Insegnamento on line   

Modulo 10 - La cuzinna

In poc da leire

Un po' di letteratura

franco-provenzale


Ricette di Gravere di Silvana Morello


Torta d’èrbe

Senque i vente:

- pasta lievitâ
- tartiffle
- sive
- bourache
- folhe de cote
- spinas
- pieransoumma
- in uvve
- sal
- nouèiza mouscâ
- olho

Fare fricasé le tartiffle avèi le sive. Sbulhèntì le ooutre verdurre: li bourache, le cote, li spinas; talhé a pechit toc, pasele din la pela è a la fin anjountéie la pieransoumma chapoutâ.
Léisé venì frat, mèiclé in uvve, in pessioun de sal è gratéi in poc de nouèiza mouscâ.
Eitiré bén la pasta lievitâ , bitéi sut lou riplén da inna part, arplié sut la pasta avansâ e saré bén li bord. Fouraté in poc avéi na fourchëtta è anfourné din lou forn bén choout è leisé fin-a corra la pasta i couèita. Se minge onca tebia.

sente



Fricandò

I vèit:

chert ( de vacha, de pouerc….)
tartiffle
sive
alh
gueust : ginèivro, ourìe, roumanin
inna marmitta

Fare fricasé la chert talhâ a pechit toc è farla rousîé ben; biteîe in peshoun de sal, anjouinteîe inna siva chapoutâ, inna fleccha d’ alh è inna crelhà de counserva de toumatique; na folha d’ ourìe, in toc de roumanin, è in poc per col, de boulhoun o d’éiga . Fariò couéire a pechit fuvve.
A meità couturra, biteîe de tartiffle talhà a gros caroun, è, se a ièt bezonh, incò in poc d’ éiga o de boulhoun. Countinué a pechit fuvve.

sente

italiano


Torta d’èrbe

Occorre:
- pasta lievitata
- patate
- cipolle
- borraggine
- foglie di bietole
- spinaci
- prezzemolo
- un uovo
- sale
- noce moscata
- olio
Fare friggere le patate con le cipolle. Sbollentare le altre verdure : la borragine, le bietole, gli spinaci; tagliarle a piccoli pezzi, passarle in padella e alla fine aggiungere il prezzemolo tritato.
Lasciare raffreddare, mescolare un uovo, un pizzico di sale e grattugiare un po’ di noce moscata.
Stendere bene la pasta lievitata, mettere il ripieno da una parte e ripiegare sopra la parte rimanente e chiudere bene i bordi. Bucherellare la pasta con una forchetta e infornare nel forno ben caldo. Lasciare fino a quando la pasta è cotta. Si mangia anche tiepida.





Fricandò

Occorre:

carne ( di mucca, di maiale…)
patate
cipolle
aglio
erbe aromatiche: ginepro, alloro, rosmarino
una casseruola

Fare soffriggere la carne tagliata a piccoli pezzi e rosolarla bene; metterci un pizzico di sale, aggiungere al soffritto una cipolla tagliuzzata, uno spicchio d’aglio e una cucchiaiata di conserva; una foglia di lauro, un pezzo di rosmarino, e un po’ per volta, del brodo o acqua. Far cuocere il tutto a fuoco lento.
A metà cottura, unirvi le patate tagliate a grossi pezzi, e, se occorre, ancora un po’ d’acqua o brodo. Proseguire la cottura a fuoco lento.