Da piazza dell’Ala a Melle (m 683), si passa attraverso il Borgo del concentrico, si raggiunge la Cappella di San Lazzaro sulla via Provinciale verso Frassino. Si percorre a tratti la strada asfaltata e l’antica via di valle fino a borgata Prato (m 752), un borgo che conserva in parte la sua antica struttura a ricetto. Qui, sui muri di due abitazioni, si possono ammirare i dipinti di Jòrs Boneto da Paesana datati 1811.
Proseguendo a monte sulla pista forestale di recente costruzione, si raggiunge la località Pralong, dove sorge un maestoso castagno secolare, protetto dalla Regione Piemonte.
Nelle vicinanze sorge borgata Fini (m 881) in stato di abbandono da alcuni decenni; vi si trovano alcune stalle con una caratteristica struttura a volta. Attraverso una mulattiera si sale a borgata Berti (m 984) situata su un poggio in una zona panoramica. Il nucleo abitativo antico sorge a valle del campanile ed ha ancora una vaga forma di ricetto. Poco distante, sulla via del ritorno, troveremo la cappella di San Bernardo (m 980). Sul selciato, davanti alla porta di ingresso, si trova un mosaico realizzato con ciottoli del torrente Varaita.
Proseguendo sulla strada carrozzabile si fa ritorno a Melle passando attorno alle borgate di Cornaglia e Bodreri (m 816), due antichi borghi dove si possono ammirare portali megalitici e caratteristiche finestre.