Portal d’Occitània    Letteratura occitana

invia mail   print document in pdf format

Masino Anghilante - Poesie e canti

Zia Caterina

Danda Talina

di Masino Anghilante

Zia Caterina
italiano Scende, per il viottolo, 

il mattino di buon'ora;

Zoppicando, con il suo bastone, 

per la prima messa;

il fazzoletto a fiori sul capo bianco; 

Lo scialle ricamato sulla veste nera;

Ma Vi riconosco ancora Nonna Caterina!

il tempo passa ma non siete cambiata.

Rit.

Nonna, Nonna Caterina,

la gioventù avete ancora scritta sulla fronte. 

Vi dissetate alla fonte (pura).

Nonna, nonna Caterina, 

mi fate ricordare il bel tempo,

il piú bel tempo che fu.

Ella mi fa ricordare:

la sua bella casetta, il gregge,

mucche e vitellini, latte e burro

nella sua cantina; 

I suoi prati verdi, il suo ruscelletto,

i miei calzoni strappati sul ciliegio.

Ma ora è rimasta con una gallina, 

ed è contenta come quarant'anni fa.
occitan Ilh ven ju per lo viòl

lo matin ben bonora,

en sopeteant, bo siu baston,

per la messa premiera;

lo mochet florejat

se la testa blanca,

lo tricòt ricamat se la còta niera;

mas vos conoisso encà, danda Talina!

Lo temp passa,

mas vos setz pas chambiaa.

Rit.

Danda, Danda Talina,

la joventut avetz encà escricha

se la front.

Vous bevetz l'aiga de la font.
Danda,
Danda Talina, vos me fasetz

navisar lo bèl temp,

lo pus bèl temp passat.

Ilh me fai navisar:

la sia bèla casòta,

lo tropèl, vachas e veèls, 

lach e bur ente la sia cròta; 

lhi sie prats tuchi vèrds, 

la sia bealiera, lhi mias braias eschancaas

se la ceresiera.

Ma eira ilh es restaa bo na jalina, 

ma ilh es contenta

coma quarant'an fa.



Zia Caterina

Danda Talina

di Masino Anghilante

Zia Caterina
italiano Scende, per il viottolo, 

il mattino di buon'ora;

Zoppicando, con il suo bastone, 

per la prima messa;

il fazzoletto a fiori sul capo bianco; 

Lo scialle ricamato sulla veste nera;

Ma Vi riconosco ancora Nonna Caterina!

il tempo passa ma non siete cambiata.

Rit.

Nonna, Nonna Caterina,

la gioventù avete ancora scritta sulla fronte. 

Vi dissetate alla fonte (pura).

Nonna, nonna Caterina, 

mi fate ricordare il bel tempo,

il piú bel tempo che fu.

Ella mi fa ricordare:

la sua bella casetta, il gregge,

mucche e vitellini, latte e burro

nella sua cantina; 

I suoi prati verdi, il suo ruscelletto,

i miei calzoni strappati sul ciliegio.

Ma ora è rimasta con una gallina, 

ed è contenta come quarant'anni fa.
occitan Ilh ven ju per lo viòl

lo matin ben bonora,

en sopeteant, bo siu baston,

per la messa premiera;

lo mochet florejat

se la testa blanca,

lo tricòt ricamat se la còta niera;

mas vos conoisso encà, danda Talina!

Lo temp passa,

mas vos setz pas chambiaa.

Rit.

Danda, Danda Talina,

la joventut avetz encà escricha

se la front.

Vous bevetz l'aiga de la font.
Danda,
Danda Talina, vos me fasetz

navisar lo bèl temp,

lo pus bèl temp passat.

Ilh me fai navisar:

la sia bèla casòta,

lo tropèl, vachas e veèls, 

lach e bur ente la sia cròta; 

lhi sie prats tuchi vèrds, 

la sia bealiera, lhi mias braias eschancaas

se la ceresiera.

Ma eira ilh es restaa bo na jalina, 

ma ilh es contenta

coma quarant'an fa.