preoccupazioni!