Enti in rete L.482/99   

Le Lingue madri

Terra della neve, terra dei prati

Tera dla nei, tera dli prà

Musica di Graziano Grua - anno 1999

Terra della neve, terra dei prati
italiano È nel 1999 che Graziano Grua, Valsoanino di radici ha composto il canto "Terra della notte, Terra dei prati" con l'idea di proporla come Inno franco provenzale.
Il canto è stato pubblicato nel cd "Le blé Ahteile" nell'interpretazione di Viola Sandrone, Renato Poletto, Graziano Grua. Parla di una tradizione ben viva che si rinnova ogni anno nel tempo in cui i valligiani di Ribordone e quelli della Val Soana, partendo dalle due opposte vallate, percorrendo due lunghi e suggestivi sentieri, si incontrano al "Pian dle Masche", ad oltre 2000 metri di altitudine. Questo incontro festoso, dall'intento fortemente fraternizzante, ha ispirato questa canzone, a simbolo di fraternità tra tutte le Valli Francoprovenzali. Il tema della canzone si svolge sul tema dell'amore per la mamma, ma subito, si trasforma in quello per la madre terra ravvisando in entrambi le madri gli stessi comportamenti d'amore verso di noi loro figli che, se anche dispersi, o lontanti, sempre abbiamo in cuore le loro bellezze, i tesori, le tenerezze, le atttenzioni, e tutto il reciproco amore.
Traduzione in lingua italiana
Un mantello ha mia madre
è di diamanti d'inverno
e d'estate è di smeraldi
e io sono il suo ricco figlio,
sotto il peso delle gerle
mi carezza coi suoi venti
fatiche pene ed affanni
li profuma coi suoi fiori.
Terra della neve Terra dei prati
alza bandiera (coraggio!)
tesori ne ho visti tanti
nessuno come Te.
E con un manto di stelle
i miei sogni son custoditi
io sono smpre suo figlio
il più piccolo dei suoi bambini,
nel sognare di suoi tesori
io mi sento un signore
al mio paese voglio restare
di mia vita tutto il tempo.
franco-provenzale Es dins lo 1999 que Graziano Grua, Valsoanin de socha a compausat lo chant "Tera dla nei, Tera dli prà" abo l'ideia de lo prepausar coma Imne franc-provençal.
Lo chant es estat publiat dins lo cd "Le blé Ahteile" dins l'interpretacion de Viola Sandrone, Renato Poletto, Graziano Grua. Al parla d'una tradicion ben viva que se renovèla chasque an al temp que lhi valigians de Robordon e aqueli de la Val Soana, en partent da doas diferentas valadas, en passant per de bels viòls, se rescontron al "Plan des Maschas" a mai que 2000 mt. d'autituda. Aquel rescontre festós, plen d'amistat a inspirat aquesta chançon, símbol de frairança entre totas las valadas Franc-provençalas. Lo tema de la chançon es l'amor per la maire, que se transforma per aquel de la maire tèrra en veient dins chascuna maire lhi mesmes comportament d'amor envers nosautres filhs que, mesmes desperduts, o daluenh, totjorn avem dins lo còr las lors beltats, lhi lors tesòrs, la lor atencion e la lor amor.
Version en lenga franc provençala
Un mantoel i at mia mama
O l'eth de diamant d'inver
E d'ihtà o l'eht d'esmerald
Guidjò dje sei son ric meinà, 
Sòt a le tchardje dli hahton
i me caresset entù son vent
Plurfie peine e mezent
I li parfumet entù sie fioeir.
Tera dla nei Tera dli prà
Aouhi bandieri
Trèzor n'ei vu que tenti
Gnuni me Te.
E ent'un mantoel d'ahteile
Mie soundjò i sont gouernà
Guidijò dje sei sempe son fi
Lo pi trì de sie meinà, 
en Soundjandò sie trezòr
Dje me senteisò un signor
A mon palò dje vé vihtar
De mia vita tòt lo ten.