Enti in rete L.482/99   

Marco Mastrocola - Poesie

Radice

Rèiç

di Marco Mastrocola

Radice
italiano

Il ragazzo che sale
da lontane valli
per ricercar la via
del suo giovane amore
Si siede silenzioso
presso una vecchia roccia
E prova qualcosa
che non si sa spiegare
Sarà quest'aria fine
di montagne alte
Sarà il desiderio sano
di accendere il fuoco
Sentir parlare a la modo
e bere vino alla sera
O soltanto la mancanza
di qualche antico valore
Ruderi nascosti gli raccontano
di un tempo che non ha conosciuto
Sono la storia di una volta,
di quel che siamo noi oggi
Ma finchè l'acqua scende,
finchè la neve cade,
O il sole sorge,
o scenderà la notte
Madre Terra parla,
sembra dire al figlio:
“Io sono il folle trovatore
che ride, piange e canta
E sono il tuo nome, la tua vita
la tua donna, giovane amore,
E sono il tempo che passa
e quello che verrà.”

occitan Lou filh quë al mounto
da valade luënhe
Për sërchà la vìo
dë soun jouve amour

Së séto quiét dapè
Dë 'no rocho vìëlho
E al sënt carcozo
quë al së sò pa spiëgà

Sërè quëst'aouro fino
dë mountanhe aoute
Sërè la vùëlho sano
dë viscà lou fùëc

Sënte parlà la modo
e beoure dë vin la séro
Ou mèc l'avè damonco
dë carque vìëlh valour

Chazal strëmò lhi countën
dë ën tëmp pa counisù
Dë ën viage soun la storio
dë lon quë ëncùe sén nous

Ma fin quë l'aigo i calo,
Fin cont i chai la neou,
Ou lou soulélh al mounto,
ou calërè la nùëch

Mare Tero i parlo,
sëmëlho di a lou filh:
"Mi siou lou fol troubaire
quë al ri, al piouro e al chanto
E siou toun nom, ta vito,
ta fëmmëno jouve amour
E siou lou tëmp quë al vai
e quel quë al vënërè."


Marco Mastrocola - Ounçin, 27 Jenìe 2001