Enti in rete L.482/99   

Macra

L'Arma

Macra
italiano Macra è un comune di 60 abitanti che si trova nel cuore della media Valle Maira a 875 metri di altitudine, costituito da 17 borgate e frazioni, tra cui Camoglieres, Caricatori, Langra, Pradogana, Villar, Villetta, Albaretto, Aramola, Chiatignano, Colletto, Palent. Il toponimo Macra è recente e fa riferimento al nome della valle e al torrente che la percorre. Macra nasce infatti come comune amministrativo nel 1928 dalla fusione di Alma e Albaretto, divenuti comuni autonomi nel 1602, precedentemente accorpati sotto il nome di Alma. Etimologicamente Alma è probabilmente variante del celto-ligure balma che significa grotta, cavità, riparo sotto la roccia. Dominio dei marchesi di Saluzzo, pur godendo delle autonomie concesse ai dodici comuni dell’alta valle mediante gli statuti del 1254, con l’arrivo dei Savoia fu dato in feudo a Gioia d’Asti. Il territorio particolarmente impervio non ha mai offerto molte opportunità economiche. Gli abitanti cercarono di adattare i versanti scoscesi dell’agricoltura costruendo terrazzamenti dove si coltivava segale, orzo, grano saraceno, patate e anche la vite. Fin dal Settecento gli abitanti iniziarono ad emigrare, prima stagionalmente e in seguito definitivamente. Molti abitanti di Macra partirono per praticare il mestiere dell’acciugaio e quello del bottaio, due dei tradizionali mestieri itineranti della Valle Maira. Oggi il turismo si sta sviluppando soprattutto grazie ai percorsi escursionistici, come Il sentiero dei ciclamini e quello della fede che si sviluppa tra Macra e il comune limitrofo Celle di Macra.
Una parte del territorio del comune di Macra è caratterizzata dalla presenza dell’unica stazione botanica in Piemonte dell’Euphorbia valliniana Belli, raro endemismo botanico. Per l’importanza di questa essenza è stato istituito un Sito di Interesse Comunitario, dove crescono anche altre endemismi, come il cyclamen purpurascens, o ciclamino delle Alpi, e la chaenorrhinum origanifolium, o linaria piemontese.
Di notevole interesse storico e culturale sono le due cappelle di Macra: San Salvatore, risalente alla prima metà del XII secolo, è il più antico edificio religioso della valle, ed è dedicata a Gesù Salvatore. La sua struttura esterna è semplice, con facciata a vela, portico sorretto da due pilastri rotondi, abside semicircolare e campaniletto a vela con due monofore. Al suo interno ci sono due preziosi cicli di affreschi, uno del 1200 raffigurante scene della Bibbia e l’altro più recente con tema gli apostoli sovrastati da un Cristo in mandorla. La piccola cappella di San Pietro, posta sulla mulattiera che conduce a borgata Villar, è una semplice costruzione del XIII secolo con portico, che svolse in passato la funzione di riparo per pellegrini, dogana e forse lazzaretto durante le pesti. Al suo interno conserva numerose decorazioni pittoriche della seconda metà del XV secolo, opera dei fratelli Biasacci. Spicca, per la rarità del tema iconografico, una danza macabra, in cui religiosi, dame e cavalieri si accompagnano a scheletri in un girotondo di morti e vivi, che ricorda l’ineluttabilità della morte.
occitan L’Alma es una comuna de 60 abitants que se tròba ental còr de la Val Maira a 875 metres d’autessa, formaa da 17 ruaas e fracions, coma Camolheras, Charjaors, En charva, Prat Dogan, Vilar, Vileta, Albaret, Aramo, Chatinhan, Colet, Palent. Lo topònim Macra es modèrn e arpilha lo nom de la val e del riu que la percor. Macra nais defach coma comuna administrativa ental 1928 da la fusion de l’Alma e de l’Albaret, devenguts comunas autònomas ental 1602, e jà acorpats sot lo nom d’Alma. Etimologicamente Alma es varianta del celto-ligur balma que vòl dir gròta, truna, sosta sot la ròcha. Domini di marqués de Saluces, godìa des autonomias des dotze comunas de l’auta valada gracias a lhi estatuts del 1254; abo lhi Savòia ven enfeudat a Gioia d’Asti. Lo territòri da mal cultivar a jamai ajuat l’economia. Lhi abitants an cerchat de trabalhar las ribas drechas realizant de terassas per cultivar seèl, uerge, frumentin, trifolas e decò la vinha. Fin dal Set Cents lhi abitants començon a emigrar, drant per l’estagion e puei per sempre. Ben d’abitants de L’Alma an praticat lo mestier de l’anchoier o del cibrier, dui tradiccionals trabalhs itinerants de la Val Maira. Encuei lo torisme s’esvilupa sustot gracias ai percors escursionistics, coma Lo viòl di ciclamins e aquel de la fe entre L’Alma e la vesina Celas.
Una part del territòri de la comuna es caracterizzaa da la presença de la soleta estacion botanica en Piemont de l’Euphorbia valliniana Belli, rar endemisme botanic. Per la sia importança es estat instituit un Site d’Enterés Comunitari, ente creisson decò autres endemismes, coma lo cyclamen purpurascens, o ciclamin des Alps, e la chaenorrhinum origanifolium, o linaria piemontesa.
De grand enterés istòric e cultural son las doas chapèlas de L’Alma: Sant Salvaor, de la premièra metat del XII secle, es lo pus antic edifici religiós de la val, e es dedicaa al Salvator. De fòra es simpla, abo façada a vela, pòrtic abo doas pilhas rotondas, abside semicirculara e pichòt cloquier a vela abo doas monòforas. Dedins garda dui preciós cicles de frescs, un del 1200 abo scenas de la Bibla e l’autre pus modern abo lhi apòstols e Crist. La pichòta chapèla de Sant Peire, s’la mulatiera que pòrta al Vilar, es una simpla construccion del XIII secle abo pòrtic, que es estaa decò pòst de sosta per pelerins, dogana e benleu lazaret per la pest. Dedins garda de pinturas de la seconda metat del XV secle, òbra di fraires Biasacci. S’empon, per la raritat del tema iconografic, una dança macabra, ente religiós, damas e cavaliers se companhon a d’esqueletres en una jòstra de mòrts e vius, que recòrda que la fin arriba per tuchi.