Portal Francoprovensal    Francoprouvensal

invia mail   print document in pdf format

La fioca rouss - ITA

La fioca roussa - FRP

MASQUE IN DANZA - Balli e ballate in lingua francoprovenzale, su musiche originali di Ugo Ala, legati al mon- do delle “Masque” e delle “ Counte” loro dedicate

La fioca rouss - ITA
italiano

- Vicino al lago sotto l’Autaret, una graziosa pastorella faceva girare la testa a tutti i ragazzi degli alpeggi e paesi vicini: ma a tutte le profferte amorose, rispondeva con un gentile gesto di diniego.

- Uno di questi giovanotti, innamorato a tal punto da dimenticarsi sempre degli armenti sui pascoli, le domanda quando arriverà il giorno in cui lei acconsentirà a prenderlo come sposo e la risposta, immancabilmente, è “ci sposeremo quel giorno in cui nevicherà rosso”!

- Questa risposta non rimane, però, inascoltata e il vento dei monti, impietositosi, si reca fino ai deserti lontani, oltre il mare e gli oceani, e di quì soffia via la sabbia e la trasporta fino sui ghiacciai da dove era giunto.

- E così, il mattino dopo, la pastorella portando al pascolo le sue bestie, vede sul ghiaccio una grande macchia rossa, e pur senza capire lo strano fenomeno, deve acconsentire alla proposta di matrimonio.

franco-provenzale

1. Giù dal lagh ëd l’Autaré pasturand, na pasturela, rissolin-a trovatela – tuti ij fieuj l’avìa daré.

2. “Veuli dene sotbrassëtta? Veuli vnì con noi a spass?” Con sinch dìi dë dnans al nas a-j fasìa na piroëtta.

3. Su da n’Alp, bel montagnard lassa perde fèje e crave: ël sò cheur a l’é malave ancharmà dal prim ësguard

4. “Quand sarà col dì mia bela, ch’im pijreve për ëspos?” A-j rispond la barivela: “Oh! Col dì ch’a fiòca ross ...”

5. La rijada s’a l’é sclin-a! Montagnard la varda e a tas. Magonà, sensa ... meisin-a as në torna ant ël sò giass.

6. Ven, curios, ël vent dai mont a docé su sti caprissi, ma sentend ampietosissi fila giù vers l’orisont.

7. E as në va lontan lontan dov ël ciel a l’é pi duvert, dòp ël mar e l’oceàn vers la piana dël desert,

8. E la sabia pi bujenta a la sofia a l’andaré, a la sofia ant la tormenta fin-a lì su col giassé ...

9. La matin, quandi ch’a possa le soe bestie a la bialera, su la fiòca la bërgera vëd na grand macia rossa ...

10. Ambajà da col miraco resta lì sensa capì, ma al galant, oh giurabaco, l’ha dovuje dì che ‘d sì.