Insegnamento on-line   

Modulo 17 - L'agensia ëd viajou

Ën poc ëd leteratura

Un po' di letteratura

Ën poc ëd leteratura
franco-provenzale



Ouramai li sèn

Ouramai li sèn. L’aventura è i ëst al porte. È mënquët meno d’ën meis a la pertensi é lou sac, almeno sèl mental, ou i ëst prount d’ën po. Can quë Ines è më proupounù ëd fà part doou group dla tëpinada francoprouvensal, sëi istaia piìa da l’emousioun : ‘na part ëd mé è i erët geu ën camin crieouza ëd touchì a to mën l’unità quë quëiet tuiti li pëtouà francoprouvesal, ëd respirà la coundivizioun, l’èstri part ëd la medema coumunità ëlpina ëdzeuri al përticoulerità ëd li lengajou d’onhi dzona. L’aoutra part, ën po più rasiounal, più da socho-lingouista, abitouaia a fà richerca soou champ, ën chamavou quë tipou d’indagine j’arì pousù fà pasënt ëmpresa da ën pais a l’aoutrou sensa la pousibilità ëd pouè fà ërz enterviste quë sëi istaia abitouaia a fà ënt ësti an.

Pensavou d’avè nhente da dounà a sè group. Dechiza a defilame n’ai descourù avé Ines : ëdvant a ‘na tasa ëd lait cou fumavët è eu nhint achetà nhuna scuza. J’arì fait part dla « spedisioun ».

È srë ‘na bèla sfida sërcà ëd risposte a ste doumënde nhint poueunt countà ënt li metodi ëd travai é ëd richerca solit, ma oura più quë mai sëi prounta é counsapevoula ëd douvé meuc lasì a la testa é aou queur lou post liber d’ampinì ën li dì ëd marchi a to ël parole presiouze ëd li tènti qu’ëncoutrerai lounc la vì.

(Da « Nòvas d’Occitània » T.G., Maggio 2010)


scouta

italiano



Ormai ci siamo.

Ormai ci siamo. L’avventura è alle porte. Manca meno di un mese alla partenza e lo zaino, almeno quello mentale, è pronto da un po’.

Quando Ines mi ha proposto di unirmi al gruppo di camminatori de “Lou tsamin francoprouvésal”, son stata travolta dalle emozioni: una parte di me era già in marcia, curiosa di toccar con mano quell’unità che accomuna tutte le parlate francoprovenzali, di respirare la condivisione, l’esser parte della medesima comunità alpina al di là delle peculiarità proprie delle parlate di ciascuna zona e di ogni idioma. L’altra parte, un po’ più razionale, più da socio-linguista abituata a far ricerca sul campo, si chiedeva che tipo di indagine avrei potuto svolgere, passando rapidamente da un paese all’altro, senza le classiche interviste cui sono stata abituata in questi anni.

Pensavo di non aver nulla da offrire al gruppo. Decisa a defilarmi, ne ho parlato con Ines: davanti a una tazza di latte fumante non ha accettato alcun rifiuto e nessun tentennamento. Avrei fatto parte della “spedizione”.

Sarà una bella sfida cercare risposte a queste domande non confidando nei consueti metodi di lavoro e di ricerca, ma ora più che mai sono pronta e consapevole di dover solo lasciar spazio nella mente e nel cuore, spazio libero da colmare, nei giorni di marcia, con le parole preziose di quanti incontrerò lungo il cammino.