Chambra d'Òc    Manifestazioni Eventi e Novità

invia mail   print document in pdf format

Manifestazioni Eventi e Novità

Moun paî, ma lëngo e ma gen / Il mio paese la mia lingua e la mia gente

Moun paî, ma lëngo e ma gen

raccolta di poesie del vate di Fenils, frazione di Cesana

italiano

In occasione della Giornata delle lingue minoritarie che si terrà a Oulx il prossimo 5 ottobre, nell'ambito dei festeggiamenti della tradizionale Fiera Franca, presso l'auditorium dell'Istituto Scolastico Des Ambrois, sarà presentato il lavoro di Riccardo Colturi “Moun paî, ma lëngo e ma gen / Il mio paese la mia lingua e la mia gente” con prefazione di Matteo Rivoira.

Si tratta di una raccolta di poesie del vate di Fenils, frazione di Cesana Torinese, pubblicata da Chambra d'Oc, che cura i Progetti promossi dalla Città Metropolitana finanziati dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri nell’ambito dei programmi degli interventi previsti dalla Legge 482/99: “Norme a tutela delle minoranze linguistiche storiche”, coordinato dall’Assessorato alla cultura della Regione Piemonte.

Protagonista principale del ciclo di poesie composte da Riccardo Colturi in lingua occitana è il borgo di Fenils, Finioou, villaggio dell’alta Valle della Dora, col suo campanile e il suo orizzonte racchiuso tra il Fraiteve e lo Chaberton. A chi vive, o ha vissuto, i tempi lenti della montagna non sarà difficile ritrovare nella descrizione del ciclico mutare dell’ambiente, o del manifestarsi del sole, del vento e della nebbia, altrettante epifanie della bellezza della natura.

Nei suoi versi, il poeta dell'Alta Valle della Dora canta la bellezza della montagna che reca traccia della vita di un tempo, del lento e sofferto lavorio dell’uomo per trarne di che vivere. Colturi è nell’intimo un contadino montanaro, ultimo di un lignaggio di uomini e donne che con amore e volontà, come descritto nella poesia Clapìe, hanno compiuto, uno dopo l’altro, l’antico gesto di levare la pietra dal prato per non rovinare la falce al prossimo sfalcio. Ma al contempo Colturi è anche il primo di una nuova generazione di montanari, che ha imparato ad apprezzare la montagna guardandola con occhi nuovi. La bianca distesa di neve è per lui, che è stato maestro di sci, anche invito a scivolare veloce e leggero sul manto immacolato, come ci spiega attraverso i versi di Foŕë pisto (Fuori pista).

Nelle poesie appare lo scontro tra due mondi diversi, dove all’uno, quello della montagna tradizionale, è toccato soccombere di fronte al modello di sviluppo orientato su modelli cittadini. Pur non avendo dovuto abbandonare la valle, Colturi vive anche lui la frattura tra il mondo di “prima” e quello di “adesso”.

La lingua occitana, come dice Matteo Rivoira dell'Università di Torino, che ne ha curato la presentazione, «diventa il veicolo per ristabilire un legame con quel mondo. I versi semplici di Colturi restituiscono la parlata dell’Alta Dora – alla quale egli ha dedicato tempo e amore – in modo autentico, senza purismi e senza farsi trasportare dal gusto per la parola ricercata. Temi e immagini sono commisurati a questa lingua, così perfetta e completa nel nominare l’ambiente e così parca nel dar voce ai sentimenti. Leggerli è farsi accompagnare in quell’angolo di mondo che il tempo lento e ciclico espande a dismisura ed è un invito a soffermarsi sulle piccole cose, per alcuni fortunati quotidiane, scoprendovi i ritmi essenziali della bellezza e della vita».

Riccardo Colturi, classe 1939, vive in Alta Valle della Dora a Fenils, Frazione di Cesana Torinese, collabora alla pubblicazione de I mulini cantavano (1994), Il latte non esce dalle corna (1997) e Toponimi del territorio di Fenils nell'antica parlata (2004) curati dall’Associazione Lë Clouchìe ëd lâ sin Bourjâ. Pubblica alcuni articoli sulle tradizioni locali per le riviste Valados Usitanos, La Valaddo e Piemontèis Ancheuj. Maestro di sci e poeta contadino, Colturi canta il suo paese, la sua terra e la sua gente in questa raccolta di poesie che ricopre l’arco temporale dal 1981 al 2019. Con le poesie Patouà e L'aiglo vince il primo premio del concorso letterario di Dolceacqua, rispettivamente nel 2011 e nel 2018.

occitan

En ocasion de la jornada d’las lengas minoritàrias que se tenerè a Ols lo 5 d’otobre que ven, durant lhi festejaments de la tradicionala Fiera Franca, a l’auditorium de l’Institut Escolàstic Des Ambrois, serè presentat lo trabalh de Riccardo Colturi “Moun paî, ma lëngo e ma gen” abo la prefacion de Matteo Rivoira.

