Enti in rete L.482/99   

Marco Mastrocola - Poesie

Il prigioniero

Lou Prisouníe

di Marco Mastrocola

Il prigioniero
italiano

Straniero al mio nome e al mio volto
Morto nella terra dei vivi
Vedo passare un angolo di vita
Che non posso toccare
Sono colui che perde la guerra
senza essere soldato
Sono il povero e il vecchio
e l'oggi senza domani
Il pane di un giorno
non mi aprira' la porta
se volterai la schiena
per tornare alla tua verita'
perche' il mio dolore
e' una prigione aperta
che mi scende addosso
come il freddo della notte
e soltanto la tua mano amica
mi portera' calore e luce
quando con un filo di voce
mi chiamerai ancora Uomo.

Pino Torinese, 31 gennaio 2005

occitan Fourëstíe a moun nom e a moun moùëre.
Mort ënt la tèro di viou
Véou pasá ën cantoun dë vitto
quë pèi pa touchà

Síou quél quë al pèrd la gouèro
sënso ese sourdò
Síou lou paoure e lou viëlh
e l'ëncue sënso dëmòn

Lou pon d'ën joùërn
m'urbërè' pa l'ui
së virërès la schino
për tournà a ta vritò

përqué moun sacrin
l'é na prisoun ubèrto
qu'i më calo dë su
coummo lou frèid d'la nùëch

e méc ta mon amiso
më portërè calour e quiar
cont bou 'n fil dë vous
më dëmondërès ëncà «Óm » .