Insegnamento on-line   

Modulo 12 - La relijoun

In poc da leire

Un po' di letteratura

In poc da leire
franco-provenzale


Eitisse de storia de la Madona dou Rouchameloun


Bonifacio Rotario, nobil de Ast, din lou 1358, l'a pourtà sut la mountanha sacra, asì a l'epoca, per la val Suza, in tritic an brounz, inchidù, avei lou ritràt de la Madona. A ière in vout per la grasia outenouâ, perquen l'avàt rivouljuse a Lhei per eise salvà, corra ou ière preizounìe, apré inna crochiata countra li Turc.
Rampiese i quì amoun, imprèiza ardià per si ten lài, ière pa fachil è ou l'at prouvai buì col è, lou permìe stembre 1358, lou riccho nobil, qu'ou l'avàt asì in palass a Suza, ou t'arivà an pouinta è l'at asì fèit inna pechita chapèla, voulent counsacré la mountanha a la Madona.
D'ant' l'oura, lou Rouchameloun, ou l'at vit in baroun de pelegrinajo; t'ità coustrùi asì in rifujo, mandà "Cà d'Ast", per anvizese dou post andounque Bonifacio l'avat fermase, a 2854 m., lou permìe col qu'ou l'avat charchà de mounté.
Din lou1895, lou preiri de Suza, lou canonic Tonda Antonio, l'a-t avù l'ideia de far fare inna statoua sut la pouinta è l'at dounà l'incaric de realizela aou proufesour Ghirardi è a lou scultour Stuardi.
Avei l'ajut de li meinà d'Italia, sal dou Beato Vëscou, Edoardo Rosaz è, apré di valijon è de li Alpini, lou gront monument an brouns de la Madona avéi li brass divert, t'ità bità sut la sacra mountanha., a 3835 m.
Ière lou 1899. A si pìe, din inna cashëtta, a ièt tuit li no di meinà qui l'on dounà li sordi. Apré l'on angrandise la chapèla sut la Pouinta è li rifugi; t'ità fèit a Moumpantìe in Santouari è, countinue, sensa livré, la devousion a la Vergine qui vien mandà Notra Dona dou Rouchameloun, Madona de la Néi, proutetris di counfin d'Italia è de la Val Suza.


sente

italiano


Gocce di storia della Madonna del Rocciamelone



Bonifacio Rotario, nobile di Asti, nel 1358 portò, sulla montagna già sacra per la Val di Susa, un trittico in bronzo, cesellato, con l'effige della Vergine. Era un voto per la grazia ottenuta, perché con fede si era rivolto a Lei per aver salva la vita, durante la prigionia, dopo una crociata contro i Turchi.
La scalata, impresa ardita per quei tempi, fu tentata due volte e, il !° settembre 1358, il ricco nobile, che possedeva anche un palazzo a Susa, raggiunse la vetta e vi costruì una piccola cappella, volendo consacrare il monte alla Madonna.
D'allora, il Rocciamelone fu meta di pellegrinaggi ; venne costruito anche un rifugio chiamato "Cà d'Asti " in ricordo del luogo dove Bonifacio si arrestò, a quota 2854 m., durante il primo tentativo di salita.
Nel 1895, il prevosto di Susa, Canonico Tonda Antonio, ebbe l'idea di far costruire una statua sulla cima, affidando al professor Ghirardi e allo scultore Stuardi l'incarico di realizzarla. Con il contributo dei bimbi d'Italia, l'aiuto del Beato Vescovo, Monsignor Edoardo Rosaz e, poi, di valligiani e di Alpini, il grande monumento in bronzo della Vergine con le braccia aperte, venne eretto sulla sacra montagna, a 3538 m. . Era il 1899. Ai suoi piedi, in una cassetta, i nomi dei bimbi che diedero il denaro. Si ampliarono, successivamente, la cappella sulla Vetta e i rifugi; si costruì a Mompantero, un Santuario e continua, ininterrotto , il culto alla Vergine che viene invocata Nostra Signora del Rocciamelone, Madonna delle Nevi, protettrice dei confini d'Italia e della Val Susa.