Se tracta d’un recuelh de poesias dal poèta de Fenils, ruaa de Cesana, publicat da la Chambra d’òc que cura lhi Projècts promoguts da la Vila Metropolitana finançats da la Presidença dal Conselh di Ministres dins lo quadre di programas di intervents prevists da la Lei 482/99: “Norme a tutela delle minoranze linguistiche storiche”, coordinat da l’Assessorat a la cultura de la Region Piemont.

Lo protagonista principal dal cicle de poesias compausaas da Riccardo Colturi en lenga occitana es lo borg de Fenils, vilatge de l’auta Val Dueira, abo son cloquier e son orizont claus entre lo Fraiteve e lo Chaberton. A qui viu, o a viscut, lhi temps lents de la montanha serè pas difícil retrobar dins la descripcion dal cíclic mutar de l’ambient, o ental se manifestar dal solelh, dal vent e de la nebla, autant d’epifanias de la belessa de la natura.

Dins si vèrs, lo poèta de l’ auta Val Dueira chanta la belessa de la montanha, que pòrta la traça de la vita d’un temp, dal lent e sufèrt trabalh de l’òme per ne’n traire son viure. Colturi es dins son anma un païsan montanhard, darrier d’un linhatge d’òmes e fremas que abo amor e volontat, coma descrich dins la poesia Clapìe, an complit, un après l’autre, lo vielh gèst de gavar la peira dal prat per pas esquintar lo dalh a la dalhaa que ven. Mas an un bòt Colturi es decò lo premier d’una nòva generacion de montanhards, que a emprés a apreciar la montanha en la gachant abo d’uelhs novèls. La blancha estendua de neu es per el, que es magistre d’esquí, deco un envit a esquiñhar lèst e legier sal mantèl immaculat, coma nos explica a travèrs lhi vèrs de Foŕë pisto.

Dins las poesias apareis lo rescontre entre dui monds diferents, ente a un, aquel de la montanha tradicionala, es tochat sucómber derant lo modèl de desvolopament orientat sus de modèls citadins. Bèla se a pas degut abandonar la valada, decò el viu la fractura entre un mond de “derant” e aquel d’“aüra”.

La lenga occitana, coma ditz Matteo Rivoira, de l'Universitat de Turin, que n’a curat la presentacion, «deven lo veïcul per restablir un liam abo aquel mond. Lhi vèrs simples de Colturi restituïsson la parlada de l’Auta Duieira – a la quala l’òme a dedicat de temp e d’amor – d’un biais auténtic, sensa purismes e sensa se far transportar dal gust per la paraula recerchaa. Lhi tèmas e las images son commesurats an aquesta lenga, tan perfècta e completa ental nominar l’ambient e tan paura ental donar vòutz ai sentiments. Lhi léser es se far acompanhar dins aquel canton de mond que lo temp lent e cíclic espand a desmeura e es un envit a s’entrefermar sus las pichòtas causas, per d’uns fortunats quotidianas, en lhi descurbent lhi ritmes essencials de la belessa e de la vita».

Riccardo Colturi, classa 1939, viu en aulta Val Dueira a Fenils, ruaa de Cesana, collàbora a la publicacion de I mulini cantavano (1994), Il latte non esce dalle corna (1997) e Toponimi del territorio di Fenils dins la vielha parlada (2004) curats da l’associacion Lë Clouchìe ëd lâ sin Bourjâ. Pública qualqui articles sus las tradicions localas per las revista Valados Usitanos, La Valaddo e Piemontèis Ancheuj. Magistre d’esquí e poèta païsan, Colturi chanta son país, sa tèrra e sa gent dins aqueste recuelh de poèsias que coata l’arc temporal dal 1981 al 2019. Abo las poesias Patouà e L'aiglo ganha lo premier prèmi dal concors literari de Dolceacqua, respectivament ental 2011 e ental 2018.