Chambra d'Òc    Manifestazioni Eventi e Novità

invia mail   print document in pdf format

Manifestazioni Eventi e Novità

Grazie Masino

Gràcias Masino

di Valter Giuliano

italiano

Per l’ultimo saluto è tornato all’antica bottega di macellaio nella sua amata Sampeyre che gli aveva dato i natali cent’anni fa. Il compleanno per festeggiare il secolo era stato ancora una volta un bagno di affetto da parte della sua comunità, circondato dai parenti ma anche da una folla di amici che andavano ben oltre la sua generazione per incrociare quelle di tanti suoi allievi, cullati e cresciuti nell’abbraccio delle sue note. I più giovani di loro, cresciuti ai suoi corsi condotti con passione, amore e perseveranza erano arrivati a tributargli un omaggio che lo aveva commosso, senza togliere lucidità alle parole dei ringraziamenti pronunciate con occhi colmi di felicità, di amore e di riconoscenza e lo sguardo rivolto alla sua Giovanna.

Infinito Masino, poeta universale e non solo delle sue valli, che ci ha regalato testi nella lingua preziosa degli antenati che i figli hanno contribuito a riscoprire e a mantenere viva. Fu commovente premiarlo come Testimone nazionale della Cultura Popolare sul palco del Piccolo Regio di Torino nel 2008. Ma ancor più incontralo qualche tempo dopo, nella sua abitazione nel centro di Cuneo, per una chiacchierata indimenticabile nella quale mi raccontò la sua vita e la sua arte sotto lo sguardo vigile, partecipe della sua amata Giovanna, pronta a correggere con garbo, precisare, aggiungere dettagli ai ricordi di una vita trascorsa fianco a fianco. Mi è restata impressa l’immagine di loro due a braccetto che alla fine dell’incontro si avviano trascinando l’amplificatore caricato su un piccolo carrello, verso il centro anziani per una partita a carte e per portare qualche nota di allegra spensieratezza capace di alleviare, per un momento, la maliconica solitudine degli ospiti. Ho imparato che la generosità è virtù che distingue le persone: e giunti a un certo punto della vita si comincia a scartare chi non la sa praticare.

Masino è stato generoso di musica e di poesia che ha dispensato, senza compenso che non fosse la soddisfazione di regalare istanti di felicità, a tutti. Al punto che ancora oggi nelle poche osterie rimaste nelle nostre valli e a conclusioni delle feste delle comunità, scandite dal piacere antico del canto corale, Masino è nell’aria con le sue note e le sue parole spuntate dal profondo dell’anima. Spesso in maniera anonima, che se chiedi ai cantori spontanei impegnati a tramandare quelle canzoni, ti rispondono che si tratta di motivi della tradizione che si perdono nella notte dei tempi.

Masino ridacchia sotto i baffi, anche se i primi a rivelarti la sua soddisfazione e l’orgoglio di esserne lui l’autore, già considerato un classico, sono gli occhi scaltri che sono capaci di raccontare la vita di tutti i giorni con la forza di contenuti che altri sentono il piacere e la voglia di condividere e tramandare.

Non si offende affatto se l’interpretazione non è proprio quella originale. «Si diventa popolari - commentava - proprio quando ognuno fa talmente suo il motivo che si sente libero di darne una interpretazione personale, una versione che contiene variazioni sul tema. È segno che la canzone è sentita, ha fatto breccia. Quello che ho scritto e musicato l’ho regalato a tutti. Questo mi rende felice. Cantatelo e suonatelo come vi pare. In alto il bicchiere! Buona musica e buona vita a tutti! Felicità!». Era fatto così Masino. E mentre raccontava, sorrideva con gratitutine ai ricordi di una vita fatta di lavoro, di affetti famigliari e della tanta buona musica che ha composto.

Il suo è un ricordo vivo, che si rinnova ogni volta che apro i libri con i testi poetici che mi donò. O quando ascolto i suoi brani, in una delle tante interpretazioni della galassia musicale occitana in costante rinnovamento, che attinge con devozione al repertorio di Masino Anghilante. Tra le pagine di Ciaminà e pensà ho conservato il regalo prezioso di quel giorno: lo spartito di La charamaio mai”. Si avvicina il Natale, i giorni che portano all’Anno Nuovo. Forse arriverà anche la neve. Riascolterò quella poesia messa in musica che è rimasta incisa nel mio cuore. 

Scende pian piano la bianca neve / e si sente lontano lontano / nella notte un cane abbaiare. /  L’inverno è lungo quassù sulle montagne / il freddo è pungente / gelano i piedi, il viso, le mani. / Nevica ancora, nevica ancora / sui tetti, sul viottolo, sulla bealera / i gatti miagolano d’amore sopra sul fienile./ Stasera facciamo la veglia / belle ragazze...

Quest’anno, credo, non riuscirò a trattenere lo scendere di una lacrima. 

