Enti in rete L.482/99   

Le Lingue madri

La lingua francoprovenzale

La lenga francoprouvensala

La lingua francoprovenzale
italiano

Il termine “franco-provenzale” venne coniato nel 1873 dal glottologo Graziadio Isaia Ascoli, il quale, basandosi sull’evoluzione linguistica della A tonica latina (1) in sillaba libera, identificò le caratteristiche principali di questa lingua: «Chiamo franco-provenzale un tipo idiomatico, il quale insieme riunisce, con alcuni suoi caratteri specifici, più altri caratteri, che parte son comuni al francese, parte lo sono al provenzale, e non proviene già da una tarda confluenza di elementi diversi, ma bensì attesta la sua propria indipendenza istorica, ma guari dissimile da quelle per cui fra loro si distinguono

gli altri principi neo-latini» (2). Si tratta di un insieme di parlate anche molto diverse tra loro che tuttavia possiedono dei tratti distintivi che le rendono dissimili dal francese, dall’occitano e dal piemontese. Il francoprovenzale si sviluppò nella parte sud-orientale della Francia, nell’antica area d’influenza di Lione e coincise con l’area di insediamento dei Burgundi. Lugdunum, nominata capitale delle Gallie da Augusto, guidò inizialmente la romanizzazione dell’area (di sostrato celtico) e, divenuta capitale del regno dei Burgundi, la formazione successiva di questa nuova lingua neolatina. Con l’annessione di Lione alla Francia, avvenuta nel XIV secolo, la lingua d’oil divenne la lingua ufficiale del regno, segnando le sorti del francoprovenzale, ridotto a un insieme di dialetti parlati localmente.
Il gruppo linguistico francoprovenzale fa parte delle parlate galloromanze e occupa (o occupava) «in Francia la maggior parte dei dipartimenti della Loira e del Rodano, l’estremità sud-orientale del dipartimento della Saône-et-Loire, quella meridionale dei dipartimenti del Doubs e del Jura, i dipartimenti dell’Ain (ad eccezione dell’estremo lembo settentrionale), della Savoia e dell’Alta Savoia, la maggior parte di quello dell’Isère e le estremità settentrionali di quelli della Drôme e dell’Ardèche). Comprende poi la Svizzera romanda, o di lingua francese, ad eccezione del cantone del Giura, vale a dire: i cantoni di Neuchâtel, di Vaud, di Ginevra, la sezione romanza dei cantoni di Friburgo e del Vallese e la piccola regione posta tra il Lago di Bienne e la prima catena del Jura» (3).
L’area francoprovenzale in Italia comprende i dialetti delle vallate alpine del Piemonte occidentale (della provincia di Torino) che vanno dalla Val Sangone a sud, fino alla Val Soana, includendovi la Bassa Val di Susa, la Val Cenischia, le Valli di Lanzo (la Valle di Viù, la Valle d’Ala, la Val Grande) e la Valle Orco; quelli della Val d’Aosta, e delle isole linguistiche pugliesi di Faeto e Celle San Vito (FG), in cui si insediarono delle colonie francesi forse risalenti all’epoca angioina.


(1) L’esito francoprovenzale della A tonica latina in sillaba libera ben si differenzia dai fenomeni evolutivi che hanno interessato le altre parlate galloromanze (ovvero l’occitano e il francese). Nell’occitano, infatti, la vocale latina si conserva sempre (ad es. [cabro, pra] < lat. volg. CĀPRA, PRĀĀTU), mentre con il francese si assiste ad un fenomeno costante di palatalizzazione della vocale A, il cui esito diviene E (ad es. chèvre, pré). Nelle parlate francoprovenzali si verifica invece una situazione intermedia, poiché avviene la palatalizzazione della A tonica solo se è in contatto con una consonante palatale (perciò chevra o chivra, ma pra).

(2) La citazione (che compare nell’opera dell’autore “Schizzi franco-provenzali” pubblicata nel 1878) è tratta dalla pubblicazione di G. Tuaillon, Le Francoprovençal. Progrès d’une définition, Saint-Nicolas, Centre d’Etudes Francoprovençales “René Willien”, 1994, p.8.

