Storielle corte corte come il passo di un pulcino

La verità:
La verità i se presento toujourn patanuo coumà maire l'à faito perqué chacum abbie la pousibilità de la vietî coumà melh li semblo!
La verità:
La verità si presenta sempre nuda come madre natura l'ha fatta perché ognuno abbia la possibilità di vestirla come meglio gli sembra!

L'ee aribà l'outögn:
L'auro gentilo e galanto ajouo a fâ chöire la fölha e a deivietî lâ planta!
E' arrivato l'autunno:
Il vento gentile e galante aiuta a far cadere le foglie ed a spogliare le piante!

Lou quirourgen ai ristourant:
Per talhâ un toc de poulastr â se butto soun mouchòu slou vizazze e a demando: «Bisturi...».
Il chirurgo al ristorante:
Per tagliarsi un pezzo di pollo si mette il suo fazzoletto sul viso e chiede: «Bisturi...».

La plòu â vèrsa:
Que neblas ingrat... â pisan e al'eicöppan bâ su sa maire tèro que laz a creâ!
Piove a catinelle:
Che nebbioni ingrati... urinano e sputano sulla madre terra che li ha creati!

La curiouzità:
Per fâ virâ la tèto a uno fenno, meme se bravo e ounesto, la basto li dire: «Viro-té pâ...!».
Curiosità:
Per far girare la testa ad una donna, anche se brava ed onesta, è sufficiente dirle: «Non voltarti!».

Lou parapluo:
Un mebble que serv per arparâ uno prezouno e... se â soun douâ: la lavâ toutta douâ.
L'ombrello:
Un oggetto che serve per riparare una persona e... se sono due: lavarle tutte due!

La lengo esperanto:
La lengo esperanto i ven noumâ lengo univèrsalo perqué il ee pâ parlâ da nun!
La lingua esperanto:
La lingua esperanto viene definita lingua universale perché non è parlata da nessuno!

La vèso ee preoccupâ:
Lh'invità il aribban a pleno porto... e l'arost ee picit!
II cane è preoccupato:
Gli invitati arrivano a frotte... e l'arrosto è piccolo!

Lou temp pèrdù:
L'eicolìe jouo a dammo: lou meitre lou ruzo... l'eicolìe reipount que a risco pâ gaire... «Ma, moun paure meinâ, l'ê pâ per lî soldi que tu pohi perdre... ma l'ê per lou temp que tu perdi!».
Il tempo perso:
Lo scolaro gioca a dama; il maestro lo rimprovera...: lo scolaro risponde che non rischia molto... «Ma, mio povero figliolo, non è per il denaro che tu puoi perdere... ma è il tempo che tu perdi!».

L'omme ilustre noumà counselhìe din uno groso organizasioun:
«Siouc velh e sourt... tampì per mì...! ma siouc pâ mut... tampí per lh'autri! ».
L'uomo illustre nominato consigliere di un grosso complesso industriale:
«Sono vecchio e sordo... peggio per me...! Ma non sono muto... peggio per gl'altri!».

L'ezemple:
Lî velh, souvent, i dounan de sagge e bouni counselh a lî jouve per se counsoulâ d'èse papì en coundisioun de dounâ de brut ezemple.
L'esempio:
I vecchi, sovente, elargiscono ottimi e savi consigli ai giovani per consolarsi di non essere più in condizioni di dare brutto esempio!

Lou caddre:
Un famoû pintre bien invidià da sî coulèggo perqué al ee verament en gambo: «Ah... paoure mì...see vee aurei proppi fait un caddre de poc valour perqué l'ê lou prumìe vee que â plai decò a mi coulèggo!».
Il quadro:
Un famoso pittore molto invidiato dai suoi colleghi perché egli è veramente in gamba: «Ah... povero me... questa volta avrò proprio dipinto un quadro di poco valore perché è la prima volta che piace anche ai miei colleghi!».

Lou pee de lî soldi:
Lou soldi, per velho dicerìo, qui na trop l'ee melh que a nen doune vìo! Ma coumà vai-lò... sento pasienso!... a mi a pez omequé cant siouc senso!?
Il peso del denaro:
Il denaro, per vecchia diceria, chi ne ha troppo è meglio che ne dia via! Ma come mai... santa pazienza...! a me pesa solo quando son senza!

Valour de la parollo:
La parollo l'ee la muneo dei sèrvèl! La lh'à qui parlo bieen... lî bartavelhaire que parlan mequé a mounea de sinc lira... d'autri que parlan a bilhet de dê milo!
Il valore della parola:
La parola è il denaro del cervello! C'è chi parla molto... sono i chiacchieroni che parlano solo a monete di cinque lire... altri che parlano a biglietti da dieci mila lire!