Ciao Masino, e grazie di tutto!

occitan

Per lo darrier salut es tornaa a la vielha botiga de maselier de son amaa Sampeyre ente es naissut fai cent ans. L’aniversari per festejar lo sècle era istat encara un bòt un banh de grinor da part de sa comunitat, entornat da lhi parents mas decò da una fola d’amís que anavon ben al delai de sa generacion per encrosear aquela de tanti sius estudiants, cunats e creissuts dins l’abraç de sas nòtas. Lhi pus joves d’ilhs, creissuts a si cors menats abo passion, amor e perseverança eron arribats a tributar-lhi un omatge que l’avia esmogut, sensa gavar de luciditat a las paraulas di rengraciaments prononciaas abo d’uelhs plens de bonaür, d’amor e de reconoissença e l’esgard virat vèrs sa Giovanna.

Infinit Masino, poèta universal e ren masque de sas valadas, que nos as regalat de tèxtes dins la lenga preciosa de ti reires que lhi filhs an contribuït a tornar descurbir e a manténer viva. Es istat esmovent premiar-lo coma Testimòni nacional de la Cultura Populara sal palc dal Piccolo Regio de Turin ental 2008. Mas encara de mai encontrar-lo qualque temp après, dins son abitacion ental centre de Coni, per una chacharada indesmentiabla ente me contiet sa vita e son art dessot l’esgard atent, participatiu de son amaa Giovanna, prompta a corrèger abo gaubi, precisar, jontar de detalhs ai recòrds d’una vita passaa da cant. M’es restaa gravaa l’imatge de lor dui en braceta que a la fin de l’encòntre s’enchaminon en rabelant l’amplificator charjat sus un pichòt carrèl, vèrs lo centre ancians per ‘na partia a cartas e per portar qualque nòta d’alegra insociança capabla de solatjar, per un moment, l’estantosa solituda di òstes. Ai emprés que la generositat es una virtut que distinguís las personas: e arribats a un cèrt ponch de la vita un comença a escartar qui la sa pas practicar.

Masino es istat generós de música e de poesia que a dispensat, sensa gis de compens que foguesse pas la satisfaccion de semóner d’instants de bonaür, a tuchi. A la mira que encara encuei dins lhi gaires òstes restats dins nòstras valadas e a la fin d’las fèstas d’las comunitats, escandias dal plaser antic dal chant coral, Masino es dins l’aire abo sas nòtas e sas paraulas esponchaas dal fons de son anma. Sovent d’un biais anònim, que se demandes ai chantors espontàneus empenhats a transméter aquelas chançons, te respondon que se tracta de motius de la tradicion que se pèrdon dins la nuech di temps. Masino rechinha dessot lhi barbís, bèla se lhi premiers a te revelar sa satisfaccion e l’orguelh de n’èsser ele l’autor, já considerat un clàssic, son lhi uelhs astuciós que son bòns a contiar la vita de tuchi lhi jorns abo la fòrça de contenguts que d’autri senton lo plaser e la vuelha de partatjar e de transméter.

S’ofend pas se l’interpretacion es pas pròpri aquela originala. «Un deven popular – comentava – pròrpi quora chascun fai talament siu lo motiu que se sent libre de lhi donar un’interpretacion personala, una version que conten de variacions sal tèma. Es lo senh que la chançon es sentua, a chapat. Çò que ai escrich e musicat l’ai regalat a tuchi. Aquò me rend aürós. Chantatz-lo e sonatz-lo coma voletz. En aut lo bichèl! Bòna música e bòna vita a tuchi! Felicitat!». Era fach coma aquò Masino. E dal temp que contiava, soriïa abo gratituda ai recòrds d’una vita facha de trabalh, d’affeccions familiaras, e da la tanta bòna música que a compausat.

Lo siu es un recòrd viu, que se renòva chasque bòt que duerbo lhi libres abo lhi tèxtes poètics que m’a donat. O quora escòuto si tòcs, dins una d’las tantas interpretacions de la galàxia musicala occitana en contun renovament, que pren abo devocion dal repertòri de Masino Anghilante. Entre las pàginas de Chaminar e pensar ai gardat lo regal preciós d’aquel jorn: la particion de “La charamalha mai”. Lo Deneal s’avesina, lhi jorns que menon a l’An Novèl. Benlèu arribarè decò la neu. Escotarei mai aquela poesia butaa en música que es restaa gravaa dins mon còr.

La cala ju plan plan, plan plan, la blancha neu / e la se sent daluenh, daluenh / ent la nuech un chan a japar / L’uvèrn es long aicí amont si montanhas / la freid es secha / la jala lhi pè, lo morre , lhi mans. / La charamalha mai, la charamalha mai / si cubèrts, sus lo viòl, sus la bealiera / lhi chats nhaunhen d’amor ailamont s’la iera. / Esto sera fasem la velhaa / bèlas mendias...

Aquest’an, creo, arribarei pas a conténer lo calar d’una grima.

Chau Masino, e gràcias de tot!