(3) C. Grassi, A. Sobrero, T. Telmon, Fondamenti di dialettologia italiana, Roma, Laterza, 1999, pp. 50-51.

franco-provenzale

La parola “francoprouvensal” t’ità anouvrà, per lou prémìe col, da lou glottologo Graziadio Isaia Ascoli, que, gueitoòn l’evolusioun lingouistica de la A tonica latinna (1) an sillaba libbra, l’at identificà le caratteristique princhipale de setta lenga «Mondo francoprouvensal in tipo idiomatic, que ansén arbate, avéi carca soi carater spechific, plus de caratter, qui an part soun coumùn aou fransé an part au prouvensal, è vien pà da inna tarda confluenza de element difrént, ma, anveche, andiqque sa propria andipendensa storica, ma pa ton difrenta da selle per le cale se distingoun, fra lour, li outri prinsippi neo –latin» (2).
Se trate d’in ansén de lengue parlà, onca in baroun difrente tra lour, que però i l’on de pouint distint que le fòn diversifiqué da lou fransé, l’ouchiton è lou piemountéis.
Lou francoprouvensal l’at svilupase din la part a mezjorn è a matin de la Fronsa, din la vielha zona d’influensa de Lioùn è i propi la zona andounque itavoun li Bourgundi.
Lugdunum, nouminà da Aougousto, capital de la Gallia l’à menà la roumanizassioun de la zona (andounque ièroun li Chelti) è venouà capital dou renho di Bourgoundi, e, asì, la fourmasioun de setta noueva lenga neolatinna.
Avéi la riunioun de Lioun a la Fronsa, din lou XIV secoul, la lenga d’oil i venouà la lenga uffichala dou renh è l’at senhà lou destin dou francoprouvensal, riduì à in ansen de dialet parlà su lou post.
Lou grup lingouistic francoprouvensal fèit part de le lengue galloromanze è occuppe (o occupave) «an Fronsa, la pi gronta part di dipartiment de la Loira è dou Rodano, la part finala à mezjorn è matin dou dipartiment de la Saone, Loira, sella meridiounala di dipartiment dou Doubs è dou Jura, li dipartiment de l’Ain (meno sa part finala a mezanouèit), de la Savoia è de l’Oouta Savoia, la pi grosa part de sal de l’Isère e la part finala a mezanouèit de selli de la Drome è de l’Ardéche.
Feit asì part de la Svissera Roumanda o de lenga franseza, meno lou cantoun dou Jura, vout dire li cantoun de Neuchatèl, Vaud, Ginevra, la sezioun roumonsa di cantoun de Fribourg è dou lac de Bienne è la premiera chéina du Jura» (3).
De l’area francoprouvensala, an Italia, font asì part li dialèt de le Valade alpinne dou Piemount ouchidental (de la prouvincha de Turin qui von da la Val Sangoun à mezjorn finca a la Val Soana, bitòn ansén la Basa Val Suza, la Val Senicla, le Valade de Lons (la Val de Viù, la Val d’Ala, la Val Gronda) e la Val Orc; selle de la Val d’ Aousta, é de le izole lingouistique pulheize de Faeto e Celle San Vito (FG), andounque soun alà à ité de colonie de fransé venu, pout éise, din l’epoca anjoinna.


(1) Lou rizultàt francoprouvensal de la A tonica latinna an sillaba libbra se difrensie bén da li fenomeni de chenjament qui l’on anteressà le outre parlade galloromanze (vout a dire l’ouchitòn è lou fransé). Din l’ouchiton, an éfèit, la voucal latinna se counsèrve sempre (per ezemplo: cabro, pra < lat. voulg. CĀPRA, PRĀTU), anveche avéi lou fransé se vèit in fenomeno coustòn de palatalizasioun de la voucal A, qui rizoulte E (per ezemplo: chèvre, pré ). Din le parlade francoprouvensale, anveche, se verifique inna situasioun d’ou mèss, perquèn a ièt la palatalizasioun de la A tonica maque se a ièt inna counsounonta palatal (aloura chevra o chivra, ma pra).

(2) La chitasioun (que trovén din lou travalh de l’aoutour “Esquiss franco-prouvensal” publicà din lou 1878) ì pilhà da la publicasioun de G. Tuaillon, Le francoprovensal. Progrès d’une définition, Saint-Nicolas, Centre d’Etudes francoprovençales “René Willien”, 1994, pag. 8.


(3) C. Grassi, A. Sobrero, T. Telmon, Fondamenti dei dialettologia italiana, Roma, Laterza, 1999, pp.50-51.